IL SALMO 82

Per un credente medio il salmo 82 è alquanto sconosciuto, ma per gli appassionati della teoria dell’antico astronauta non è così, anzi lo conoscono benissimo in quanto ampiamente commentato e usato per estrapolarne delle loro importanti <<verità>>. Non è di rado che nei commenti dei fan di Biglino spunti fuori questo salmo per dire: <<Ecco questo dimostra che Biglino ha ragione>>. Riporto qui sotto il salmo, vedremo quali sono le loro interpretazioni e lo commenteremo.

[1]Dio presiede l’assemblea divina,
giudica in mezzo agli dèi:

[2]»Fino a quando emetterete sentenze ingiuste
e sosterrete la parte dei malvagi?

[3]Difendete il debole e l’orfano,
al povero e al misero fate giustizia!

[4]Salvate il debole e l’indigente,
liberatelo dalla mano dei malvagi!».

[5]Non capiscono, non vogliono intendere,
camminano nelle tenebre;
vacillano tutte le fondamenta della terra.

 [6]Io ho detto: «Voi siete dèi,
siete tutti figli dell’Altissimo,

[7]ma certo morirete come ogni uomo,
cadrete come tutti i potenti».

[8] Àlzati, o Dio, a giudicare la terra,
perché a te appartengono tutte le genti!


INTERPRETAZIONE DI BIGLINO:

Viene immaginato un individuo di un certo rilievo, il capo degli ELOHIM che presiede una  particolare assemblea composta tutta da ELOHIM.  A partire da questo concetto presumono che nessuno può presiedere un’assemblea da solo, quindi dimostra che YHWH non era l’unico ELOHIM come la teologia vuol farci credere. Colui che presiede l’assemblea è molto adirato con i presenti e li rimprovera aspramente perché non stanno governando come dovrebbero, riconosce il fatto che sono degli esseri speciali, con caratteristiche superiori agli umani, ma se continuano a governare in questo modo li ucciderebbe come un comune uomo. Da qui il commento che gli ELOHIM non sono immortali, sono fatti di carne e ossa come noi, anche se hanno geneticamente una vita molto lunga. Possono vivere anche fino a 900 anni. Inoltre nel salmo 82 la parola ELOHIM è accompagnata da verbi al plurale e questo dimostra che erano in tanti e non uno solo. Nonostante tutto teologi non vogliono accettare la sua “giusta” interpretazione e dicono che in questo caso la parola ELOHIM si traduce giudici e non dèi. Quindi nel salmo 82 si parla di un assemblea di giudici. Si tratterebbe di un traduzione di comodo. Il problema è che ci sono altre parole in ebraico usate per riferirsi ai giudici, come FELILIM o SHOFETIM e questo dimostra che non potevano essere giudici.


L’ASSEMBLEA DEI GIUDICI/ELOHIM

Secondo la teologia nel salmo 82 si parla di un’assemblea di giudici. Questa tesi ha una sostenibilità biblica o è un’invenzione dei teologi? In precedenza abbiamo illustrato la regola per determinare se la parola ELOHIM è considerato un plurale di astrazione quindi con il significato di divinità oppure una pluralità di individui. Ecco, in questo brano ci sono entrambi i casi. Nel primo versetto abbiamo il protagonista di questo brano: Dio presiede.. con il verbo al singolare. Così anche all’ultimo versetto: Àlzati, o Dio, a giudicare la terra. Da questi due versetti possiamo essere certi che si sta parlando di YHWH, il Dio d’Israele, regge il verbo al singolare come abbiamo visto nella regola e in più ribadisce: perché a te appartengono tutte le genti, letteralmente tutte le nazioni della terra. In nessun modo si può constatare che si tratti del capo degli ELOHIM, vedremo in seguito che secondo Biglino il capo degli ELOHIM si identifica con la parola ELYON, eppure nel primo versetto questa parola non c’è e qua si contraddice da solo. Non ci resta che capire a chi Dio stia parlando. Il primo versetto continua con la frese:  giudica in mezzo agli dèi. In ebraico troviamo la parola EL, che come detto in precedenza oltre alla divinità indica più che altro il concetto di colui che esercita il potere sulla terra. I verbi successivi sono al plurale, quindi si tratta di una pluralità di individui che esercitano di fatto il potere sulla terra. Come detto in precedenza la parola ELOHIM indica una divinità solo se è accompagnato da verbi e pronomi al singolare, quindi in questo caso non si sta parlando di divinità, ma semplicemente di uomini. La parola ELOHIM  dunque quando non si riferisce a Dio indica  un individuo umano vicino a Dio e consacrato a Lui, che svolge un incarico speciale: Quello di essere un rappresentante di Dio sulla terra. Era considerato un titolo che poteva designare un profeta e allo stesso tempo anche un giudice, come il caso del profeta Samuele che era sia profeta che giudice. Ritornando al significato di ELOHIM dal punto di vista etimologico: Promessa e maledizione; vediamo che può coincidere anche con il ruolo di un giudice umano dove in una sentenza può emanare una promessa, ed esempio un risarcimento danni, o una maledizione, come una sanzione. Infatti, nel dizionario ebraico-Inglese BROWN-DRIVER-BRIGGS, uno dei dizionari più usati al mondo riporta alla voce ELOHIM anche il significato di: rulers, judges: ovvero, governanti giudici, spiegando che identifica soggetti con il ruolo di rappresentanti divini che riflettono maestà e potenza divina. Vediamo degli esempi dove il termine ELOHIM è riferito in maniera inequivocabile a una persona.


MOSÈ, L’ELOHIM

In esodo capitolo 4 troviamo la famosa scena della chiamata di Mosè nel deserto attirato da una rovereto che brucia senza consumarsi. In quella occasione Mosè rimane perplesso all’idea di svolgere il compito assegnato da Dio a motivo della sua difficoltà nel parlare. E fu così che Aronne, suo fratello venne scelto come suo portavoce  Leggiamo i versetti 15 e 16:

Tu gli parlerai e porrai le parole sulla sua bocca e io sarò con la tua e la sua bocca e vi insegnerò quello che dovrete fare. Parlerà lui al popolo per te: egli sarà la tua bocca e tu farai per lui le veci di Dio. Esodo 4,15-16

Facendo la traduzione interlineare della frase sottolineata troviamo:

Dalla traduzione letterale risulta che Mosè viene nominato ELOHIM da Dio stesso, dicendo che Aronne è il portavoce, ma Mosè verso di lui è un ELOHIM. Questo viene ribadito in  esodo 7,1 dove troviamo scritto nel  testo della CEI:  Il Signore disse a Mosè: <<Vedi, io ti ho posto a far le veci di Dio di fronte al faraone>>. Ma la traduzione letterale del testo ebraico dice:

Disse il Signore a Mosè: Vedi, ti ho stabilito/nominato Dio (ELOHIM) davanti al faraone. In questo versetto compare chiaramente che Dio stabilisce o nomina Mosè come ELOHIM. Vediamo dunque che questo  termine applicato agli uomini diventa un titolo, allo stesso tempo si può vedere come il termine ELOHIM non è una pluralità di individui, riferendosi a Mosè che è una singola persona. La nomina di ELOHIM a Mosè da parte di Dio comporta un compito maggiore rispetto a un semplice giudice, implica la responsabilità di un legislatore giusto e retto agli occhi di Dio, rappresentando così la giustizia di Dio davanti agli uomini. Per svolgere al meglio questo compito è necessario che sia anche un profeta ricevendo così degli oracoli provenienti da Dio. Chiaramente, Mosè, essendo un uomo molto anziano, senza potere umano, senza un esercito, non aveva alcun modo di esercitare autorità sul faraone per conto suo. Perciò, questa posizione di autorità era una dimostrazione del controllo sovrano del Signore.  Scopriamo dunque una nuova sfumatura del significato del termine ELOHIM quando è applicato agli uomini; nulla a che vedere a significati che rimandando a una  possibile specie aliena proveniente dallo spazio.  In questo versetto troviamo Mosè, che era un comune essere umano e non un alieno, viene dato il titolo di ELOHIM e il suo rappresentare comporta anche che sia un giudice della giustizia di Dio.

Questa sfumatura del significato di ELOHIM riconducibile al titolo di rappresentante/giudice/legislatore/profeta che è lo stesso significato che troviamo nel salmo 82.

SALMO 45.  IL RE ELOHIM

Tipico salmo regale, si tratta di una composizione poetica scritta da un funzionario di corte in occasione del matrimonio del re. Non dice a quale re è riferito, ma sicuramente si tratta di uno dei re considerati giusti agli occhi di Dio. L’autore esalta le qualità umane tipiche di un re, quali la sua bellezza, la forza e il coraggio. Questo salmo contiene un versetto che è molto interessate:

Ami la giustizia e la malvagità detesti: Dio (ELOHIM1) il tuo Dio (ELOHEKHA2), ti ha consacrato con olio di letizia, a preferenza dei tuoi compagni. (Salmo 45,8)

Da come si può notare compare per due volte la parola ELOHIM. La prima è riferita al re che ama la giustizia e detesta la malvagità. La seconda è riferita all’ELOHIM del re, ovvero  Dio YHWH. All’incoronazione del re veniva versato dell’olio dal sacerdote simbolo di consacrazione a Dio. Anche in questo caso possiamo vedere come la parola ELOHIM può essere anche riferita a un uomo e non ci sono elementi che possano ricondurre all’idea di alieni venuti dallo spazio.

I GIUDICI

Biglino in una conferenza del 17 dicembre 2013 a Cosenza disse che nell’antica Israele i giudici non assumevano il compito di sentenziare nei tribunali, ma quello di essere temporaneamente dei capi politici. Non è quello che si riscontra nella Bibbia! Per Mosè, il suo essere unico giudice di fronte all’immenso popolo di Israele era un peso troppo gravoso, per questo a sua volta nomina altri giudici che si occuperanno dei casi più semplici, a Mosè invece quelli più complessi. In Deuteronomio 16,18-20 troviamo scritto:

Ti costituirai giudici e scribi in tutte le città che il Signore, tuo Dio, ti dà, tribù per tribù; essi giudicheranno il popolo con giuste sentenze. Non lederai il diritto, non avrai riguardi personali e non accetterai regali, perché il regalo acceca gli occhi dei saggi e corrompe le parole dei giusti. La giustizia e solo la giustizia seguirai.

I giudici indagheranno con diligenza e, se quel testimone risulta falso perché ha deposto il falso contro il suo fratello, farete a lui quello che egli aveva pensato di fare al suo fratello. Deuteronomio 19,18-19

Quando sorgerà una lite fra alcuni uomini e verranno in giudizio, i giudici che sentenzieranno, assolveranno l’innocente e condanneranno il colpevole. Deuteronomio 25,1

Samuele fu giudice d’Israele per tutto il tempo della sua vita. 1Samuele 7,15

Dio ha stabilito degli uomini che hanno il compito di giudicare e sentenziare altri uomini secondo la giustizia di Dio e di ed essere dei rappresentanti di Dio, un incarico che durava tutta la vita e non solo temporaneamente (Vedi 1Samuele 7,15) ed e proprio a loro che sta parlando nel salmo 82. Dio tramite Mosè stabilisce delle linee guida e dei principi che i giudici devono tenere conto quando sono in una situazione di una disputa da risolvere. Vediamone alcuni:

Non ledere il diritto del tuo povero nel suo processo. Ti terrai lontano da parola menzognera. Non far morire l’innocente e il giusto, perché io non assolvo il colpevole. Non accetterai doni, perché il dono acceca chi ha gli occhi aperti e perverte anche le parole dei giusti. (Esodo 23,6-8).

poi anche:  Non maltratterai la vedova o l’orfano (Esodo 22,21).

Vediamo quindi che essere rappresentanti di Dio significa tutelare soprattutto i più deboli che sono i poveri, la vedova e l’orfano e assolutamente non farsi mai corrompere ricevendo delle tangenti dalla controparte malvagia. Questi principi li troviamo anche nel salmo 82:

Difendete il debole e l’orfano, al povero e al misero fate giustizia! Salvate il debole e l’indigente, liberatelo dalla mano dei malvagi!». (Salmo 82,3-4)

Nel salmo 82 si può vedere con chiarezza che l’altissimo Dio sta parlando con persone che devono svolgere i ruoli tipici di un giudice; difendere e proteggere la parte più fragile della società. Si può concludere con certezza che queste persone sono proprio dei giudici, anche se non stanno agendo in maniera corretta. L’autore li chiama ELOHIM perché come visto in precedenza, l’essere giudice è solo uno dei ruoli, il significato è più ampio, e solo analizzando e comprendendo la cultura ebraica possiamo scoprire. Per semplificazione possiamo parlare di Giudici SHOFETIM שׁוֹפְטִים. Ogni volta che nella legge di Mosè si invita ad presentarsi davanti da Dio, si riferisce in realtà agli ELOHIM umani, ossia i giudici. Vediamo un esempio di versetto:

Quando un uomo dà in custodia al suo prossimo denaro od oggetti e poi nella casa di costui viene commesso un furto, se si trova il ladro, quest’ultimo restituirà il doppio. Se il ladro non si trova, il padrone della casa si avvicinerà a Dio (ELOHIM) per giurare che non ha allungato la mano sulla proprietà del suo prossimo. (Esodo 22,6-7)

Nella traduzione della Bibbia ebraica redatta dai rabbini troviamo giudici al posto di Dio. Era chiaro per loro che in questo contesto si parla di giudici umani, anche se compare la parola ELOHIM. Allo stesso modo in questa traduzione troviamo la parola giudici anche nel primo versetto del salmo 82. Dio è particolarmente severo con loro perché si tratta di un ruolo dove sono chiamati ad essere dei perfetti rappresentanti di Dio, comporta grandi responsabilità davanti agli uomini e davanti a Dio. Se i giudici non operano secondo giustizia davanti agli uomini potrebbero anche farla franca ma davanti a Dio no! Per questo che nel versetto 7 dice: ma certo morirete come ogni uomo; perché anche se loro sono chiamati ad essere rappresentanti di Dio questo non li rendono immuni dal suo giudizio; dovranno morire anche loro, rendendo conto dei loro peccati. Il versetto non dice: << Potreste vivere anche 900 anni ma vi farò fuori prima se continuate cosi>>. L’interpretazione di Biglino è completamente travisata. Un’altra riflessione da fare è nel versetto 6 dove dice: Io ho detto: Voi siete dèi. Con l’espressione “io ho detto” si riferisce al momento in cui sono stati nominati ELOHIM e non lo erano dunque alla nascita. Anche in questo punto si distanzia molto dal vedere questi individui come alieni, in quanto se uno lo è, lo sa dalla nascita e non c’è bisogno che vengano nominati o qualcuno gli venga detto che lo sono. Usando l’espressione: “Io ho detto: Voi siete” è chiaro che non si sta parlando di alieni, ma di umani che a un certo momento della loro vita vengono nominati ELOHIM.

IL SALMO 82 NEL NUOVO TESTAMENTO

Questo versetto compare anche nel nuovo testamento. Lo commenterò per avere una comprensione ancora più completa del versetto.

Di nuovo i Giudei raccolsero delle pietre per lapidarlo. Gesù disse loro: «Vi ho fatto vedere molte opere buone da parte del Padre: per quale di esse volete lapidarmi?». Gli risposero i Giudei: «Non ti lapidiamo per un’opera buona, ma per una bestemmia: perché tu, che sei uomo, ti fai Dio». Disse loro Gesù: «Non è forse scritto nella vostra Legge: Io ho detto: voi siete dèi? Ora, se essa ha chiamato dèi coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio – e la Scrittura non può essere annullata -, a colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo voi dite: «Tu bestemmi», perché ho detto: «Sono Figlio di Dio»? Se non compio le opere del Padre mio, non credetemi; ma se le compio, anche se non credete a me, credete alle opere, perché sappiate e conosciate che il Padre è in me, e io nel Padre». Allora cercarono nuovamente di catturarlo, ma egli sfuggì dalle loro mani. (Giovanni 10,32-39).

In questa scena Gesù si trova a Gerusalemme e sta camminando nel portico di Salomone, quando incontra dei giudei che gli chiedono di confessare se è lui il Messia. Gesù fa un lungo discorso, ma quello che li fa infuriare è la frase: Io e il Padre siamo una cosa sola. Vediamo qui il concetto della trinità, ma per i giudei questa è una bestemmia e vogliono lapidarlo perché si fa uguale a Dio essendo solo un uomo. È qui che Gesù cita il Salmo 82,6. Vediamo dunque direttamente dalla voce di Gesù un ulteriore spiegazione di chi sono gli ELOHIM citati nel salmo 82. Quello che dice è che sono stati chiamati Dèi coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio. A chi dunque è rivolta la parola di Dio? A chi Dio rivolge direttamente la parola? Ai profeti mediante gli oracoli, ma allo stesso tempo sono anche dei giudici. Quello che Gesù dice ai giudei: Se dunque i profeti/giudici sono stati chiamati Dèi, quindi ELOHIM; io che sono molto di più di un semplice profeta; provengo direttamente dal Padre e sono la perfetta rappresentazione di Dio sulla terra e le mie opere confermano questo perché dite che bestemmio? Questo è quello che voleva far intendere Gesù. Anche in questo versetto del nuovo testamento conferma che la parola ELOHIM nel salmo 82 significa giudice/profeta/rappresentante di Dio. Biglino cita Giovanni 10,33 ma lo fa solamente per dimostrare come il nuovo testamento traduce “theoi” (Dei in greco) quello che in ebraico è ELOHIM. Secondo Biglino avrebbe dovuto essere tradotto con una parola che significa giudice in greco. Come al solito fa un analisi molto superficiale del testo senza entrare nel cuore della questione. È giusto che compaia la parola “theoi” anche se la traduzione greca va a dissipare il senso ebraico della parola ELOHIM nel contesto del salmo 82. Ma La spiegazione di Gesù è chiara lo smentisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.