IL PENTIMENTO E IL PERDONO

  • Un dono fatto in segreto calma la collera, un regalo di nascosto placa il furore violento (PR 21,14)
  • Un fratello offeso è più inespugnabile d’una roccaforte, le liti sono come sbarre in un castello (PR 18,19)

Quando la controversia non si risolve; si vedranno manifestarsi le conseguenze negative che la mancanza di pace tra due persone porta con sé. Quando una delle due persone in questione non ha uno spirito di perdono, nascerà in lui il rancore verso l’altra persona. Il rancore è una di quelle cose insieme all’invidia che ti distruggono anima e corpo. Dio ci tiene che tra noi abbiamo buoni rapporti, è una delle cose più importanti. Addirittura Gesù dice che prima di fare un’offerta, bisogna andare a far pace con chi si ha un rancore, e poi dopo si farà l’offerta (Matteo 5,23). Questo significa che avere un rancore o una invidia verso un’altra persona interrompe anche il rapporto con Dio, perché non puoi dire di amare Dio e poi odiare il prossimo, questo è quello che fanno i bugiardi e gli ipocriti. Fino a quando una persona avrà rancore, odio e invidia nei confronti di un’altra persona le offerte non saranno gradite e le preghiere non verranno ascoltate. Per eliminare il rancore ci vuole il perdono e il desiderio di rincontrare quella persona che ci ha fatto del male e perdonarla. Per raggiungere la pace anche l’altra persona deve collaborare e chiedere scusa, ma in ogni caso il perdono è come una piccola grazia che si fa all’altra persona. Perdonare non è sempre così facile, specie quando pensiamo che non si possa meritare il nostro perdono. Quando si rincontra la persona con cui abbiamo litigato, è triste pensare ai momenti in cui ci si salutava e si stava in bene insieme, e ora neanche ci si parla più. È come se ci fosse un muro invisibile che impedisce a loro di parlare in maniera serena. Il libro dei proverbi da come suggerimento fare un piccolo regalo per alleggerire il rancore che ha l’altra persona verso di noi, però chi è più vicino a Dio dovrebbe fare il primo passo a prescindere di chi ha ragione. È il perdono che porta al ravvedimento; finché noi nei confronti di una determinata persona continuiamo ad accusarla e attaccarla, questa si metterà sulla difensiva e cercherà di giustificarsi, ma se noi diciamo che la perdoniamo e preghiamo per lei, allora non c’è difesa davanti a questo; si pentirà di quello che ha fatto e sarà di nuovo disposto a tornare in pace con noi. C’è però da tener presente che i primi a beneficiare quando perdoniamo qualcuno, siamo proprio noi. Ci leviamo come da un grosso peso sulla  schiena. Nel Vangelo si parla di quest’argomento nella parabola del debitore in Matteo 18,23-35. Questa parabola inizia con un uomo che ha un enorme debito nei confronti di un re che non essendo in grado di pagarlo, il re ha il diritto di renderlo suo schiavo. Successivamente quell’uomo inizia a supplicare il re di avere pazienza e il debito verrà pagato. A questo punto il re ha compassione di lui che gli condona tutti i debiti. Quest’uomo però dopo aver incontrato una persona che gli doveva una cifra modesta, non è disposto condonargli il debito neanche sotto supplica e ordina che sia imprigionato finché non abbia pagato tutto il suo debito. Per questo sarà punito dal re perché a lui è stato condonato di tutti i suoi debiti, ma anche lui avrebbe dovuto fare lo stesso con il suo debitore. Per questo il re lo tratterà come lui ha trattato il suo debitore. Il perdono che Dio richiede deve essere fatto con il cuore, e le frasi del tipo: << Ti perdono ma non dimentico!>> oppure << se lo rifai chiudo con te >> sono lontani dal perdono che vuole Dio. Non è sempre facile perdonare e la si potrebbe paragonare ad una piccola grazia che si fa all’altra persona, bisogna ricordare che è il Signore che ci può dare la vera grazia, quella della salvezza, ma come potrà darla se noi non perdoniamo gli altri. Il male che gli altri ci possono fare nei nostri confronti è poca cosa rispetto ai peccati che facciamo contro Dio. Quindi più che altro siamo noi ad avere bisogno della grazia di Dio e se perdoniamo gli altri anche Dio ci perdonerà. Se sentiamo di non riuscir a perdonare, chiediamo a Dio la forza di farlo e il Signore ti darà la forza di perdonare ogni male che abbiamo ricevuto, perché se Dio ci comanda di fare qualcosa, ci da anche la forza di farlo. Il Signore ci tratterà nella stessa misura in cui noi trattiamo gli altri. È necessario dunque avere uno spirito di perdono e di misericordia. Soprattutto tra i credenti, perdonandosi a vicenda come Dio ha perdonato voi in Cristo (Efesini 4,32). Il Signore ci perdonerà allo stesso modo in cui noi perdoniamo gli altri. Nella preghiera del Padre Nostro c’è proprio questo principio. “Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori”; (Marco 6,12) Perché se voi perdonate agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonate agli uomini, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe. (15). C’è anche un altro riferimento nel Vangelo sul perdono; quando Pietro chiede a Gesù: Quante volte bisogna perdonare una persona? Sette volte? Probabilmente dicendo sette volte, Pietro era andato più in la di quando lui di solito perdonava. Magari pensava che Gesù gli avrebbe risposto: Si, giusto, sette volte, Bravo Pietro, lui ha capito tutto. Invece rispose: Non sette, ma settanta volte sette. Pietro a questo punto sarà rimasto meravigliato della risposta, Quindi 490 volte? In realtà Gesù voleva far capire che non è una questione di numeri, ma una questione di spirito di perdono. Se una persona perdona e allo stesso tempo tenta di correggere le azioni sbagliate degli altri, alla luce della parola di Dio senza dare dei limiti numerici riguardo a quante volte perdonare, allora si riuscirà a dare una buona testimonianza di fede al prossimo. È giusto dare sempre una possibilità di rimediare in questo modo la gente si domanderà come ha fatto a perdonare questa persona? Questa sarà un occasione per testimoniare la propria fede. Chi non ha fede infatti, trova molto difficile perdonare, e spesso non lo fa. Se qualche amico ci ha offeso con parole o azioni, è giusto parlarne, ma senza dirlo in maniera aggressiva o con arroganza. A volte i litigi iniziano quando ci aspettiamo che qualcuno faccia qualcosa in una determinata situazione e se questo non accade genera rabbia e risentimento, ma è possibile che se questo amico non ha fatto quello che ci si aspettava, c’è qualche motivo dietro di cui non siamo a conoscenza, per questo bisogna sempre dirlo in maniera diplomatica, e vedremo che la pace si ripristinerà presto altrimenti al posto della pace ci sarà un’ulteriore peggioramento della situazione. Il perdono inoltre essendo considerato da Dio un opera buona, come tale deve portare del frutto nella nostra vita. Giovanni battista iniziò il suo ministero battezzando ed esortando al ravvedimento per preparare le genti alla venuta di Gesù e vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: << Razza di vipere! Chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all’ira imminente? Fate dunque un frutto degno della conversione >> ( Matteo 3,7-8). I farisei avevano preso il battesimo di Giovanni come una semplice purificazione; ma lui li rimprovera dicendo che il perdono è una cosa seria e se qualcuno dichiara di essere ravveduto per qualcosa deve avere delle conseguenze nei confronti di chi ha offeso. Se viene qualcuno da noi dicendo che tempo fa aveva rubato qualcosa a noi e si dice pentito di averlo fatto; allora noi che cosa dovremo rispondergli? Sicuramente bisognerà perdonarlo, ma anche dire: << Bene sono contento che mi chiedi scusa! Fammi però vedere i frutti del tuo ravvedimento; quello che hai rubato restituiscilo >>. Se risponde: << Ah, ma lo rivuoi ancora? >>. Allora non è veramente pentito; almeno non è il tipo di pentimento che richiede la parola di Dio. Anche se quello che ci restituisce non serve più è comunque un modo per sapere se è veramente pentito o meno. Un altro esempio è se  qualcuno ci dice che una volta ci ha diffamato, dicendo in giro cose false su di noi e si dichiara pentito; la nostra risposta potrebbe essere che lo perdoniamo, ma se è veramente pentito dovrebbe smentire quello che ha detto a tutti. Quindi se ci dichiariamo pentiti dovremo di conseguenza cercare di rimediare agli eventuali danni che arrechiamo a qualcuno; per quanto sia possibile. Questo sarà il frutto del nostro ravvedimento, come fece Zaccheo, l’esattore delle tasse che estorceva alle persone molti soldi; dopo la sua conversione dichiarò di restituire ogni maltolto a tutti. Quando perdoniamo non siamo obbligati anche a dare fiducia. Il perdono è una cosa, la fiducia è un’altra. Se qualcuno di cui ci fidiamo ciecamente ha tradito la nostra fiducia, certamente lo perdoneremo, ma non siamo obbligati a dare di nuovo fiducia a questa persona. A meno che pensi che Dio ti chieda di dare di nuovo la fiducia a questa persona perché nel frattempo Dio stesso ha cambiato il suo cuore. Un esempio lo troviamo nel libro degli Atti dove Paolo nel primo viaggio missionario ha con se Bàrnaba e un certo Giovanni detto Marco. Quest’ultimo però a metà viaggio li abbandonò e smise di seguirli.  Più avanti tornarono a Gerusalemme e Paolo iniziò a pianificare il secondo viaggio. Quindi Paolo disse a Bàrnaba: <<Ritorniamo a far visita ai fratelli in tutte le città nelle quali abbiamo annunciato la parola del Signore, per vedere come stanno>>. Bàrnaba voleva prendere con loro anche Giovanni, detto Marco, ma Paolo riteneva che non si dovesse prendere uno che si era allontanato da loro, in Panfìlia, e non aveva voluto partecipare alla loro opera. Il dissenso fu tale che si separarono l’uno dall’altro. Bàrnaba, prendendo con sé Marco, s’imbarcò per Cipro. Paolo invece scelse Sila e partì, affidato dai fratelli alla grazia del Signore. (Atti 15,26-40). Paolo quindi anche se in cuor suo aveva sicuramente perdonato questo Marco che per qualche sua debolezza fu spinto ad abbandonarli, non ritenne il caso di avere fiducia in lui, quindi rifiutò di fare il secondo viaggio insieme a questo Marco. Più avanti però troviamo Paolo che parla di questo Marco a Timoteo: Prendi con te Marco e portalo, perché mi sarà utile per il ministero (Timoteo 4,11). Marco col tempo crebbe nella fede così che Paolo che inizialmente lo rifiutò per il viaggio missionario ora lo vuole con lui al ministero. Questo ci insegna che noi non siamo obbligati a dare di nuovo fiducia a qualcuno che ci ha deluso, ma in alcuni casi può essere saggio dare una seconda possibilità per rimediare se dimostra di essere cambiato spiritualmente.

GESTIRE LE CONTROVERSIE

  • Nel suo cuore il malvagio trama cose perverse, in ogni tempo suscita liti, per questo improvvisa verrà la sua rovina, ed egli, in un attimo, crollerà senza rimedio ( PR 6,14-15)
  • L’inganno è nel cuore di chi trama il male, la gioia invece è di chi promuove al pace (PR 2,20)
  • Una risposta gentile calma la collera, una parola pungente eccita l’ira (PR 15,1)
  • Iniziare un litigio è come aprire una diga; prima che la lite si esasperi, troncala (PR 17,14)
  • Chi ama la rissa ama il delitto, chi ingrandisce la sua porta cerca la rovina  (PR 17,19)
  • Scaccia lo spavaldo e la discordia se ne andrà: cesseranno i litigi e gli insulti (PR 22,10)
  • Non rispondere allo stolto secondo la sua stoltezza, per non divenire anche tu simile a lui (PR 26,4)
  • È simile a chi prende un cane per le orecchie un passante che si intromette nella lite di un altro (PR 26,17)
  • Per mancanza di legna il fuoco si spegne; se non c’è il calunniatore il litigio si calma (PR 26,20)
  • Lo stolto dà sfogo a tutto il suo malanimo, il saggio alla fine lo sa calmare (PR 29,11)

Da come si può vedere sono veramente molti i versetti che parlano di questo argomento, come cercare di gestire un litigio, sia se si è protagonisti e sia se si è una componete esterno neutrale. Vediamo di sintetizzare queste due sfumature:

QUANDO SI È PROTAGONISTI DI UN LITIGIO:

Uno degli atteggiamenti più sbagliati che una persona può assumere è una dedizione ad avere facilmente manifestazioni d’ira. Essa è considerate uno dei sette vizi capitali. In tutta la Bibbia viene spesso citata come un attitudine che porta alla rovina, nel rapporto con il prossimo è un impedimento alla pace e all’amore e spiritualmente porta l’anima iraconda in uno stato di dannazione. Se una persona è abituata ad arrabbiarsi impulsivamente sarà difficile cambiare, anche dopo una conversione, una persona può ancora arrabbiarsi impulsivamente e dire tante cose cattive che in realtà non pensa ma in quel momento di rabbia è portato a dire. Il Signore è più grande di ogni peccato e chi ha timor di Dio, prega e confida in Lui anche il peggiore dei peccatori può cambiare. La pace di Dio trasforma le persone. Il giusto evita di arrabbiarsi per futili motivi e di fronte un litigio con una persona dedita all’ira deve cercare di calmare gli animi per permettere un clima di maggiore serenità per esprimere le proprie posizioni senza dovere gridare e in modo che l’altra persona possa ascoltare. Quando una persona è accesa d’ira in quel momento, è talmente convita di aver ragione che non ti ascolterà, soprattutto se parlerai con lo stesso suo tono, dovrai ripetere anche più volte la stessa cosa, perché sarà come se non fosse mai detta. È importante quindi non alimentare un clima di rabbia, perché essa alimenta altra rabbia nello stesso modo in cui la legna alimenta il fuoco. La persona saggia non deve rispondere con impulsività e non dirà cose di cui si pentirà; è importante avere sempre autocontrollo; dirà le sue ragioni senza usare frasi o parole pungenti che non faranno altro che peggiorare le cose. È saggio invece, usare parole che possono portare la persona a calmarsi. Nel caso si ha torto non rimbalzare la colpa a qualcun altro, ma è giusto assumersi le proprie responsabilità e chiedere scusa per l’eventuale misfatto.

IL MEDIATORE CRISTIANO

Quando invece ci imbattiamo in due persone non credenti che litigano tra di loro, l’obiettivo è sempre quello di mettere pace tra i due e non quello di intromettersi per alimentare ancora di più il litigio. Se il litigio è piuttosto acceso è utile dividere momentaneamente i due litiganti e parlare con ognuno di loro in separata sede. Capire chi può aver ragione e spingere chi ha torto a chiedere scusa. Spesso, entrambi hanno delle colpe; in quel caso dovranno chiedersi scusa a vicenda. È difficile farlo quando si è troppo orgogliosi, e anche se nel profondo si sa di aver torto la persona empia non è disposta a umiliarsi per chiedere scusa. La persona saggia dovrà fare il ruolo del mediatore e capire cosa ha scatenato l’ira di entrambi, cercando così una soluzione. Se la pace tornerà allora, entrambi ne saranno riconoscenti e questo sarà occasione di testimoniare la propria fede in Cristo.

LA CORREZIONE FRATERNA

Le dispute tra credenti è sempre meglio evitarle, è spesso indice di una maturità spirituale non ancora raggiunta. Se la disputa deriva da uno sbaglio commesso unicamente da uno dei due nel vangelo abbiamo dei versetti che parlano della correzione fraterna: Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; 16se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. 17Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano. (Matteo 18, 15-17). La comunità cristiana deve prendere le distanze dal peccato, perché questo la ferisce profondamente, ma non abbandona il peccatore. Piuttosto continuerà a guardarlo con l’attenzione con cui Gesù guardava i pubblicani e i lontani. Il Vangelo dice che se nonostante i tentativi di rappacificamento e una delle due parti che ha palesemente torto non si pente, allora è utile uno o più mediatori che siano saggi ed esperti. Se anche in quel caso non si pente allora in quella persona che si dichiara cristiano si rivelerà d’esserlo solo nominalmente, si sarà smascherato un falso credente.

ALL’INTERNO DI UN GRUPPO:

Per quanto riguarda invece un contesto dove si è in una compagnia di persone e si arriva a capire che una persona in particolare istiga al litigio e mette zizzania tra le persone; e va in giro dicendo: <<lui ha detto questo, lui invece quello>>, e si diffondono menzogne che creano tensioni tra i vari componenti del gruppo; allora se quella persona se non si pente e ha intenzione di continuare, è necessario escluderla nel gruppo in modo che si possa ripristinare la pace. Questo potrebbe anche sembrare duro, ma è anche un modo di educarlo e a portarlo al ravvedimento. Se poi torna pentito, allora si potrà riammettere nel gruppo trattandolo come gli altri senza rinfacciagli nulla, perché se Dio lo ha perdonato non c’è motivo di riservare del rancore nei nostri cuori.

ATTEGGIAMENTO NEL LUOGO DI LAVORO

  • La mano pigra rende poveri, la mano operosa arricchisce (PR 10,4)
  • La mano operosa ottiene il comando, quella pigra invece è destinata a servire (PR 12,24)
  • Chi custodisce un fico ne mangia i frutti, chi ha cura del suo padrone ne riceverà onori (PR 27,18)

Molte persone passano gran parte della giornata nel luogo di lavoro e chi è credente e saggio lo è anche in questo contesto. Allo stesso modo anche l’empio continua ad essere malvagio nel luogo di lavoro. Analizzando il comportamento dell’empio nel luogo di lavoro noteremo l’attitudine a vedere gli altri non come compagni, ma come subordinati; si concentrerà più sui difetti degli altri che sulle loro virtù. Sarà arrogante e altezzoso senza fiducia nel confronti dei colleghi; questo lo porterà a rifiutare ogni loro consiglio, anche se è giusto; ed a controllare il lavoro svolto da loro, mentre il proprio è immune ad ogni controllo. L’empio è un ingrato quando viene aiutato; in genere si rifiuta di svolgere compiti “inferiori” rispetto a quelle che pensa che siano le sue competenze.. Gli piace chiedere non per imparare, ma per mettere in difficoltà l’altro; ama obiettare non per aiutare, ma per far valere la propria opinione. In genere tende ad essere precipitoso nelle decisioni, a perdere tempo in questioni insignificanti e a disobbedire ai superiori, e quando è lui il superiore tende a valicare i limiti comandando qualcosa che supera ciò che è dovuto e a sentirsi “intoccabile”. È molto difficile aver a che fare con questo tipo di persone nel luogo di lavoro, ma chi è in Cristo e ha sapienza deve poter dare anche a lui la sua testimonianza. Il cristiano cerca di dare il meglio di se per contribuire al buon funzionamento dell’azienda in cui lavora. Il credente lavora bene, non per farsi vedere bravo davanti ai colleghi e dal datore di lavoro per poi potersi vantare di fronte a tutti, ma lavora come se fosse il Signore il suo datore di lavoro, ogni cosa che fa; lo fa di buon animo come per il Signore. È sbagliato avere delle invidie o uno spirito di competizione con i colleghi e cercare i modi per poterli scavalcare e fare carriera a loro danno. La cosa giusta da fare invece è lavorare con impegno e giustizia. Questo atteggiamento nel lungo termine vedrà i benefici, e la tua ricompensa non mancherà. Farai carriera perché ti sarà riconosciuto il merito del tuo lavoro. Una persona che in un’azienda ci mette d’impegno per ogni cosa che fa, sarà quella che imparerà più degli altri, così che le altre persone verranno sempre a chiedere consigli e la persona saggia aiuta volentieri i colleghi meno esperti a migliorarsi. Questo porterà quella persona a essere scelta per ricoprire a un ruolo di responsabilità e comanderà sugli altri grazie alla conoscenza accumulata, invece chi è pigro sul lavoro e destinato a non fare molta carriera ma rimanere a un livello basso come dipendente in azienda e avere una pessima considerazione rispetto agli altri. Queste persone saranno le prime a essere licenziate nel caso che l’azienda abbia bisogno di diminuire i dipendenti per tagliare le spese. Se si ha commesso un errore, anche in buona fede, è importante assumersi le proprie responsabilità e non scaricare le colpe su altri, anche se nessuno viene sapere della tua colpa, il Signore che tutto vede te ne renderà conto. Un credente dovrebbe anche essere sempre di buon umore, gentile e disponibile e non stressato e con il musone. Questo porta ad avere delle occasioni di testimoniare il Vangelo e parlare di come Dio fa vivere in pace e in serenità. Così bisognerà rispondere quando ti chiederanno il perché nonostante tutti i problemi che si possono verificare sul lavoro si ha sempre un buon atteggiamento con tutti. Non dimenticarsi mai di pregare per il luogo di lavoro e per i colleghi, perché diventi un posto dove tutto funziona e ci si comporti tutti come tra fratelli. È necessario avere sempre un buon rapporto con i colleghi basato sulla collaborazione e la fiducia e mai cedere alle provocazioni, pettegolezzi e maldicenze perché questo rovina l’atmosfera generando tensioni, disprezzo e mancanza di fiducia tra i colleghi e tutto questo rende il luogo di lavoro molto pesante e stressante. Se un giusto incontra nel luogo di lavoro una persona che parla male di tutti o di qualcuno non lo appoggerà, anzi dovrà rimproverarlo dicendo che tutti abbiamo difetti, ma non sta lui giudicare gli altri. Spesso succede che se qualcuno parla male degli altri davanti a te, scoprirai che parlerà anche male di te agli altri. Il fatto di astenersi nel dire maldicenze vale non solo nel rapporto tra colleghi, ma anche nel rapporto tra dipendente e datore di lavoro. Spesso succede che il padrone non sia molto rispettoso con i dipendenti e si accende d’ira per futili motivi, ma non bisogna lasciarsi tentare a parlar male di lui. A volte è possibile che Dio permetta che un credente abbia un padrone con un pessimo carattere perché vuole che impari una lezione, ad esempio quella di essere sempre umili e mai arroganti. Anche i credenti infatti hanno bisogno che Dio li corregga, nessuno è perfetto. Il giusto onora il suo datore di lavoro e se ha un brutto carattere bisogna cercare l’origine di quel comportamento, parlargli e pregare per lui; vedrai che con il tempo cambierà l’atteggiamento che avrà nei confronti dei dipendenti. Il credente che è imprenditore invece è chiamato a rispettare i dipendenti e a dare il giusto compenso; in questo modo anche loro saranno più gratificati nel lavorare in quell’azienda. Infatti anche il giusto imprenditore è consapevole che anche lui ha un padrone nell’altro dei cieli da dover rendere conto. L’imprenditore empio invece cercherà in ogni modo possibile per sfruttare i dipendenti dando uno stipendio basso e tenendoli sempre sotto il ricatto del licenziamento. Trattare le persone in questo modo è considerato un peccato molto grave, come sta scritto: Non defrauderai il salariato povero e bisognoso, sia egli uno dei tuoi fratelli o uno dei forestieri che stanno nella tua terra. (Deuteronomio 24,14). Per questo che vien detto: accende l’ira di Dio: Ecco, il salario dei lavoratori che hanno mietuto sulle vostre terre, e che voi non avete pagato, grida, e le proteste dei mietitori sono giunte agli orecchi del Signore onnipotente (Giacomo 5,4).

CORREZIONE PER I CREDENTI E TESTIMONIANZA PER GLI EMPI

  • Chi corregge lo spavaldo ne riceve disprezzo e chi riprende il malvagio ne riceve oltraggio. Non rimproverare lo spavaldo per non farti odiare; rimprovera il saggio ed egli ti sarà grato.(PR 9,6-8)
  • Cammina verso la vita chi accetta la correzione, chi trascura il rimprovero si smarrisce(PR 10,17)
  • Povertà e ignominia a chi rifiuta la correzione, chi tiene conto del rimprovero sarà onorato (PR 13,18)
  • In un cuore intelligente risiede la sapienza, ma in mezzo agli stolti verrà riconosciuta? (PR 14,33)
  • Lo spavaldo non vuole essere corretto, egli non va in compagnia dei saggi (PR 15,12)
  • Fa più effetto un rimprovero all’assennato che cento percosse allo stolto (PR 17,10)

Se una persona credente vede un ateo che proferisce parole malvagie o agisce in modo sbagliato e viene ripreso dal credente; reagirà sicuramente in maniera scontrosa e inizierà a prenderlo in antipatia, dunque fa sempre attenzione a come riprendi un peccatore, sarà molto difficile che verrai ascoltato, il libro dei proverbi infatti lo sconsiglia. Anche nel Vangelo c’è un riferimento a proposito: Non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi (Matteo 7,6). Non date mai le vostre perle di saggezza a un peccatore, perché sarete soltanto criticati e giudicati, perché chi è contro Dio, odia anche la Sua parola e ogni saggio consiglio sarà respinto con forza, e sarete metaforicamente calpestati da queste persone. Questo non vale se la persona in questione è rispettosa e vi chiede consiglio, allora in quel caso è meglio consigliare riferendosi alla parola di Dio. È cosa buona e giusta riprendere una persona che teme Dio, per quanto possa essere buona, non è mai perfetta, quindi ci sarà sempre qualcuno che può rimproverarla con lo scopo di correggerla. Se la correzione è saggia, allora il giusto è tenuto a considerarla per potersi migliorare restando sempre in una posizione di umiltà. A volte ci può essere timore nel correggere qualche credente. Si ha paura che possa reagire male e che possa infondere amarezza nel suo cuore o danneggiare la sua autostima. Il libro dell’apocalisse ci da un suggerimento quando si corregge un credente. Il Signore parla alle sette chiese e in una di esse dice: Conosco le tue opere, la carità, la fede, il servizio e la costanza e so che le ultime opere sono migliori delle prime. Ma ho da rimproverarti che … (Apocalisse 2,19-20). Il Signore prima parla dei lati positivi e dopo lo rimprovera. Così anche noi prima di riprendere un credente sarebbe meglio fargli presente che lo stimate, dicendo cose buone che lo riguardano e solo dopo lo rimproverai. In questo modo sarà più propenso ad accettare la correzione in modo che ti ascolterà e ti ringrazierà perché sarà per lui come sentire la voce di Dio.  Il non credente invece non accetta la correzione perché ha un carattere insolente e presuntuoso e non tollera che sia corretto in qualcosa, si ritiene giusto così, com’è. Anzi nella sua presunzione è lui che dal suo punto di vista vuole correggere e influenzare negativamente chi è nel giusto, in questo caso non bisogna ascoltare quel consiglio perché è una cosa che viene da male. A un peccatore è più efficace rendere testimonianza comportandosi da veri credenti, ed esser sempre gioiosi e felici, avere sempre buoni atteggiamenti, non cedere alle provocazioni, fare anche attenzione al linguaggio, risolvere le questioni passando dalle buone opere e non rispondendo male con male, infatti i giusti sono chiamati ad essere la luce del mondo; non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono sulla stanza (Matteo 5,14-15), allo stesso modo un credente deve poter dare una buona testimonianza al non credente affinché possa iniziare a porsi delle domande e osservarti, chissà se un giorno ti chiederà spiegazioni e a quel punto potrai dichiarare la tua fede in Dio che fa vivere in pace. Una pace molto superiore a quella che da il mondo, (Giovanni 14,27) perché quella che da il mondo è basata sulle circostanze mentre quella del credente è basata sulla fede in Cristo. Allora lì sì che sarà efficace e si potrà sperare a un ravvedimento di quella persona. Bisogna fare attenzione a non testimoniare vantandosi dei nostri successi, come se fosse stata la nostra bravura e non la potenza di Dio ad aver operato in noi. Se testimonieremo in questa maniera sbagliata, gonfiandoci di orgoglio, Dio che ci ama e ci vuole correggere, Dirà: Ahi, lezioncina!. La testimonianza va data al momento giusto, con umiltà e dando la gloria a Dio. In alcuni casi può essere anche per chi ha già fede. Tanti anni fa andai con un gruppo della parrocchia in un monastero di clausura a incontrare delle suore di clausura attraverso le grate. Ci aspettavamo di incontrare delle donne tristi e annoiate a causa della vita monotona che facevano. Fummo stupiti nel vedere invece la loro gioia e la grande pace che trasmettevano nel dedicare la vita al Signore con la preghiera, e scoprimmo che in realtà erano molto più felici di noi, nonostante tutta la comodità e la libertà che avevamo. Questo fu una grande testimonianza nei nostri confronti di come è la fede il vero indicatore della felicità e non il possedere cose materiali o condurre una vita carnale. Il credente infatti non è in cerca di queste cose; cerca invece le cose spirituali e si comporta da rappresentate di Dio sulla terra come è stato Gesù che ha rappresentato Dio alla perfezione. Attenzione però a non rappresentare Dio in maniera sbagliata, ma comportati sempre bene in ogni situazione, quando le persone sanno che sei credente allora osserveranno ogni cosa che farai, ad esempio se hai gli stessi vizi che hanno loro o se dici parolacce, come ti comporti davanti a una provocazione. Se sbaglierai qualcosa, ti riprenderanno dicendoti che un credente non dovrebbe comportarsi così; occhio dunque a non dare una cattiva testimonianza agli altri perché questo determinerà un loro giudizio. Se un credente si comporta in maniera sbagliata dando quindi una pessima testimonianza davanti a dei non credenti, c’è il rischio che penseranno e diffonderanno il fatto che essere cristiani non serve a nulla, tutto è inutile. Bisogna lasciarsi guidare da Dio per cambiare i nostri comportamenti sbagliati, abbandonare ogni schiavitù e compiere opere buone in modo da avere un rapporto di comunione e amicizia con Dio e ricevere le benedizioni da poterle anche testimoniare agli altri perché vedano le grandi cose che il Signore fa nella nostra vita e la gioia che si ha ad essere vicini a Dio. Un esempio di cattiva testimonianza la troviamo in un episodio nell’antico testamento quando gli israeliti iniziarono a lamentarsi e mormorare contro Mosè per mancanza di acqua quando erano nel deserto. (Numeri 20,1-13) Mosè stanco e irritato dal vedere la poca fede nel suo popolo pregò Dio ed essi rispose a Mosè di parlare a una grande roccia che era situata li vicino ed essa avrebbe fatto uscire dell’acqua da far bere a tutto il popolo. Così fece Mosè ma al posto di parlare alla roccia, la colpì con il bastone in maniera furiosa, per questo motivo fu ripreso da Dio per il fatto che non lo aveva rappresentato in maniera adeguata, come un Dio d’amore che pensa ai bisogni degli uomini, ma come un Dio severo e adirato. Da tenere presente che Mosè è stato uno dei più grandi profeti dell’antico patto, ma anche loro non erano perfetti, bisogna quindi imparare dai loro errori affinché noi possiamo rappresentare un Dio d’amore che si preoccupa di noi e non un Dio severo pronto a punirci. Ho letto una testimonianza di un ragazzino agnostico che iniziò a frequentare la sala giochi dell’oratorio del suo paese, ma quando il parroco lo vide, dal momento che non andava a Messa lo cacciò subito fuori. Questo è un esempio di una cattiva rappresentazione di Dio. Infatti qual ragazzino diventò ateo. In questi casi un parroco dovrebbe avvicinarsi a chi non frequenta la Chiesa e invitarlo ad entrare cercando di rappresentare un Dio che vuole salvare l’uomo e non condannarlo.

LA PAROLA DEL GIUSTO E DELL’EMPIO

LA PAROLA DEL GIUSTO E DELL’EMPIO

  • Custodiscili dentro il cuore (PR 4,21) e allontana da te le labbra perverse (24)
  • Dissimulano l’odio labbra bugiarde, chi diffonde calunnie è uno stolto (PR 10,18)
  • Nel molto parlare non manca la colpa, chi frena le labbra è saggio(PR 10,19)
  • Disprezza il suo prossimo chi è privo di senno, ma l’uomo prudente tace. Chi va in giro sparlando svela il segreto, ma l’uomo fidato tiene di nascosto ciò che sa (PR 11,12-13)
  • Nel peccato delle sua labbra si impiglia il malvagio, ma il giusto sfugge da tale angoscia (PR 12,13)
  • L’afflizione deprime il cuore dell’uomo, una parola buona lo allieta (PR 12,25)
  • Una parola buona è albero di vita, quella malevola è una ferita al cuore (PR 15,4)
  • È una gioia saper dare una risposta; una parola detta al momento giusto è gradita (PR 15,23)
  • Chi va in giro sparlando svela il segreto; non associarti a chi ha sempre aperte le labbra (PR 20,19)
  • Chi custodisce la bocca e la lingua preserva se stesso dalla afflizioni. (PR 21,23)
  • Morte e vita sono in potere della lingua e chi ne fa buon uso ne mangerà i frutti. (PR 18,21)

Perché è così importante parlare nel modo giusto? Perché quello che diciamo riflette ciò che siamo noi spiritualmente: le nostre parole sono lo specchio di ciò che abbiamo nel cuore, come sta scritto:. << Razza di vipere, come potete dire cose buone, voi che siete cattivi? >> Poiché la bocca parla dall’abbondanza del cuore” (Matteo 12,34). Il giusto e l’empio si distinguono soprattutto oltre da quello che fanno anche a quello che dicono, infatti, è stato proprio Gesù a dire che è quello che esce dalla bocca che contamina l’uomo, quindi dal parlare possono derivare molti peccati, ma allo stesso tempo con la bocca si può anche diffondere il bene. Riuscire a controllarsi nel parlare, sapere quando parlare, come e cosa dire, sono obiettivi che ogni credente deve porsi in quanto saremo giudicati anche da quello, come sta scritto: Di ogni parola vana che gli uomini diranno, dovranno rendere conto nel giorno del giudizio; infatti in base alle tue parole sarai giustificato e in base alle tue parole sarai condannato (Matteo 12,36). Per questo bisogna fare molta attenzione in quello che diciamo in quanto il nostro parlare può metterci anche nei guai, invece se uno non pecca nel parlare, costui è un uomo perfetto, capace di tenere a freno anche tutto il corpo (Giacomo 3,2). La lingua è un piccolo membro del nostro corpo che però può influenzare molto la nostra vita. Prima di tutto bisogna fare attenzione a quello che diciamo. L’empio si riconoscerà dal fatto che farà uscire parole malvagie, false, ingannatrici; diffonderà diffamazioni, pettegolezzi, bestemmie, maldicenze, attacchi verbali violenti, si possono dire parole minacciose, volgarità, diffondere in giro dei segreti intimi o seminare odio e fomentare la violenza. L’empio che parla in questo modo, non fa altro che fare del male a se stesso e avere di conseguenza un pessimo rapporto con la propria famiglia, con la ragazza/o e con ogni persona nella vita di tutti i giorni. Le parole malvagie fanno diventare la persona ancora più malvagia e sporca dentro e il diavolo gradualmente s’impadronirà della vita di chi parla in quel modo e senza che la persona se ne accorga, satana userà quella persona come uno schiavetto e lo manderà a far del male alle persone, specialmente quelle più fragili, in modo che le parole malvagie abbiano maggior effetto in quella persona più debole e il malvagio si compiace di questo. Quando invece un empio si ravvede allora, è proprio il modo di parlare che cambia più in fretta. La persona saggia invece sta ben attento a ciò che dice. La si riconoscerà dal fatto che proferisce parole costruttrici e non distruttici. Ad esempio può consolare chi è afflitto, pregare e glorificare il Signore, predicare il Vangelo della pace, calmare chi è arrabbiato, convincere a perdonare qualcuno, dire parole d’amore verso le persone in generale o verso la propria moglie, si può diffondere coraggio, esortare al ravvedimento o correggere chi sbaglia o benedire qualcuno. Oltre cosa diciamo bisogna considerare anche il come lo diciamo: Il saggio parlerà dopo aver pensato, mantenendo il controllo di se stesso. Lo stolto parlerà con avventatezza e impulsività, in questo modo si sarà portato a dire cose di cui ci si pentirà in seguito. Considerare anche il quanto parliamo. Il libro dei proverbi ci mette in  guardia nel evitare di essere una persona che chiacchiera troppo, in quanto è più esposta a commettere peccati nel parlare. Una persona che invece è meno propensa a chiacchierare sarà anche molto meno esplosa a fare peccati di quel genere. Infine considerare anche il quando parlare. La persona empia parla a sproposito e senza pensarci troppo. La persona saggia parla al momento giusto e sarà usata da Dio come suo rappresentante sulla terra per dire tutto ciò che è saggio agli uomini; infatti è bene che nessuna parola cattiva esca dalla vostra bocca, ma piuttosto parole buone che possano servire per un’opportuna edificazione, giovando a quelli che ascoltano (Efesini 4,29). Quindi la persona saggia quando parla lo fa soprattutto per fare del bene, per seguire il semplice comandamento di amare il prossimo tuo come te stesso e cercare se si ha occasioni di riparare i danni che il diavolo fa tra le persone come mettere pace dove la pace è venuta meno. Chi cerca di diffondere pace è perché quella persona è in pace con Dio, quindi una persona sempre gioiosa che non si fa prendere dall’ira ma sa sempre come rispondere. Gesù benedice chi usa il parlare per portare pace tra le persone: Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio (Matteo 5,9). Se si viene criticati, il saggio non risponde con arroganza o superbia, ma sempre con benevolenza e quando serve anche con decisione dicendo ciò che viene dal cuore, e se si ha un cuore buono, si diranno cose giuste. Gesù infatti, nella sua saggezza, sapeva sempre rispondere con pazienza e benevolenza ai peccatori e ai bisognosi, ma anche con decisione davanti alle persone ipocrite e malvagie che cercavano di ingannarlo come i farisei, riuscendo a zittirli e svergognarli davanti a tutti. L’empio invece se non è in pace con Dio non ha nessun interesse a mettere in pace le persone perché è lui stesso ha creare tensioni e un clima di odio e intolleranza tra la gente.