ARRABBIARSI SENZA PECCARE

  • Non litigare senza motivo con nessuno, se non ti ha fatto nulla di male ( PR 3,30)
  • Lo stolto manifesta subito la propria collera, ma chi è avveduto dissimula l’offesa (PR 12,16)
  • Chi è pronto all’ira commette sciocchezze, il malintenzionato si rende odioso. (PR 14,17)
  • Chi è paziente ha grande prudenza, chi è iracondo mostra stoltezza (PR 14,29)
  • È una gloria evitare le contese, attaccar briga è proprio da stolti (PR 20,3)
  • Non ti associare a un collerico e non praticare un uomo iracondo per non abituarti alle sue maniere e non procurarti una trappola per la tua vita (PR 22,24-25)

Siamo sempre abituati a vedere un credente sempre dolce e mansueto, ma essendo persone siamo tutti soggetti a provare rabbia in diverse circostanze. Ora ci si dovrà porre una domanda: è giusto che un credente possa avere dei momenti di rabbia? Penso proprio di sì. II fatto di arrabbiarsi non è una cosa negativa se lo scopo è di correggere. Anche Gesù si arrabbiava, nel Vangelo ci sono alcuni esempi. Quello più famoso è quando Gesù scaccia i mercanti nel tempio. Qualcuno potrebbe pensare che fosse stata una reazione esagerata, ma bisogna capire la gravità della cosa. Nel tempio c’era un grande cortile che secondo la parola di Dio era stato fatto per le altre popolazioni. Se qualche straniero si recava in quel posto e pregava il Dio di Israele, allora il Signore avrebbe ascoltato le loro preghiere; il popolo ebreo doveva essere luce per le altre nazioni. Invece accecati dall’odio verso chi non era ebreo, avevano pensato di non lasciare passare gli stranieri e fare invece un mercato e un luogo dove fare profitti anche escogitando truffe, per questo si arrabbiò così tanto. Paolo nelle sue lettere dice: adiratevi, ma non peccate; non tramonti il sole sopra la vostra ira, e non date spazio al diavolo (Efesini 4,26-27). Se la rabbia è mossa dalla giustizia di Dio, allora è una cosa buona, può servire per rilevare un atteggiamento sbagliato che una persona fa, e se detta con decisione, allora può essere efficace, in modo che la persona che ha sbagliato non commetta più lo stesso errore. D’altro canto quando uno è arrabbiato in quel momento, è più facile farsi prendere troppo dall’ira e dire e fare cose sbagliate, quindi l’autocontrollo è sempre una cosa fondamentale per evitare di fare peccati. Infatti, quando perdiamo il controllo di noi stessi, è satana che prende il controllo di noi, per questo bisogna stare calmi e non permettere che l’ira prenda il sopravvento su di noi.  Importante anche dalla prudenza delle scelte, infatti una decisione presa in un momento di ira è sempre sbagliata. Le decisioni vanno prese a sangue freddo e dopo una sana preghiera, che la scelta sia guidata dal Signore. Non tutti però quando le persone si arrabbiano la manifestano con l’ira; è possibile esteriorizzare la rabbia in maniera fredda, ovvero rimanendo muti e indifferenti quando si ha davanti la persona di cui si è arrabbiati senza neanche dire il motivo di questo comportamento e questo non è un atteggiamento molto proficuo perché quando si è arrabbiati o offesi bisogna parlarne e chiarire subito e non fare il musone senza dire nulla perché questo non risolve il problema. È possibile che ci sia stata un incomprensione, o una battuta detta in un momento inopportuno. Tuttavia in mancanza di una grave motivazione è sempre meglio evitare di litigare o arrabbiarsi eccessivamente, a volte basta anche solo rimproverare per far capire all’altra persona dove secondo noi ha sbagliato, questo anche nel caso quella persona ha un carattere docile e incline ad accettare le correzioni. il nostro spirito di fondo deve essere mansueto, mite, dolce. In altre parole, si deve alzare la soglia oltre la quale si perde la pazienza: in questo caso, se capita di arrabbiarsi, sicuramente quello che si dice sarà preso in maggiore considerazione. Se una persona è solito ad arrabbiarsi per futili motivi, le persone che gli stanno attorno penseranno: << Ecco, un altro dei sui sfoghi >>. Se invece ci arrabbiamo raramente penseranno << Ehi, che succede? Come mai si è arrabbiato così? >>. Per questo che chi si arrabbia raramente viene preso più in considerazione. Il libro dei proverbi inoltre diffida nel frequentare persone iraconde perché il loro atteggiamento rischia di influenzare anche noi, e non bisogna mai prendere un peccatore come modello di vita.

DAVANTI AI MOMENTI DIFFICILI DELLA VITA

  • Gli empi, una volta abbattuti, più non sono, ma la casa dei giusti resta salda (PR 12,7)
  • Un cuore lieto fa bene al corpo, uno spirito depresso inaridisce le ossa. (PR  17,22)
  • Torre fortificata è il nome del Signore: il giusto si rifugia ed è al sicuro (PR 18,10)
  • Se te ne starai indolente nel giorno della sventura, ben poca è la tua forza. (PR 23,10)

Il giusto e l’empio davanti alle delusioni e i momenti difficili della vita si comportano in maniera estremamente opposta. Inizio con l’esaminare il comportamento di chi non è credente e vive una vita completamente senza Dio. Nei momenti di forte crisi dove la persona è emotivamente scossa, l’istinto la porta a cercare di anestetizzare il dolore, soprattutto se non può più far niente per risolvere la crisi, come ad esempio un marito che si separa dalla moglie può iniziare a bere alcolici fino a ubriacarsi per non pensare più ai problemi oppure inizia a frequentare le prostitute pensando che quel breve momento di piacere possa coprire il dolore che sta provando a causa del periodo di crisi in corso; o senza ad arrivare a questo si inizia a cercare assiduamente altre donne da avere brevi storie, ma il succo è sempre quello. In altri casi se c’è un ragazzo che ha una situazione famigliare molto grave da indurlo in depressione potrebbe finire nel giro della droga che è il più potente anestetico contro la depressione, ma si finisce sempre a peggiorare ancora più le cose. Molte delle persone che si drogano pesantemente dicono di farlo per non pensare troppo a quanto è brutta la loro vita. Di fronte a una pesante crisi finanziaria oltre a poter cadere in alcol e droga ci si affida a strozzini per ricevere prestiti e anche qui si finisce in una spirale che è ancora più difficile uscirne. In Grecia durante il periodo più brutto della crisi è aumentato vertiginosamente il consumo di cocaina e altre droghe pesanti. Un altro caso tipico per le donne è sfogare la depressione sul cibo, iniziando a mangiare in continuazione fino anche a vomitare e ricominciare a mangiare, questi sono i casi di bulimia. In altri casi ancora, se la persona ha una forte depressione che non la esterna, ma la tiene tutta dentro si può arrivare anche all’autolesionismo. Questo perché si inizia ad odiare se stessi fino a farsi del male, come per esempio tagliarsi i polsi. Le persone che intraprendono una di queste strade purtroppo sono tante, e ascoltano le parole di satana che gli dice di buttarsi nei vizi o a farsi del male per cercare di dimenticare il dolore interiore, perché è l’unica cosa che possono fare, e non ci sono altre soluzioni. Gli atei in questi casi propongono di andare dallo psicologo, infatti molti arrivano ad affidarsi a costosi psicologi che non hanno veramente a cuore il loro problema e guardano l’orologio per vedere quando scatta l’ora per farti andare via e dopo molte sedute dove ti ascoltano alla fine dicono cose che sapevi già. Possono capire dove è partito il problema ma che soluzioni danno? È Gesù il miglior psicologo che ci possa essere perché Lui ti scruta e conosce tutte le tue vie (Salmo 139,1-3). Altre persone riescono a non cadere in uno di queste vie, ma il dolore li fa cambiare in un certo periodo, diventano più nervose, scorbutiche, disattente e altri atteggiamenti negativi, come anche una fase di auto isolamento, dove per un periodo non vedono neanche più gli amici. Il caso può cambiare a seconda della gravità della crisi e la forza d’animo di una persona, ma in ogni caso chi non crede nel Signore, e chi non si affida completamente a Lui dovrà soffrire molto e forse prima o poi supererà la crisi. Se sei un credente e ti trovi davanti una persona che sta passando una grave crisi e sta facendo delle sciocchezze per alleviarsi il dolore non bisognerebbe puntare il dito e giudicarlo, peggiorerebbe solo le cose. In questi casi bisogna dare la propria testimonianza e spiegare che Gesù può essere la soluzione al suo dolore (Ved. Pag. 105). Il giusto invece davanti a un brutto periodo sa di avere il Signore come rifugio e non cadrà nel peccato come farebbe un empio, perché il Signore si prende cura di chi si rifugia in lui (Naum 1,7). Avrà bisogno di dedicare più tempo alla preghiera che dovrà essere più profonda e più intensa. Se il cuore del giusto è affranto grida al Signore: << Dio aiutami ascolta il grido del mio cuore e liberami da questa situazione stravolgente >>. Il giusto sa che Dio può farlo perché lui è il nostro più grande consolatore (Tessalonicesi 22,16) che ti resta vicino quando hai il cuore spezzato (Salmo 23,18). Quando i problemi della vita sono incessanti, quando tutto intorno è un caos, devi sapere che Dio ascolta ogni grido sincero che il giusto gli rivolge sia ad alta voce che in silenzio ed egli risponde sempre, anche se la fede ha vacillato o il Signore è stato un po’ trascurato devi sapere che lui non è arrabbiato con te, anzi egli desidera amarti pienamente (1Giovanni 3,1) essendo l’espressione completa dell’amore (4,16). Bisogna semplicemente ravvedersi e gridare a lui, che ascolta il grido e agisce a favore del giusto perché Dio sa come liberarlo dai problemi. Questo significa che ha già in mente dei piani per liberare chiunque si affidi a lui e qualunque sia la sua situazione egli non sta lì fermo a pensarci su, aspetta solo che grida a Lui. Se ti troverai in un momento difficile; tutte le preoccupazioni e i problemi che hai; dalle al Signore, perché egli ha cura di voi (1Pietro 5,7) e se ci sarà Lui che guiderà la tua vita allora le cose si risolveranno perché quanti sperano nel Signore riacquistano forza (Isaia 40,31) per superare il momento difficile senza cadere nella spirale del peccato. Dobbiamo però chiedere il suo aiuto e il suo sostegno, anche se credi le benedizioni non sono automatiche, per avere bisogna chiedere, anche se lui sa già di che cosa abbiamo bisogno anche prima che lo chiedete, ma è giusto chiederlo nelle preghiere, perché il Signore vuole che abbiamo un  rapporto continuo con Lui, basato sulla fede, come padre e figlio. Quando avrai pregato sentirai la pace di Dio, che supera ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori e le vostre menti a Dio. (Filippesi 4,7). Anche se le circostanze sono negative potrai avere la stessa pace nel tuo cuore derivata dal fatto che sai che Dio è all’opera. Non è detto che lo faccia subito, bisogna imparare anche ad avere pazienza e fede insieme. Il Signore affronterà il tuo nemico e trasformerà quel momento difficile della vita in una situazione in tuo favore. Stai certo che a questo punto il nemico, satana ti farà venire in mente qualche pensiero che ti porterà a dubitare di Dio. Del tipo: Non penserai mica che solo perché hai pregato Dio farà qualcosa per te, lui ti ha dimenticato. Se tu crederai a questo, di fatto bloccherai l’opera di Dio che vorrà fare a tuo favore. Attenzione quindi a non credere alle bugie del diavolo. Il Signore vuole che tu sia felice e questo momento difficile della vita passi in fretta  aspettando con fiducia che gli chiediamo aiuto per farvi la grazia perché il Signore ti ama e prova compassione per te, perché un Dio giusto è il Signore; beati coloro che sperano in lui (Isaia 30,18). Quando è presente un’intensa comunione, nei momenti più difficili si rafforza se si è veramente con Dio; d’altronde il giusto sa che tutto concorre al bene, per quelli che amano Dio (Romani 8,28). Se sei con Dio sarà lui a guidare la tua vita, e questo dona un senso di pace e riposo perché tutto quello che succederà nella vita, anche le esperienze dolorose, c’è sempre un piano di Dio dietro a quegli avvenimenti, e solo dopo mesi o a volte anni capiremo il perché Dio ha permesso una determinata esperienza negativa e vedremo che da quel che è successo è  nato anche qualcosa di positivo che non sarebbe mai potuto accedere in altro modo. Perché solo Dio può tirare fuori il bene dal male. Quindi bisogna sempre amare e lodare Dio a prescindere dal periodo bello o brutto che stiamo vivendo perché lui ti ama e non ti abbandona, anzi ti prende per mano e ti sta vicino anche se non senti la sua presenza. Infatti così dice il Signore: “Poiché io conosco i pensieri che ho in mente per voi; dice l’Eterno, pensieri di pace e non di male, per darvi un futuro e una speranza. Mi invocherete e verrete a pregarmi e io vi esaudirò. Mi cercherete e mi troverete, quando mi cercherete con tutto il vostro cuore” (Geremia 29,11-13). Se si sta passando un momento di difficoltà non bisogna perdersi d’animo, ma confida nel Signore perché  “I giusti gridano e l’Eterno li ascolta e li libera da tutte le loro sventure” (Salmi 34,17). Sono infatti molte le afflizioni del giusto, ma l’Eterno lo libera da tutte (19), perché così dice il Signore: Ti ho amato di un amore eterno, per questo continuo ad esserti fedele (Geremia 31,3). L’errore che fanno spesso le persone, anche credenti, è l’autocommiserazione; lamentarsi e piangersi addosso per la situazione e non reagire. Frasi del tipo: <<proprio a me doveva capitare>> oppure <<cosa ho fatto di male per meritarmi questo>> sono espressioni di un modo di vedere le cose che non attira Dio, ma al contrario impedisce un suo intervento. Non è con l’autocommiserazione che favorirai l’intervento di Dio, ma è con la fede che il Signore potrà fare qualcosa per te. Prega intensamente e abbi fede che Lui è all’opera anche se non vedrai subito gli effetti del suo operato. Se ad esempio la causa del tuo problema è dovuto a una persona che ha commesso un’ingiustizia contro di te, non cercare di risolvere il problema mosso dalla rabbia ma confida in Dio e vedrai che Lui riuscirà a fare giustizia più di quanto avresti immaginato. Un altro errore comune è quello di dare la colpa al Signore del periodo difficile che si sta vivendo. Questo è perché si ama Dio solo per ricevere benedizioni, e non si tollera alcuna sofferenza, come se i cristiani ne dovessero essere immuni. Alcune persone possono di fatto arrabbiarsi con Dio o perdere la fede invece di adorarlo e chiedere il suo aiuto. L’errore più grande è dare la colpa a lui quando si soffre. Nella Bibbia abbiamo l’esempio di Giobbe, uomo saggio e giusto agli occhi di Dio e pieno di benedizioni in tutti gli ambiti della vita. Satana però accusa Giobbe davanti a Dio di adorarlo solo perché ha ricevuto molte benedizioni da Lui, e senza di quelle lo bestemmierebbe subito. Allora Dio permette che a Giobbe gli succeda una disgrazia dopo l’altra. Ma Giobbe in nessun caso bestemmia, anzi dice invece: << Il Signore ha dato, il Signore ha tolto, Benedetto il nome del Signore >>. Così anche chi è credente, deve avere quest’atteggiamento. Il più delle volte si soffre a causa dei nostri sbagli, ci sono però dei casi dove si entra in un periodo difficile nonostante si è sempre continuato a camminare con il Signore. Giobbe è un esempio. Anche Giuseppe accadde qualcosa di analogo: Venne incarcerato ingiustamente per molti anni. Gesù ha sempre fatto la volontà di Dio ma ha sofferto le pene della croce. Che cosa accomuna questi 3 casi? La sofferenza è successivamente cessata e loro sono stati grandemente ripagati da queste sofferenze. infatti, Giobbe superato la dura prova ricevette il triplo di quello che possedeva inizialmente. Giuseppe uscito dal carcere divenne la seconda carica di governo d’Egitto. Gesù divenne il re del regno di Dio. Se dunque stai soffrendo anche se hai sempre lodato e servito il Signore, non mollare ma rimani sempre saldo nella fede. Se Dio permette un periodo di crisi è possibile che è per metterci alla prova per vedere se confidiamo in Lui o nel peccato, in ogni caso Dio non permetterà che siate tentati oltre le vostre forze, ma insieme con la tentazione, darà anche il modo per uscirne per poterla sostenere (1Corinzi 10,13). Un giorno il Signore ti dirà: Hai passato un momento difficile, non ho asciugato le tue lacrime, non ti ho detto quello che stavo facendo per te e tu durante tutto questo periodo hai sempre continuato a lodarmi, ad avere fiducia in me e a servirmi e ora sei pronto per la promozione. Il Signore ti ripagherà per ogni sofferenza molto di più di quanto puoi immaginare. Quando la crisi sarà passata allora ci accorgeremo di essere anche più forti di prima e più vicini al Signore e si avrà anche imparato molte cose da questa esperienza che potrà essere usata per dare testimonianza a chi ne ha bisogno, specialmente a un peccatore in una situazione di difficoltà e dire come è stata superata la crisi grazie all’aiuto di Dio. Esattamente come sta scritto anche in 1Pietro 5,10: E il Dio di ogni grazia, il quale vi ha chiamati alla sua gloria eterna in Cristo Gesù, egli stesso, dopo che avrete un poco sofferto, vi ristabilirà, vi confermerà, vi rafforzerà, vi darà solide fondamenta. Questo può aprire le porte alle conversioni. Nel caso che una persona non credente sia in un momento difficile della propria vita e si comporta da peccatore e la sofferenza al posto di diminuire aumenta, c’è anche la possibilità che fallite tutte le soluzioni mondane scelga finalmente di affidarsi a Dio e in quel caso Dio non lo abbandonerà ma lo accompagnerà alla fine della crisi attraverso una rinascita spirituale per vivere una vita in pace e serenità. Questo accadrà anche se si è trascorso la vita lontano da Dio, a bestemmiare e a prendere in giro e ridicolizzare i credenti. Porterà quindi a sperimentare un amore di Dio gratuito e immeritato ed è questo che porta al ravvedimento. Ci sono molte testimonianze che vanno in questa direzione.  Spesso quello che causa un periodo brutto è dovuto a una grande delusione derivante un fallimento degli obiettivi di cui ci eravamo prefissati nella vita. Ad esempio: Cercare un determinato lavoro o ambire in una posizione sociale elevata e tutto ciò che può considerarsi il sogno della nostra vita. È legittimo avere delle ambizioni e fissarci degli obiettivi; l’errore che però si può fare è quello di metterlo al primo posto e dimenticarci totalmente di Dio e di quello che ha fatto per noi. Gesù disse: << chi ascolta la mia parola, ma non la mette in pratica è simile a un uomo stolto che ha costruito la sua casa nella sabbia; soffiarono i venti e arrivò la tempesta e la casa crollò perché non aveva forti fondamenta e la rovina fu grande. Invece chi ascolta la mia parola è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa nella roccia; soffiarono i venti e arrivò la tempesta e la casa rimase in piedi perché aveva forti fondamenta>>. (Luca 6,47-49). Questo ci insegna che mettere al centro della nostra vita solo i nostri sogni e volerli realizzare senza mettere Dio al primo posto ci rende molto esposti a grandi delusioni perché in caso di fallimento la nostra sofferenza sarebbe grande. Se uno ad esempio ha un determinato obbiettivo nella vita, come diventare cantante, o avvocato pensando che raggiunto l’obbiettivo sarà soddisfatto; se succede che non si riesce a raggiungere quell’obbiettivo o se lo si fa poi si fallisce, allora la rovina sarà molto grande. Viene da pensare anche a chi ha passato la sua vita creando un’impresa e la vergogna di vederla fallire li porta al suicidio. Oppure chi desidera tanto avere un compagno/a e quando la trova, la mette al primo posto, se poi non è la persona che ci si aspettava e avviene una separazione, anche in questo caso il dolore è grande e può rimanere per molto tempo. Se invece come obbiettivo è quello di servire e cercare il regno di Dio allora quello si che una scelta di vita con delle basi solide, come costruire la casa nella roccia. Soffieranno i venti, si abbatteranno le tempeste ma la casa non cadrà, perché se segui Dio, non sarai mai abbandonato; in più riuscirai anche a raggiungere gli obbiettivi prefissati grazie anche alla sapienza. I problemi non mancheranno perché essere cristiani non ti da una immunità ai problemi e alle sofferenze, ma la differenza rispetto a un non credente è che il Signore ti da i mezzi e la forza per superare ogni problema se glielo chiediamo in preghiera. Se noi pensiamo che per poter essere felici dovremo avere una ragazza/o o un lavoro; questo non è mettere Dio al primo posto, perché puoi essere felice già adesso senza possedere per forza quelle cose che sono comunque buone e sa che ne hai bisogno. Immaginiamoci di avere una ragazza/o che amate molto, ma un giorno vi dice: << beh io non sono per nulla felice, non lo sarò finché non avrò trovato un lavoro. Si, ci sei anche tu nella mia vita ma non vali più di tanto per me, la mia felicità è trovare un lavoro e basta>>. Di certo rimarrete molto delusi da questo, così molte persone si comportano così con il Signore, lo mettono tra gli ultimi posti e impostano la propria felicità su altre cose. Poi però non riescono a raggiungere l’obbiettivo o se lo fanno rimangono delusi, e questo può dare inizio a un momento difficile della nostra vita. Il problema è quando si mettono i nostri bisogni prima di Dio, questo si chiama concupiscenza. La fede è già sufficiente per essere felici e chi decide di mettere Dio e la sua parola al primo posto allora sarà proprio Lui a fare in modo che trovi una ragazza/o o un lavoro ed è garanzia che con Dio non avrà mai una delusione. Se invece confidi nelle persone, purtroppo le delusioni prima o poi deluderanno. Il Signore non abbandona chi confida in Lui, perché è Lui la roccia e anche se ci saranno fallimenti, si proverà dolore ma non così tanto da essere disperati e il Signore provvederà a una via di uscita dalla brutta situazione che ci si trova a causa del fallimento. Molti periodi brutti si possono evitare seguendo la parola di Dio, è meglio prevenire che curare.

IL VINO E LE BEVANDE ALCOLICHE

  • Il vino è beffardo, il liquore è tumultuoso; chiunque si perde dietro ad esso non è saggio (PR 20,1)
  • Diventerà indigente chi ama i piaceri, chi ama il vino e i profumi non si arricchirà (PR 21,17)

Qual è la posizione della Bibbia riguardo al vino e le bevande alcoliche? C’è chi dice che un credente non deve assolutamente bere perché è peccato, ma per altri no; ma cosa dice la scrittura a riguardo? Da nessuna parte sta scritto che bere vino e bevande alcoliche sia peccato, infatti Gesù disse: Non c’è nulla infuori dell’uomo che entrando in lui possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro (Marco 7,15). Quindi non è ciò che mangiamo o beviamo a costituire  peccato perché tutto questo prima o poi esce dal nostro corpo e non ci danneggia spiritualmente, ma è quello che esce fuori dalla nostra bocca, il nostro parlare che può generare occasione di peccato. Inoltre Gesù come primo miracolo ha trasformato l’acqua in vino alle nozze di Cana e non l’avrebbe mai fatto se il vino fosse peccato. Il vino all’epoca era considerata come fonte di gioia e non poteva mancare alle feste. Tuttavia anche se non è peccato, è possibile che lo diventi se si ha una dipendenza e quindi una schiavitù dall’alcool. Se una persona beve un bicchiere di vino o birra durante un pasto per il fatto che gli piace il gusto del vino o la birra o un amaro alla fine dei pasti; in quel caso lo fa apprezzando i doni di Dio che da agli uomini, e Dio vuole che godiamo dei Suoi doni, questo sempre però mantenendo uno strato di lucidità. Ma se una persona beve con il solo scopo di ubriacarsi e sente dentro di se che non può fare a meno di bere perché se no, non si diverte, allora in questo caso diventa una schiavitù ed è peccato. Diventa schiavitù tutto ciò che senti che non puoi più farne a meno. Prima di tutto troppo alcool fa male al corpo e poiché la salute è un dono di Dio, non bisogna rovinarsela per un effimero divertimento, senza contare anche il quanto può incidere nel nostro portafoglio. Ma la cosa più importante è che se una persona pensa che deve per forza bere per divertirsi, allora c’è qualcosa che non va nella sua vita. Evidentemente ha un vuoto dentro che cerca di riempirlo con l’alcool; in questo caso il vino o le bevande alcoliche in generale diventano un idolo, in altre parole in mezzo nel quale lo ritieni fondamentale per la tua felicità. L’alcool non potrà mai darti la felicità perché non potrà riempire il tuo vuoto interiore; solo il Signore lo farà se glielo chiedi. Il doversi per forza ubriacare e ricercare il più possibile emozioni forti è fonte di dissolutezza che ti porta a vivere una vita vuota e lontana da Dio, senza tener conto di come si può comportare una persona ubriaca, a qualcuno può anche portare a una eccessiva ira se si è provocati, e si fanno cose che da lucidi non si farebbero. Paolo nella sua epistola scrive: Non ubriacatevi di vino, che fa perdere il controllo di sé; siate invece ricolmi dello spirito (Efesini 5,18). Se permetti a Dio di riempire quel vuoto e preghi di riempirti il cuore di Spirito Santo e toglierti la dipendenza da alcool allora non sentirai più il bisogno impellente di ubriacarti. Potrai sempre continuare a bere, ma solo con moderazione senza dover arrivare a ubriacarsi continuamente e avrai di fatto vinto la dipendenza. Chi invece non conosce Dio non crede nella sua potenza di cambiare i cuori delle persone. Gli psicologi atei davanti a una persona che ha dipendenza da alcol, prima gli fanno ammettere che è un alcolizzato e poi gli dicono che devono smettere e devono farlo solo con le proprie forze, ma diranno anche che questa voglia impulsiva di bere l’avranno sempre o per lungo tempo. Ora, se credi in questo, ti maledici da solo e anche se ti obbligano a smettere sarai sempre frustrato perché vorrai bere e ubriacarti ma non potrai. È dura vivere con una gran voglia di fare qualcosa e non poterla fare, è davvero irritante e seccante. Il credente evita tutto questo perché il Signore può risolvere  il problema dalla radice togliendoti di fatto la dipendenza da alcol.

I VIZI

  • Il salario del giusto è per la vita, il guadagno dell’empio è per i vizi (PR 10,16)
  • Tesori preziosi e profumi sono nella dimora del saggio, ma l’uomo stolto dilapida tutto. (PR 21,20)
  • Come il cane torna al suo vomito, così lo stolto ripete le sue stoltezze (PR 26,11)

Una persona non credente è potenzialmente propensa a condurre una vita piena di vizi a causa del senso di vuoto che ha nel cuore ed è costantemente alla ricerca di emozioni forti, realtà eccitanti, cose nuove che spezzino la noia e la monotonia e per nessun motivo non ha intenzione di rinunciare anche perché molti ritengono che i vizi sono un modo per alleviare lo stress giornaliero. Se uno pensa che chi non segue Dio è libero di fare ciò che vuole perché non deve sottostare a tanti divieti è un illuso. La libertà è una cosa bellissima, ma se è esercita nel modo sbagliato, diventa schiavitù, e non si è più liberi come si pensava di essere; tutto il contrario, ti porterà invece ad essere schiavo del peccato e dei vizi. Come ad esempio fumo, il gioco d’azzardo o la pornografia e tante altre cose che possono dare un appagamento immediato, ma poi ne paghi a lungo andare un grosso prezzo, per il fumo in salute, per il gioco in soldi e la pornografia a distorcere la concezione di amore, di conseguenza cercare un tipo di ragazza che non potrà renderti felice. Ogni vizio porta a distruggere la vita e con i tuoi sforzi non riuscirai a dominarli, perché ormai sei schiavo di quelle cose. Un vizio tira l’altro se non ci sono freni, s’inizia a volere sempre più soldi, poi a fumare, drogarsi, parlare male degli altri. Una vita passata nei vizi non porterà ad essere sempre felici perché non ce ne sarà mai a basta, se ne vorrà sempre più e si diventerà sempre più apatici. Una persona che ha molti vizi è sintomo di un male interiore, una depressione che ha dentro e cerca di coprire tutto con i vizi, quando invece è Dio la soluzione a tutto questo. Dio, però ama ancora quelle persone e potranno ravvedersi in qualsiasi momento e il Signore le prenderà a se. Per chi invece è un credente ci sono due possibili categorie di persone. La prima è quella che è fondamentalmente  buona e lo dimostra facendo anche le opere giuste quando si ha occasione, ma si concede anche dei vizi o dei comportamenti sbagliati di fronte a Dio. Quel tipo di persona spesso è portata a pensare che tutto sommato considerandosi una brava persona, anche se mi concedo qualche vizietto che male c’è? In fondo rispetto a chi non crede, ho già pochi vizi. Non bisogna mai confrontarsi con chi non crede, perché chi non è credente è normale che abbia dei vizi. Bisogna invece avere la parola di Dio come punto di riferimento. Questo modo di pensare fa venire in mente la parabola della donna che fa il pane e inserisce nell’impasto un po’ di lievito che fa lievitare tutta la pasta. Ora, che cosa insegna questa parabola? Che cosa è questo lievito che fa lievitare tutta la pasta? C’è un altro passo del Vangelo, dove si parla del lievito, quando Gesù dice ai discepoli di tenersi lontano dal lievito dei farisei. Il lievito è un’immagine negativa nella Bibbia che sta indicare che se si accetta l’esistenza di un vizio o un cattivo comportamento e non si fa nulla per mettere dei freni a questo, nel lungo periodo porterà ad aprire una porta per il demonio che potrà colpirti maggiormente e inquinerà progressivamente la tua vita fino ad avere delle conseguenze che non avresti mai pensato. Quindi è importante se non altro di mettere dei freni e tenere sotto controllo i vizi per evitare che prendano il sopravvento su di noi. Bisogna sapere che ogni vizio o atteggiamento carnale sono un ostacolo per Dio, per questo è necessario eliminare ogni vizio per avvicinarsi sempre più a Dio. Non bisogna lasciarsi tentare nel dire: << Perché devo smettere? Tanto Dio mi capisce>> No che non ti capisce! Oppure pensare: <<Dio non guarda questi piccoli peccatucci, l’importante è che non commetto cose gravi, per il resto va bene>>. Quello che per te potrebbe essere un piccolo peccatuccio, per Dio invece potrebbe essere grave perché può essere un idolo o un ostacolo per il cammino di fede. Se dunque ci sono dei comportamenti sbagliati nella nostra vita bisogna sbarazzarsene e non trovare delle scuse per non cambiare. Bisogna fare una scelta nella vita su cosa preferiamo, tra i piaceri carnali o la pace spirituale. Non si può avere entrambe perché una esclude l’altra. Non potrai avere pace finché sarai sotto qualche forma di schiavitù. I piaceri carnali possono essere anche molto intensi, ma hanno breve durata, poi rimane il vuoto. Quindi non fai un grande affare se scegli questa via. La pace spirituale invece c’è sempre con una costante preghiera. Se avete appena scelto di seguire la strada della pace spirituale eliminando ogni vizio, allora i miei complimenti! Siete appena cresciuti spiritualmente e avete fatto un passo importante verso la comunione con Dio. Qui allora entra in gioco la seconda categoria, ovvero quelli che sanno di avere dei vizi o dei cattivi comportamenti e si ha la volontà di eliminarli, ma nonostante tutti i tentativi continuano a sussistere. Ci si può trovare nella situazione dove vogliamo obbedire alla legge di Dio, ma siamo anche in un corpo di carne e questo rende tutto complicato. Riconosciamo infatti ciò che è bene ma non abbiamo la forza di compierlo, infatti il bene che vorremo fare non riusciamo a farlo, invece il male che non vorremo fare, proprio quello facciamo (Romani 7,19). Questi sono i casi in cui il nostro spirito è pronto, ma la carne è debole. Prima o poi tutti i cristiani arrivano a questo livello. Come anche Pietro quando aveva promesso a Gesù che non lo avrebbe mai abbandonato, a costo anche di morire con lui ed è stato sincero quando lo ha detto, ma il giorno seguente lo ha rinnegato per tre volte. Come si esce da questa situazione? In questi casi bisogna sapere che Cristo è morto affinché i tuoi peccati siano perdonati e abbia anche la forza compiere la parola di Dio. Con la tua sola forza sarà molto difficile controllare le cattive abitudini, ma se invece lasci che sia Dio a operare e preghi con tutto il cuore e ti arrendi a lui chiedendo di darti la forza di obbedire al suo comando lui lo farà, basta che ti affidi a lui, confessi i tuoi peccati e chiedi con umiltà di liberarti da quel vizio. Se noi lo vogliamo con l’aiuto di Dio, possiamo dominare ogni forma di peccato. Ogni cosa è possibile con Cristo che ci fortifica. Quando deciderai di obbedire a un determinato comando o eliminare qualcosa di sbagliato nella tua vita, allora il Signore ti darà la forza di farlo. Senza la preghiera è impossibile arrivare a questo; pregate e dichiarate più volte di essere liberi dal vizio nel nome di Gesù e vedrai che non sarai più portato a ricadere nel vizio e non avrai neanche più astinenza, perché il Signore può cambiare il tuo cuore se solo glielo permetti. Le persone normalmente non riescono a dominare i vizi perché eliminare un vizio significa creare un vuoto dentro di noi che deve essere riempito con qualcos’altro, per questo, chi riesce a smettere poi ricomincia di nuovo o passa ad avere un altro vizio in sostituzione a quello precedente. Se invece per ogni vizio che vogliamo eliminare, lo sostituiamo con una buona abitudine, allora in questa maniera si riesce a smettere perché il vuoto che l’eliminazione di un vizio crea in noi si sostituisce con qualcosa di buono. Bisogna pensare il motivo che ci ha spinti ha iniziare con un vizio e da li capirai anche con la preghiera con che cosa dovrai sostituirlo. Un altro modo per sconfiggere un vizio è nel caso si ha un amico cristiano di cui abbiamo fiducia e confidenza. Tutte le volte che cadremo nel vizio o in un certo comportamento sbagliato, lo confideremo a lui e ogni volta che succederà, pregherà per te perché il Signore ti possa liberare da ogni cosa che ti rende schiavo, così anche noi pregheremo allo stesso modo. Secondo le testimonianze di chi ha usato questa strategia, garantisce che funziona. Chi non conosce Dio, pensa che i cristiani siano dei poveri sacrificati che non si godono la vita, lasciandosi andare con i vizi, ma la verità è esattamente l’opposto perché dopo aver eliminato ogni vizio sperimenteremo una comunione più profonda con Dio e scopriremo che a far tutto questo ne valso la pena.

NON FARE DEI SOLDI IL PROPRIO DIO

  • Chi confida nella ricchezza cadrà, i giusti invece rinverdiranno come foglie (PR 11,28)
  • I tesori male acquistati non giovano, ma la giustizia libera dalla morte (PR 10,2)
  • Tale è la fine di chi è avido di guadagno; la cupidigia toglie di mezzo colui che ne è dominato (PR 1,19)
  • Accumulare tesori a forza di menzogne è futilità effimera di chi cerca la morte (PR 21,6)
  • L’empio indulge tutto il giorno alla cupidigia, mentre il giusto dona senza risparmiare (PR 21,26)
  • Un buon nome è preferibile a grandi ricchezze e la benevolenza altrui vale più dell’argento e dell’oro. (PR 22,1)
  • L’avaro è impaziente di arricchire, ma non pensa che gli piomberà addosso la miseria (PR 28,22)
  • L’uomo leale sarà colmo di benedizioni, chi ha fretta di arricchirsi non sarà esente da colpa (PR 28,20)
  • è meglio un piatto di verdura con amore che un bue grasso con odio (PR 15-17)
  • Non mangiare il pane dell’avaro e non bramare le sue ghiottonerie  (PR 23,6)

La persona saggia sa gestire in modo giusto le proprie risorse finanziarie, egli sa che sono un dono di Dio e non vanno sperperati. Le ricchezze devono essere usati per la vita, per comprare ciò che serve per vivere e vestirsi, come prima cosa, ma si possono usare per tutto ciò che è buono, tipo lo studio o per piccoli svaghi come ad esempio farsi una passeggiata in montagna. Ricordarsi però che essendo dono di Dio abbiamo il dovere di amministrarlo bene e come riceviamo questi doni, dobbiamo a sua volta donare anche noi una parte ai bisognosi o ai mezzi che diffondono la parola di Dio.  Molti atei invece si illudono di trovare la felicità nelle cose materiali e impostano la propria vita come se il denaro fosse il loro Dio. Il proprio personale Dio è quello che servi e quello per cui sacrifichi. Come ad esempio sacrificare molte ore in famiglia per poter invece lavorare con lo scopo di passare di livello in azienda e avere uno stipendio più alto, più potere e prestigio. Quella persona si ritroverà con più soldi ma con un clima in famiglia dove manca l’amore e anche se si avrà qualche soldo in più sarà tutto inutile. Persone che sacrificano l’amore e l’amicizia per correre dietro al denaro. Questa è la cupidigia, l’amore per il denaro; Gesù cerca di mettere in guardia da questo: Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede (Luca 12,15).  Gesù un giorno raccontò questa parabola: La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé:<<Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così disse: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; riposati, mangia, bevi e divèrtiti>> (16-19) Questo è il tipico caso di una persona che ha il denaro come proprio Dio. Ha passato la vita con l’unico scopo di accumulare ricchezze per se stesso e ora che si rende conto di essere così ricco da riuscire a vivere di rendita, decide di investire in strutture che possano contenere tutte le sue ricchezze, riposarsi e godersi la vita. Quante cose ha dovuto rinunciare per potersi arricchire?  Sono le relazioni che determinano la nostra felicità, a partire dalla relazione con Dio, questo tipo di persone non saranno mai veramente felici, ma vivranno una vita vuota e non riusciranno a trovare quella pace che speravano di trovare, solo Dio può dare quella pace. Ma ora che finalmente ha raggiunto lo scopo della sua vita e pensa di avere vinto, scoprirà presto di aver perso. Quello che per l’uomo è saggezza, per Dio è stoltezza (Ved. Pag. 9) Ma Dio gli disse:<<Stolto! Questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?>>. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio>> (20-21). Passare la vita pensando solo a soddisfare se stessi non paga (Ved. Pag. 13); il personaggio di questa parabola non ha minimamente pensato che tutte queste ricchezze avrebbero potuto sfamare molti bisognosi e portare frutto per il regno di Dio. La cupidigia porta sempre all’egoismo, che a sua volta porta le persone ad essere cinici. Alcune persone per amore del denaro arrivano addirittura a commettere delle vere e proprie azioni criminali, perché sempre quello è il punto, quello che ami più di ogni altra cosa, che sei disposto a tutto pur di averla, quello è il tuo Dio. La cupidigia a volte può anche uccidere, in alcuni casi alcuni componenti delle bande criminali si uccidono tra loro pur di non dover spartirsi il bottino tutti insieme e avere più quindi soldi a disposizione.  Quello che acquisti con i soldi guadagnati in maniera illecita non è gradito a Dio e non ti gioverà affatto. Le persone non credenti che hanno scelto di mettere i soldi al primo posto, il loro unico scopo è di arricchirsi il più in fretta possibile e ogni mezzo è giustificato per ottenere quell’obbiettivo. Queste persone sanno che è molto difficile arricchirsi in fretta perché se si vuole avere uno stipendio piuttosto alto, bisogna studiare molto e anche lì non è detto che si possa trovare un lavoro ben pagato subito, s’inizia sempre con uno stipendio modesto e solo con gli anni se si è bravi, può aumentare. Se invece si vuole guadagnare molto fin da subito e senza stare molto sui libri allora bisogna compiere degli atti illeciti. Ad esempio organizzare truffe o diventare abili nei furti o entrare nella rete dello spaccio o cose simili. Per questo chi vuole arricchirsi in fretta passa nelle vie del peccato. Il pericolo di dover pagare delle proprie azioni davanti alla legge e perdere tutto è molto alto. La sapienza e la giustizia di Dio può liberarti da queste cose che rendono schiave l’uomo. Non si può servire Dio e i soldi insieme perché uno disprezzerà l’altro. Bisogna mettere sempre Dio al primo posto in modo che puoi usare i tuoi soldi nel modo giusto e non ne diventi schiavo e non ne farai un idolo. Chi invece confida in Dio avrà una vita piena e in pace con se stessi e con gli altri, non ha bisogno di tante cose materiali, gli basta l’amore di Dio e del suo prossimo e nient’altro. È molto meglio avere una buona reputazione e tanti amici che possono aiutarti nel momento del bisogno piuttosto che avere molti soldi ed essere circondato da persone false e malvagie, che non ti vogliono bene veramente e ti frequentano solo per opportunismo. Il risultato sarà che ti pugnaleranno alle spalle nei momenti di debolezza. Per questo non bisogna basare la propria vita sulle ricchezze di questo mondo perché non ti daranno la felicità che ti aspetti. Questo lo si può vedere nel mondo di oggi, dove la cultura materialistica e consumistica è largamente diffusa  nonostante un tenore di vita alto, un avanzato livello tecnologico, si continua ad avvertire un incolmabile vuoto interiore, al quale si addiziona la “preoccupazione” di un futuro dai contorni foschi e burrascosi. L’unico Dio che bisogna avere per colmare il vuoto interiore è solo il Signore, che ci ama e ci vuole salvare dalla morte e dalla schiavitù. Quindi se si vede una persona molto ricca, non pensare a quanto sarà felice per quello che possiede. Osservala e se non è credente scoprirai che non è veramente in pace con se stesso e se sembra felice in realtà è solo una maschera. Non invidiarlo e non desiderare quello che ha; è tipico di chi non ha il cuore di Dio pensare così.