I VIZI

  • Il salario del giusto è per la vita, il guadagno dell’empio è per i vizi (PR 10,16)
  • Tesori preziosi e profumi sono nella dimora del saggio, ma l’uomo stolto dilapida tutto. (PR 21,20)
  • Come il cane torna al suo vomito, così lo stolto ripete le sue stoltezze (PR 26,11)

Una persona non credente è potenzialmente propensa a condurre una vita piena di vizi a causa del senso di vuoto che ha nel cuore ed è costantemente alla ricerca di emozioni forti, realtà eccitanti, cose nuove che spezzino la noia e la monotonia e per nessun motivo non ha intenzione di rinunciare anche perché molti ritengono che i vizi sono un modo per alleviare lo stress giornaliero. Se uno pensa che chi non segue Dio è libero di fare ciò che vuole perché non deve sottostare a tanti divieti è un illuso. La libertà è una cosa bellissima, ma se è esercita nel modo sbagliato, diventa schiavitù, e non si è più liberi come si pensava di essere; tutto il contrario, ti porterà invece ad essere schiavo del peccato e dei vizi. Come ad esempio fumo, il gioco d’azzardo o la pornografia e tante altre cose che possono dare un appagamento immediato, ma poi ne paghi a lungo andare un grosso prezzo, per il fumo in salute, per il gioco in soldi e la pornografia a distorcere la concezione di amore, di conseguenza cercare un tipo di ragazza che non potrà renderti felice. Ogni vizio porta a distruggere la vita e con i tuoi sforzi non riuscirai a dominarli, perché ormai sei schiavo di quelle cose. Un vizio tira l’altro se non ci sono freni, s’inizia a volere sempre più soldi, poi a fumare, drogarsi, parlare male degli altri. Una vita passata nei vizi non porterà ad essere sempre felici perché non ce ne sarà mai a basta, se ne vorrà sempre più e si diventerà sempre più apatici. Una persona che ha molti vizi è sintomo di un male interiore, una depressione che ha dentro e cerca di coprire tutto con i vizi, quando invece è Dio la soluzione a tutto questo. Dio, però ama ancora quelle persone e potranno ravvedersi in qualsiasi momento e il Signore le prenderà a se. Per chi invece è un credente ci sono due possibili categorie di persone. La prima è quella che è fondamentalmente  buona e lo dimostra facendo anche le opere giuste quando si ha occasione, ma si concede anche dei vizi o dei comportamenti sbagliati di fronte a Dio. Quel tipo di persona spesso è portata a pensare che tutto sommato considerandosi una brava persona, anche se mi concedo qualche vizietto che male c’è? In fondo rispetto a chi non crede, ho già pochi vizi. Non bisogna mai confrontarsi con chi non crede, perché chi non è credente è normale che abbia dei vizi. Bisogna invece avere la parola di Dio come punto di riferimento. Questo modo di pensare fa venire in mente la parabola della donna che fa il pane e inserisce nell’impasto un po’ di lievito che fa lievitare tutta la pasta. Ora, che cosa insegna questa parabola? Che cosa è questo lievito che fa lievitare tutta la pasta? C’è un altro passo del Vangelo, dove si parla del lievito, quando Gesù dice ai discepoli di tenersi lontano dal lievito dei farisei. Il lievito è un’immagine negativa nella Bibbia che sta indicare che se si accetta l’esistenza di un vizio o un cattivo comportamento e non si fa nulla per mettere dei freni a questo, nel lungo periodo porterà ad aprire una porta per il demonio che potrà colpirti maggiormente e inquinerà progressivamente la tua vita fino ad avere delle conseguenze che non avresti mai pensato. Quindi è importante se non altro di mettere dei freni e tenere sotto controllo i vizi per evitare che prendano il sopravvento su di noi. Bisogna sapere che ogni vizio o atteggiamento carnale sono un ostacolo per Dio, per questo è necessario eliminare ogni vizio per avvicinarsi sempre più a Dio. Non bisogna lasciarsi tentare nel dire: << Perché devo smettere? Tanto Dio mi capisce>> No che non ti capisce! Oppure pensare: <<Dio non guarda questi piccoli peccatucci, l’importante è che non commetto cose gravi, per il resto va bene>>. Quello che per te potrebbe essere un piccolo peccatuccio, per Dio invece potrebbe essere grave perché può essere un idolo o un ostacolo per il cammino di fede. Se dunque ci sono dei comportamenti sbagliati nella nostra vita bisogna sbarazzarsene e non trovare delle scuse per non cambiare. Bisogna fare una scelta nella vita su cosa preferiamo, tra i piaceri carnali o la pace spirituale. Non si può avere entrambe perché una esclude l’altra. Non potrai avere pace finché sarai sotto qualche forma di schiavitù. I piaceri carnali possono essere anche molto intensi, ma hanno breve durata, poi rimane il vuoto. Quindi non fai un grande affare se scegli questa via. La pace spirituale invece c’è sempre con una costante preghiera. Se avete appena scelto di seguire la strada della pace spirituale eliminando ogni vizio, allora i miei complimenti! Siete appena cresciuti spiritualmente e avete fatto un passo importante verso la comunione con Dio. Qui allora entra in gioco la seconda categoria, ovvero quelli che sanno di avere dei vizi o dei cattivi comportamenti e si ha la volontà di eliminarli, ma nonostante tutti i tentativi continuano a sussistere. Ci si può trovare nella situazione dove vogliamo obbedire alla legge di Dio, ma siamo anche in un corpo di carne e questo rende tutto complicato. Riconosciamo infatti ciò che è bene ma non abbiamo la forza di compierlo, infatti il bene che vorremo fare non riusciamo a farlo, invece il male che non vorremo fare, proprio quello facciamo (Romani 7,19). Questi sono i casi in cui il nostro spirito è pronto, ma la carne è debole. Prima o poi tutti i cristiani arrivano a questo livello. Come anche Pietro quando aveva promesso a Gesù che non lo avrebbe mai abbandonato, a costo anche di morire con lui ed è stato sincero quando lo ha detto, ma il giorno seguente lo ha rinnegato per tre volte. Come si esce da questa situazione? In questi casi bisogna sapere che Cristo è morto affinché i tuoi peccati siano perdonati e abbia anche la forza compiere la parola di Dio. Con la tua sola forza sarà molto difficile controllare le cattive abitudini, ma se invece lasci che sia Dio a operare e preghi con tutto il cuore e ti arrendi a lui chiedendo di darti la forza di obbedire al suo comando lui lo farà, basta che ti affidi a lui, confessi i tuoi peccati e chiedi con umiltà di liberarti da quel vizio. Se noi lo vogliamo con l’aiuto di Dio, possiamo dominare ogni forma di peccato. Ogni cosa è possibile con Cristo che ci fortifica. Quando deciderai di obbedire a un determinato comando o eliminare qualcosa di sbagliato nella tua vita, allora il Signore ti darà la forza di farlo. Senza la preghiera è impossibile arrivare a questo; pregate e dichiarate più volte di essere liberi dal vizio nel nome di Gesù e vedrai che non sarai più portato a ricadere nel vizio e non avrai neanche più astinenza, perché il Signore può cambiare il tuo cuore se solo glielo permetti. Le persone normalmente non riescono a dominare i vizi perché eliminare un vizio significa creare un vuoto dentro di noi che deve essere riempito con qualcos’altro, per questo, chi riesce a smettere poi ricomincia di nuovo o passa ad avere un altro vizio in sostituzione a quello precedente. Se invece per ogni vizio che vogliamo eliminare, lo sostituiamo con una buona abitudine, allora in questa maniera si riesce a smettere perché il vuoto che l’eliminazione di un vizio crea in noi si sostituisce con qualcosa di buono. Bisogna pensare il motivo che ci ha spinti ha iniziare con un vizio e da li capirai anche con la preghiera con che cosa dovrai sostituirlo. Un altro modo per sconfiggere un vizio è nel caso si ha un amico cristiano di cui abbiamo fiducia e confidenza. Tutte le volte che cadremo nel vizio o in un certo comportamento sbagliato, lo confideremo a lui e ogni volta che succederà, pregherà per te perché il Signore ti possa liberare da ogni cosa che ti rende schiavo, così anche noi pregheremo allo stesso modo. Secondo le testimonianze di chi ha usato questa strategia, garantisce che funziona. Chi non conosce Dio, pensa che i cristiani siano dei poveri sacrificati che non si godono la vita, lasciandosi andare con i vizi, ma la verità è esattamente l’opposto perché dopo aver eliminato ogni vizio sperimenteremo una comunione più profonda con Dio e scopriremo che a far tutto questo ne valso la pena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.