LA VISIONE DI EZECHIELE 3/4

Continuiamo la lettura del capitolo …

Io guardavo quegli esseri, ed ecco sul terreno una ruota al fianco di tutti e quattro. Le ruote avevano l’aspetto e la struttura come di topazio e tutte e quattro la medesima forma; il loro aspetto e la loro struttura erano come 6) di ruota in mezzo a un’altra ruota. Potevano muoversi in quattro direzioni; procedendo non si voltavano. Avevano dei cerchioni7) (VEGABEHEM וְגַבֵּיהֶן) molto grandi e i cerchioni di tutt’e quattro erano pieni di occhi. Quando quegli esseri viventi si muovevano, anche le ruote si muovevano accanto a loro e, quando gli esseri si alzavano da terra, anche le ruote si alzavano. Dovunque lo spirito le avesse sospinte, le ruote andavano e ugualmente si alzavano, perché lo spirito degli esseri viventi era nelle ruote. Quando essi si muovevano, anch’esse si muovevano; quando essi si fermavano, si fermavano anch’esse e, quando essi si alzavano da terra, anch’esse ugualmente si alzavano, perché nelle ruote vi era lo spirito degli esseri viventi. (V.15 – V.21)

A questo punto compaiono gli OFANIM di cui abbiamo precedentemente analizzato. In questa parte della visione vengono descritti i movimenti dei KERUVIM e degli OFANIM in modo da rievocare l’immagine di uno stormo di uccelli quando, in maniera del tutto sincronizzata, varia direzione in volo, cambiando rotta drasticamente senza che ognuno i loro perda il proprio posto. Questa, probabilmente, fu la visione che ebbe Ezechiele riguardo i KERUVIM e gli OFANIM in movimento. Il testo è chiaro sul fatto che i KERUVIM  e  gli OFANIM sono due elementi ben distinti e non un’unica entità e questo è un altro elemento che esclude a priori la possibilità che sia una navicella aliena.

6)   e   7)  Secondo Biglino l’espressione:  ruota in mezzo a un’altra ruota, combinato con la parola VEGABECHEM (e i loro cerchioni) tradotta con il termine “curvatura” è un chiaro riferimento alla descrizione di una navicella a forma di disco volante, così come appare nell’immaginario collettivo. Iniziamo con l’esaminare la parola VEGABECHEM di cui deriva la radice GAV גַּב: Secondo il dizionario significa: Un oggetto curvo, sporgente, prominente, concavo, convesso. A seconda del sostantivo di riferimento può assumere diversi significati: Se riferito al corpo umano significa “spalla” (Salmo 129,3), se riferito allo scudo significa “bombatura” (Giobbe 15,26), se riferito agli occhi corrisponde alle “sopracciglia” (Levitico 19,4). Nel brano ora in esame il termine GAV è riferito agli OFANIM, che vengono tradotte come “ruote”. in questo caso la traduzione adeguata corrisponde a “cerchioni” e non a un semplice “curvatura”. Come detto in precedenza gli OFANIM da come sono descritti nel libro di Enoch non sono gli oggetti meccanici; approfondendo il versetto 16 troviamo:

Il loro aspetto e la loro struttura erano come di ruota in mezzo a un’altra ruota.

La parola tradotta nella Bibbia come “aspetto” più precisamente significa “le loro apparenze” e la parola tradotta come “struttura” significa “la loro azione”. Dunque Ezechiele non ha visto delle ruote, ma ha visto un qualcosa che dall’aspetto e dal movimento ricorda vagamente delle ruote. Se volessimo avere una rappresentazione grafica per come vengono descritti da Ezechiele in maniera letterale vedremo due ruote intersecate a 90 gradi. Niente a che vedere rispetto a una visione di un disco volante. Se invece Ezechiele avesse veramente visto, con i proprio occhi delle navicelle a forma di dischi volanti come gli avrebbe potuti descrivere? In ebraico biblico non esiste una vocabolo che corrisponde alle descrizione di un disco. Avrebbe potuto usare la parola GAV ma in maniera diversa da come appare nel testo ebraico in quando con questo vocabolo si intende un oggetto con una bombatura unidirezionale quando invece la forma di un disco non è propriamente curvo in questo modo ma ha una doppia bombatura disposta in maniera simmetrica. Si sarebbe anche potuto usare il duale applicato alla parola GAV per indicare un plurale limitato a due elementi: Quindi per descrivere una forma di una disco in ebraico biblico avrebbe dovuto essere:

Da precisare che anche in questo caso, parlare di dischi volanti alieni sarebbe stato comunque una fantasiosa speculazione, ma almeno dal punto di vista lessicale sarebbe stato coincidente. Per ultima cosa Biglino identifica nella parola “occhi” nel versetto 18: i cerchioni di tutt’e quattro erano pieni di occhi, gli oblò dei dischi volanti partendo sempre dalla errata traduzione di “occhi” come luminescenza smentita in precedenza.

CONTINUA…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.