CORREZIONE PER I CREDENTI E TESTIMONIANZA PER GLI EMPI

  • Chi corregge lo spavaldo ne riceve disprezzo e chi riprende il malvagio ne riceve oltraggio. Non rimproverare lo spavaldo per non farti odiare; rimprovera il saggio ed egli ti sarà grato.(PR 9,6-8)
  • Cammina verso la vita chi accetta la correzione, chi trascura il rimprovero si smarrisce(PR 10,17)
  • Povertà e ignominia a chi rifiuta la correzione, chi tiene conto del rimprovero sarà onorato (PR 13,18)
  • In un cuore intelligente risiede la sapienza, ma in mezzo agli stolti verrà riconosciuta? (PR 14,33)
  • Lo spavaldo non vuole essere corretto, egli non va in compagnia dei saggi (PR 15,12)
  • Fa più effetto un rimprovero all’assennato che cento percosse allo stolto (PR 17,10)

Se una persona credente vede un ateo che proferisce parole malvagie o agisce in modo sbagliato e viene ripreso dal credente; reagirà sicuramente in maniera scontrosa e inizierà a prenderlo in antipatia, dunque fa sempre attenzione a come riprendi un peccatore, sarà molto difficile che verrai ascoltato, il libro dei proverbi infatti lo sconsiglia. Anche nel Vangelo c’è un riferimento a proposito: Non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi (Matteo 7,6). Non date mai le vostre perle di saggezza a un peccatore, perché sarete soltanto criticati e giudicati, perché chi è contro Dio, odia anche la Sua parola e ogni saggio consiglio sarà respinto con forza, e sarete metaforicamente calpestati da queste persone. Questo non vale se la persona in questione è rispettosa e vi chiede consiglio, allora in quel caso è meglio consigliare riferendosi alla parola di Dio. È cosa buona e giusta riprendere una persona che teme Dio, per quanto possa essere buona, non è mai perfetta, quindi ci sarà sempre qualcuno che può rimproverarla con lo scopo di correggerla. Se la correzione è saggia, allora il giusto è tenuto a considerarla per potersi migliorare restando sempre in una posizione di umiltà. A volte ci può essere timore nel correggere qualche credente. Si ha paura che possa reagire male e che possa infondere amarezza nel suo cuore o danneggiare la sua autostima. Il libro dell’apocalisse ci da un suggerimento quando si corregge un credente. Il Signore parla alle sette chiese e in una di esse dice: Conosco le tue opere, la carità, la fede, il servizio e la costanza e so che le ultime opere sono migliori delle prime. Ma ho da rimproverarti che … (Apocalisse 2,19-20). Il Signore prima parla dei lati positivi e dopo lo rimprovera. Così anche noi prima di riprendere un credente sarebbe meglio fargli presente che lo stimate, dicendo cose buone che lo riguardano e solo dopo lo rimproverai. In questo modo sarà più propenso ad accettare la correzione in modo che ti ascolterà e ti ringrazierà perché sarà per lui come sentire la voce di Dio.  Il non credente invece non accetta la correzione perché ha un carattere insolente e presuntuoso e non tollera che sia corretto in qualcosa, si ritiene giusto così, com’è. Anzi nella sua presunzione è lui che dal suo punto di vista vuole correggere e influenzare negativamente chi è nel giusto, in questo caso non bisogna ascoltare quel consiglio perché è una cosa che viene da male. A un peccatore è più efficace rendere testimonianza comportandosi da veri credenti, ed esser sempre gioiosi e felici, avere sempre buoni atteggiamenti, non cedere alle provocazioni, fare anche attenzione al linguaggio, risolvere le questioni passando dalle buone opere e non rispondendo male con male, infatti i giusti sono chiamati ad essere la luce del mondo; non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono sulla stanza (Matteo 5,14-15), allo stesso modo un credente deve poter dare una buona testimonianza al non credente affinché possa iniziare a porsi delle domande e osservarti, chissà se un giorno ti chiederà spiegazioni e a quel punto potrai dichiarare la tua fede in Dio che fa vivere in pace. Una pace molto superiore a quella che da il mondo, (Giovanni 14,27) perché quella che da il mondo è basata sulle circostanze mentre quella del credente è basata sulla fede in Cristo. Allora lì sì che sarà efficace e si potrà sperare a un ravvedimento di quella persona. Bisogna fare attenzione a non testimoniare vantandosi dei nostri successi, come se fosse stata la nostra bravura e non la potenza di Dio ad aver operato in noi. Se testimonieremo in questa maniera sbagliata, gonfiandoci di orgoglio, Dio che ci ama e ci vuole correggere, Dirà: Ahi, lezioncina!. La testimonianza va data al momento giusto, con umiltà e dando la gloria a Dio. In alcuni casi può essere anche per chi ha già fede. Tanti anni fa andai con un gruppo della parrocchia in un monastero di clausura a incontrare delle suore di clausura attraverso le grate. Ci aspettavamo di incontrare delle donne tristi e annoiate a causa della vita monotona che facevano. Fummo stupiti nel vedere invece la loro gioia e la grande pace che trasmettevano nel dedicare la vita al Signore con la preghiera, e scoprimmo che in realtà erano molto più felici di noi, nonostante tutta la comodità e la libertà che avevamo. Questo fu una grande testimonianza nei nostri confronti di come è la fede il vero indicatore della felicità e non il possedere cose materiali o condurre una vita carnale. Il credente infatti non è in cerca di queste cose; cerca invece le cose spirituali e si comporta da rappresentate di Dio sulla terra come è stato Gesù che ha rappresentato Dio alla perfezione. Attenzione però a non rappresentare Dio in maniera sbagliata, ma comportati sempre bene in ogni situazione, quando le persone sanno che sei credente allora osserveranno ogni cosa che farai, ad esempio se hai gli stessi vizi che hanno loro o se dici parolacce, come ti comporti davanti a una provocazione. Se sbaglierai qualcosa, ti riprenderanno dicendoti che un credente non dovrebbe comportarsi così; occhio dunque a non dare una cattiva testimonianza agli altri perché questo determinerà un loro giudizio. Se un credente si comporta in maniera sbagliata dando quindi una pessima testimonianza davanti a dei non credenti, c’è il rischio che penseranno e diffonderanno il fatto che essere cristiani non serve a nulla, tutto è inutile. Bisogna lasciarsi guidare da Dio per cambiare i nostri comportamenti sbagliati, abbandonare ogni schiavitù e compiere opere buone in modo da avere un rapporto di comunione e amicizia con Dio e ricevere le benedizioni da poterle anche testimoniare agli altri perché vedano le grandi cose che il Signore fa nella nostra vita e la gioia che si ha ad essere vicini a Dio. Un esempio di cattiva testimonianza la troviamo in un episodio nell’antico testamento quando gli israeliti iniziarono a lamentarsi e mormorare contro Mosè per mancanza di acqua quando erano nel deserto. (Numeri 20,1-13) Mosè stanco e irritato dal vedere la poca fede nel suo popolo pregò Dio ed essi rispose a Mosè di parlare a una grande roccia che era situata li vicino ed essa avrebbe fatto uscire dell’acqua da far bere a tutto il popolo. Così fece Mosè ma al posto di parlare alla roccia, la colpì con il bastone in maniera furiosa, per questo motivo fu ripreso da Dio per il fatto che non lo aveva rappresentato in maniera adeguata, come un Dio d’amore che pensa ai bisogni degli uomini, ma come un Dio severo e adirato. Da tenere presente che Mosè è stato uno dei più grandi profeti dell’antico patto, ma anche loro non erano perfetti, bisogna quindi imparare dai loro errori affinché noi possiamo rappresentare un Dio d’amore che si preoccupa di noi e non un Dio severo pronto a punirci. Ho letto una testimonianza di un ragazzino agnostico che iniziò a frequentare la sala giochi dell’oratorio del suo paese, ma quando il parroco lo vide, dal momento che non andava a Messa lo cacciò subito fuori. Questo è un esempio di una cattiva rappresentazione di Dio. Infatti qual ragazzino diventò ateo. In questi casi un parroco dovrebbe avvicinarsi a chi non frequenta la Chiesa e invitarlo ad entrare cercando di rappresentare un Dio che vuole salvare l’uomo e non condannarlo.

AVERE SCARSA AUTOSTIMA

La scarsa autostima è presente quando una persona si sente insicura, ha complessi d’inferiorità e può essere di conseguenza una facile preda per il diavolo; è uno dei sui trucchi far sentire piccoli e inferiori le persone, non dimentichiamoci è lui è il padre della menzogna (Giovanni 8,44). Una persona in quella situazione cerca la protezione di qualcuno, per esempio in un gruppo di amici, ma se questo gruppo ci sono persone malvagie che fanno uso di droghe e parlano solo di cose contrarie a Dio, allora anche lui ne sarà coinvolto. Sentirà il bisogno di essere accettato dal gruppo di conseguenza farà le stesse cose che fanno loro. Oppure una ragazza che sentendosi insicura e pensa di avere bisogno di protezione si spingerà a cadere delle braccia al primo ragazzo che incontra e quasi sicuramente non sarà quello giusto. Bisogna, però sapere che il Signore è il mio rifugio, è Lui che mi proteggerà da ogni male, bisogna solo pregare e avere fede. Come ho già detto in precedenza se Dio permette qualcosa, è perché è possibile trarne vantaggio. Se da un lato una persona di bassa autostima può cadere facilmente nel peccato; il rovescio della medaglia è che sentendosi piccoli, sono persone molto umili, e questo è il primo passo per avvicinarsi a Dio. Molte volte il Signore si serve di questo tipo di persone per fare qualcosa di grande nella loro vita. Un esempio lo abbiamo con Mosè, il più grande dei profeti dell’antico testamento. Nei film, Mosè è descritto come un uomo forte, virile, sicuro di se e con tante qualità, ma se leggiamo la Bibbia nel momento in cui Mosè è davanti all’albero infuocato, scopriamo un Mosè insicuro e pauroso, che addirittura faceva fatica a parlare, un balbuziente, infatti quando c’era da parlare a volte si faceva aiutare dal fratello Aronne. Il Signore aveva scelto lui proprio perché nella sua insicurezza aveva sviluppato una grande umiltà che l’ha portato a glorificare Dio nelle sue opere e non glorificare se stesso. Dio usa i folli per svergognare i savi (Corinzi 1,27). Se una persona si sente di avere molte qualità, tutto quello che farà, anche se fosse Dio in persona a chiederlo, alla fine tenderebbe ad attirare della gloria su di se. Pensando che è stata la sua forza e la sua intelligenza, gli elementi che hanno portato al successo. Dio però non vuole che nessuna carne si glori davanti a lui. Paolo scrisse che la potenza di Dio si manifesta con sua pienezza nella debolezza dell’uomo (2Corinzi 12,9). L’uomo sceglie in base a criteri diversi rispetto a Dio. L’uomo sceglie le persone con  qualità o capacità. Dio invece sceglie persone in base alla propria disponibilità nel sottomettersi a Lui; successivamente Dio gli renderà idonei a svolgere ciò che sono stati chiamati a fare. Spesso sono proprio le persone umili che sono predisposte a questo e l’uomo in generale non prenderebbe neanche in considerazione.  Dio usa persone che nessuno sceglierebbe perché si possa capire che è stato Dio a operare tramite lui, e da solo non avrebbe potuto fare nulla. C’è anche l’esempio di Gedeone o Geremia, entrambi hanno pensato: << Signore, guarda che hai sbagliato persona, io non sono in grado di fare questo >>. Ma secondo la saggezza di Dio erano proprio loro adatti a ricoprire quel ruolo e non sono mai stati abbandonati da lui. Quando il Signore dice di fare qualcosa, anche se sembra difficile, è sempre possibile farla, perché sarà proprio lui a darti la forza per farla. È sbagliato odiare noi stessi, Dio ci ama, e vorrebbe che anche noi ci amassimo come Dio ci ama. È importante questo, perché se non amiamo noi stessi, difficilmente ameremo il prossimo. Infatti, saremo giudicati in base a tre livelli: Il nostro rapporto con Dio, il nostro rapporto con gli altri, ma anche con il rapporto con noi stessi.  Per gran parte delle persone le cose contano solo l’aspetto fisico, l’intelligenza, la simpatia, che di per se non sono cose da trascurare, ma quello che conta di più è essere forti spiritualmente. Così si ottiene la sapienza e si ha una vita vittoriosa, non per i propri meriti, ma perché è Dio a guidare tua la vita. Infatti, tutti noi abbiamo delle missioni da compiere che solo noi possiamo fare, e siamo venuti sulla terra per questo. Per il Signore tu non sei uno sbaglio, anzi ha programmato esattamente il tempo della tua nascita e dove avresti abitato, infatti tutti i tuoi giorni sono scritti nel mio libro, dice il Signore (Salmo 139,16). Ama te stesso come Dio ti ama e se c’è qualcuno che ti odia o parla male di te non ascoltarlo poiché tutto ciò viene dal maligno. Ascolta invece il Signore che nella sua parola dice che sei fatto in modo meraviglioso, (Salmo 139,14) è necessario però che vivi in maniera degna di questa dichiarazione. Se dunque hai una scarsa autostima e ti senti un buon a nulla sappi che se decidi di cercare Dio e sottometterti a Lui inizierai a sentire come Dio ti ama e le cose inizieranno a cambiare. L’autostima è una cosa positiva, ma attenzione che questa non sia basata sull’egoismo che porta ad essere superbi e narcisistici. Questo è un impedimento a Dio, e questo tipo di autostima deve essere distrutta per poter fare spazio a Dio. L’autostima buona è quella dove si è consapevoli che da soli non valiamo molto, ma se mettiamo Dio al primo posto e abbiamo comunione con Lui, allora realizzeremo che il Signore ci ama immensamente e confidando in Dio, abbiamo diritto alle sue promesse, e con Lui al nostro fianco possiamo fare ogni cosa, per questo il giusto sa che vale; perché è consapevole che Dio lo ama e lui è un figlio di Dio. Quindi nessuno ci si può sentire inferiore agli altri se si ha Dio al primo posto. Satana cercherà di attaccare su questo punto. Quando succederà si risponderà con la Bibbia, dicendo che se Dio è con noi, chi sarà contro di noi (Romani 8,31-39).

DAVANTI AI MOMENTI DIFFICILI DELLA VITA

  • Gli empi, una volta abbattuti, più non sono, ma la casa dei giusti resta salda (PR 12,7)
  • Un cuore lieto fa bene al corpo, uno spirito depresso inaridisce le ossa. (PR  17,22)
  • Torre fortificata è il nome del Signore: il giusto si rifugia ed è al sicuro (PR 18,10)
  • Se te ne starai indolente nel giorno della sventura, ben poca è la tua forza. (PR 23,10)

Il giusto e l’empio davanti alle delusioni e i momenti difficili della vita si comportano in maniera estremamente opposta. Inizio con l’esaminare il comportamento di chi non è credente e vive una vita completamente senza Dio. Nei momenti di forte crisi dove la persona è emotivamente scossa, l’istinto la porta a cercare di anestetizzare il dolore, soprattutto se non può più far niente per risolvere la crisi, come ad esempio un marito che si separa dalla moglie può iniziare a bere alcolici fino a ubriacarsi per non pensare più ai problemi oppure inizia a frequentare le prostitute pensando che quel breve momento di piacere possa coprire il dolore che sta provando a causa del periodo di crisi in corso; o senza ad arrivare a questo si inizia a cercare assiduamente altre donne da avere brevi storie, ma il succo è sempre quello. In altri casi se c’è un ragazzo che ha una situazione famigliare molto grave da indurlo in depressione potrebbe finire nel giro della droga che è il più potente anestetico contro la depressione, ma si finisce sempre a peggiorare ancora più le cose. Molte delle persone che si drogano pesantemente dicono di farlo per non pensare troppo a quanto è brutta la loro vita. Di fronte a una pesante crisi finanziaria oltre a poter cadere in alcol e droga ci si affida a strozzini per ricevere prestiti e anche qui si finisce in una spirale che è ancora più difficile uscirne. In Grecia durante il periodo più brutto della crisi è aumentato vertiginosamente il consumo di cocaina e altre droghe pesanti. Un altro caso tipico per le donne è sfogare la depressione sul cibo, iniziando a mangiare in continuazione fino anche a vomitare e ricominciare a mangiare, questi sono i casi di bulimia. In altri casi ancora, se la persona ha una forte depressione che non la esterna, ma la tiene tutta dentro si può arrivare anche all’autolesionismo. Questo perché si inizia ad odiare se stessi fino a farsi del male, come per esempio tagliarsi i polsi. Le persone che intraprendono una di queste strade purtroppo sono tante, e ascoltano le parole di satana che gli dice di buttarsi nei vizi o a farsi del male per cercare di dimenticare il dolore interiore, perché è l’unica cosa che possono fare, e non ci sono altre soluzioni. Gli atei in questi casi propongono di andare dallo psicologo, infatti molti arrivano ad affidarsi a costosi psicologi che non hanno veramente a cuore il loro problema e guardano l’orologio per vedere quando scatta l’ora per farti andare via e dopo molte sedute dove ti ascoltano alla fine dicono cose che sapevi già. Possono capire dove è partito il problema ma che soluzioni danno? È Gesù il miglior psicologo che ci possa essere perché Lui ti scruta e conosce tutte le tue vie (Salmo 139,1-3). Altre persone riescono a non cadere in uno di queste vie, ma il dolore li fa cambiare in un certo periodo, diventano più nervose, scorbutiche, disattente e altri atteggiamenti negativi, come anche una fase di auto isolamento, dove per un periodo non vedono neanche più gli amici. Il caso può cambiare a seconda della gravità della crisi e la forza d’animo di una persona, ma in ogni caso chi non crede nel Signore, e chi non si affida completamente a Lui dovrà soffrire molto e forse prima o poi supererà la crisi. Se sei un credente e ti trovi davanti una persona che sta passando una grave crisi e sta facendo delle sciocchezze per alleviarsi il dolore non bisognerebbe puntare il dito e giudicarlo, peggiorerebbe solo le cose. In questi casi bisogna dare la propria testimonianza e spiegare che Gesù può essere la soluzione al suo dolore (Ved. Pag. 105). Il giusto invece davanti a un brutto periodo sa di avere il Signore come rifugio e non cadrà nel peccato come farebbe un empio, perché il Signore si prende cura di chi si rifugia in lui (Naum 1,7). Avrà bisogno di dedicare più tempo alla preghiera che dovrà essere più profonda e più intensa. Se il cuore del giusto è affranto grida al Signore: << Dio aiutami ascolta il grido del mio cuore e liberami da questa situazione stravolgente >>. Il giusto sa che Dio può farlo perché lui è il nostro più grande consolatore (Tessalonicesi 22,16) che ti resta vicino quando hai il cuore spezzato (Salmo 23,18). Quando i problemi della vita sono incessanti, quando tutto intorno è un caos, devi sapere che Dio ascolta ogni grido sincero che il giusto gli rivolge sia ad alta voce che in silenzio ed egli risponde sempre, anche se la fede ha vacillato o il Signore è stato un po’ trascurato devi sapere che lui non è arrabbiato con te, anzi egli desidera amarti pienamente (1Giovanni 3,1) essendo l’espressione completa dell’amore (4,16). Bisogna semplicemente ravvedersi e gridare a lui, che ascolta il grido e agisce a favore del giusto perché Dio sa come liberarlo dai problemi. Questo significa che ha già in mente dei piani per liberare chiunque si affidi a lui e qualunque sia la sua situazione egli non sta lì fermo a pensarci su, aspetta solo che grida a Lui. Se ti troverai in un momento difficile; tutte le preoccupazioni e i problemi che hai; dalle al Signore, perché egli ha cura di voi (1Pietro 5,7) e se ci sarà Lui che guiderà la tua vita allora le cose si risolveranno perché quanti sperano nel Signore riacquistano forza (Isaia 40,31) per superare il momento difficile senza cadere nella spirale del peccato. Dobbiamo però chiedere il suo aiuto e il suo sostegno, anche se credi le benedizioni non sono automatiche, per avere bisogna chiedere, anche se lui sa già di che cosa abbiamo bisogno anche prima che lo chiedete, ma è giusto chiederlo nelle preghiere, perché il Signore vuole che abbiamo un  rapporto continuo con Lui, basato sulla fede, come padre e figlio. Quando avrai pregato sentirai la pace di Dio, che supera ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori e le vostre menti a Dio. (Filippesi 4,7). Anche se le circostanze sono negative potrai avere la stessa pace nel tuo cuore derivata dal fatto che sai che Dio è all’opera. Non è detto che lo faccia subito, bisogna imparare anche ad avere pazienza e fede insieme. Il Signore affronterà il tuo nemico e trasformerà quel momento difficile della vita in una situazione in tuo favore. Stai certo che a questo punto il nemico, satana ti farà venire in mente qualche pensiero che ti porterà a dubitare di Dio. Del tipo: Non penserai mica che solo perché hai pregato Dio farà qualcosa per te, lui ti ha dimenticato. Se tu crederai a questo, di fatto bloccherai l’opera di Dio che vorrà fare a tuo favore. Attenzione quindi a non credere alle bugie del diavolo. Il Signore vuole che tu sia felice e questo momento difficile della vita passi in fretta  aspettando con fiducia che gli chiediamo aiuto per farvi la grazia perché il Signore ti ama e prova compassione per te, perché un Dio giusto è il Signore; beati coloro che sperano in lui (Isaia 30,18). Quando è presente un’intensa comunione, nei momenti più difficili si rafforza se si è veramente con Dio; d’altronde il giusto sa che tutto concorre al bene, per quelli che amano Dio (Romani 8,28). Se sei con Dio sarà lui a guidare la tua vita, e questo dona un senso di pace e riposo perché tutto quello che succederà nella vita, anche le esperienze dolorose, c’è sempre un piano di Dio dietro a quegli avvenimenti, e solo dopo mesi o a volte anni capiremo il perché Dio ha permesso una determinata esperienza negativa e vedremo che da quel che è successo è  nato anche qualcosa di positivo che non sarebbe mai potuto accedere in altro modo. Perché solo Dio può tirare fuori il bene dal male. Quindi bisogna sempre amare e lodare Dio a prescindere dal periodo bello o brutto che stiamo vivendo perché lui ti ama e non ti abbandona, anzi ti prende per mano e ti sta vicino anche se non senti la sua presenza. Infatti così dice il Signore: “Poiché io conosco i pensieri che ho in mente per voi; dice l’Eterno, pensieri di pace e non di male, per darvi un futuro e una speranza. Mi invocherete e verrete a pregarmi e io vi esaudirò. Mi cercherete e mi troverete, quando mi cercherete con tutto il vostro cuore” (Geremia 29,11-13). Se si sta passando un momento di difficoltà non bisogna perdersi d’animo, ma confida nel Signore perché  “I giusti gridano e l’Eterno li ascolta e li libera da tutte le loro sventure” (Salmi 34,17). Sono infatti molte le afflizioni del giusto, ma l’Eterno lo libera da tutte (19), perché così dice il Signore: Ti ho amato di un amore eterno, per questo continuo ad esserti fedele (Geremia 31,3). L’errore che fanno spesso le persone, anche credenti, è l’autocommiserazione; lamentarsi e piangersi addosso per la situazione e non reagire. Frasi del tipo: <<proprio a me doveva capitare>> oppure <<cosa ho fatto di male per meritarmi questo>> sono espressioni di un modo di vedere le cose che non attira Dio, ma al contrario impedisce un suo intervento. Non è con l’autocommiserazione che favorirai l’intervento di Dio, ma è con la fede che il Signore potrà fare qualcosa per te. Prega intensamente e abbi fede che Lui è all’opera anche se non vedrai subito gli effetti del suo operato. Se ad esempio la causa del tuo problema è dovuto a una persona che ha commesso un’ingiustizia contro di te, non cercare di risolvere il problema mosso dalla rabbia ma confida in Dio e vedrai che Lui riuscirà a fare giustizia più di quanto avresti immaginato. Un altro errore comune è quello di dare la colpa al Signore del periodo difficile che si sta vivendo. Questo è perché si ama Dio solo per ricevere benedizioni, e non si tollera alcuna sofferenza, come se i cristiani ne dovessero essere immuni. Alcune persone possono di fatto arrabbiarsi con Dio o perdere la fede invece di adorarlo e chiedere il suo aiuto. L’errore più grande è dare la colpa a lui quando si soffre. Nella Bibbia abbiamo l’esempio di Giobbe, uomo saggio e giusto agli occhi di Dio e pieno di benedizioni in tutti gli ambiti della vita. Satana però accusa Giobbe davanti a Dio di adorarlo solo perché ha ricevuto molte benedizioni da Lui, e senza di quelle lo bestemmierebbe subito. Allora Dio permette che a Giobbe gli succeda una disgrazia dopo l’altra. Ma Giobbe in nessun caso bestemmia, anzi dice invece: << Il Signore ha dato, il Signore ha tolto, Benedetto il nome del Signore >>. Così anche chi è credente, deve avere quest’atteggiamento. Il più delle volte si soffre a causa dei nostri sbagli, ci sono però dei casi dove si entra in un periodo difficile nonostante si è sempre continuato a camminare con il Signore. Giobbe è un esempio. Anche Giuseppe accadde qualcosa di analogo: Venne incarcerato ingiustamente per molti anni. Gesù ha sempre fatto la volontà di Dio ma ha sofferto le pene della croce. Che cosa accomuna questi 3 casi? La sofferenza è successivamente cessata e loro sono stati grandemente ripagati da queste sofferenze. infatti, Giobbe superato la dura prova ricevette il triplo di quello che possedeva inizialmente. Giuseppe uscito dal carcere divenne la seconda carica di governo d’Egitto. Gesù divenne il re del regno di Dio. Se dunque stai soffrendo anche se hai sempre lodato e servito il Signore, non mollare ma rimani sempre saldo nella fede. Se Dio permette un periodo di crisi è possibile che è per metterci alla prova per vedere se confidiamo in Lui o nel peccato, in ogni caso Dio non permetterà che siate tentati oltre le vostre forze, ma insieme con la tentazione, darà anche il modo per uscirne per poterla sostenere (1Corinzi 10,13). Un giorno il Signore ti dirà: Hai passato un momento difficile, non ho asciugato le tue lacrime, non ti ho detto quello che stavo facendo per te e tu durante tutto questo periodo hai sempre continuato a lodarmi, ad avere fiducia in me e a servirmi e ora sei pronto per la promozione. Il Signore ti ripagherà per ogni sofferenza molto di più di quanto puoi immaginare. Quando la crisi sarà passata allora ci accorgeremo di essere anche più forti di prima e più vicini al Signore e si avrà anche imparato molte cose da questa esperienza che potrà essere usata per dare testimonianza a chi ne ha bisogno, specialmente a un peccatore in una situazione di difficoltà e dire come è stata superata la crisi grazie all’aiuto di Dio. Esattamente come sta scritto anche in 1Pietro 5,10: E il Dio di ogni grazia, il quale vi ha chiamati alla sua gloria eterna in Cristo Gesù, egli stesso, dopo che avrete un poco sofferto, vi ristabilirà, vi confermerà, vi rafforzerà, vi darà solide fondamenta. Questo può aprire le porte alle conversioni. Nel caso che una persona non credente sia in un momento difficile della propria vita e si comporta da peccatore e la sofferenza al posto di diminuire aumenta, c’è anche la possibilità che fallite tutte le soluzioni mondane scelga finalmente di affidarsi a Dio e in quel caso Dio non lo abbandonerà ma lo accompagnerà alla fine della crisi attraverso una rinascita spirituale per vivere una vita in pace e serenità. Questo accadrà anche se si è trascorso la vita lontano da Dio, a bestemmiare e a prendere in giro e ridicolizzare i credenti. Porterà quindi a sperimentare un amore di Dio gratuito e immeritato ed è questo che porta al ravvedimento. Ci sono molte testimonianze che vanno in questa direzione.  Spesso quello che causa un periodo brutto è dovuto a una grande delusione derivante un fallimento degli obiettivi di cui ci eravamo prefissati nella vita. Ad esempio: Cercare un determinato lavoro o ambire in una posizione sociale elevata e tutto ciò che può considerarsi il sogno della nostra vita. È legittimo avere delle ambizioni e fissarci degli obiettivi; l’errore che però si può fare è quello di metterlo al primo posto e dimenticarci totalmente di Dio e di quello che ha fatto per noi. Gesù disse: << chi ascolta la mia parola, ma non la mette in pratica è simile a un uomo stolto che ha costruito la sua casa nella sabbia; soffiarono i venti e arrivò la tempesta e la casa crollò perché non aveva forti fondamenta e la rovina fu grande. Invece chi ascolta la mia parola è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa nella roccia; soffiarono i venti e arrivò la tempesta e la casa rimase in piedi perché aveva forti fondamenta>>. (Luca 6,47-49). Questo ci insegna che mettere al centro della nostra vita solo i nostri sogni e volerli realizzare senza mettere Dio al primo posto ci rende molto esposti a grandi delusioni perché in caso di fallimento la nostra sofferenza sarebbe grande. Se uno ad esempio ha un determinato obbiettivo nella vita, come diventare cantante, o avvocato pensando che raggiunto l’obbiettivo sarà soddisfatto; se succede che non si riesce a raggiungere quell’obbiettivo o se lo si fa poi si fallisce, allora la rovina sarà molto grande. Viene da pensare anche a chi ha passato la sua vita creando un’impresa e la vergogna di vederla fallire li porta al suicidio. Oppure chi desidera tanto avere un compagno/a e quando la trova, la mette al primo posto, se poi non è la persona che ci si aspettava e avviene una separazione, anche in questo caso il dolore è grande e può rimanere per molto tempo. Se invece come obbiettivo è quello di servire e cercare il regno di Dio allora quello si che una scelta di vita con delle basi solide, come costruire la casa nella roccia. Soffieranno i venti, si abbatteranno le tempeste ma la casa non cadrà, perché se segui Dio, non sarai mai abbandonato; in più riuscirai anche a raggiungere gli obbiettivi prefissati grazie anche alla sapienza. I problemi non mancheranno perché essere cristiani non ti da una immunità ai problemi e alle sofferenze, ma la differenza rispetto a un non credente è che il Signore ti da i mezzi e la forza per superare ogni problema se glielo chiediamo in preghiera. Se noi pensiamo che per poter essere felici dovremo avere una ragazza/o o un lavoro; questo non è mettere Dio al primo posto, perché puoi essere felice già adesso senza possedere per forza quelle cose che sono comunque buone e sa che ne hai bisogno. Immaginiamoci di avere una ragazza/o che amate molto, ma un giorno vi dice: << beh io non sono per nulla felice, non lo sarò finché non avrò trovato un lavoro. Si, ci sei anche tu nella mia vita ma non vali più di tanto per me, la mia felicità è trovare un lavoro e basta>>. Di certo rimarrete molto delusi da questo, così molte persone si comportano così con il Signore, lo mettono tra gli ultimi posti e impostano la propria felicità su altre cose. Poi però non riescono a raggiungere l’obbiettivo o se lo fanno rimangono delusi, e questo può dare inizio a un momento difficile della nostra vita. Il problema è quando si mettono i nostri bisogni prima di Dio, questo si chiama concupiscenza. La fede è già sufficiente per essere felici e chi decide di mettere Dio e la sua parola al primo posto allora sarà proprio Lui a fare in modo che trovi una ragazza/o o un lavoro ed è garanzia che con Dio non avrà mai una delusione. Se invece confidi nelle persone, purtroppo le delusioni prima o poi deluderanno. Il Signore non abbandona chi confida in Lui, perché è Lui la roccia e anche se ci saranno fallimenti, si proverà dolore ma non così tanto da essere disperati e il Signore provvederà a una via di uscita dalla brutta situazione che ci si trova a causa del fallimento. Molti periodi brutti si possono evitare seguendo la parola di Dio, è meglio prevenire che curare.

TEMERE DIO PIUTTOSTO DEGLI UOMINI

  • Fontana torpida e sorgente inquinata, tale è il giusto che vacilla di fronte al malvagio. (PR 25,26)
  • Chi teme gli uomini si mette in una trappola, ma chi confida nel Signore è al sicuro (PR 29,25)
  • Chi ascolta me vivrà in pace e sarà sicuro senza temere alcun male (PR 1,33)

L’apostolo Paolo ci insegna che non bisogna temere gli uomini che possono solo toglierti la vita e basta. Temi il Signore che può uccidere sia il corpo che l’anima. Per morte dell’anima s’intende la totale separazione di Dio dopo la morte fisica che comporta l’inferno. Il giusto deve ubbidire sempre alla parola di Dio, anche se gli vengono poste delle minacce e subisce persecuzioni. Cedere alle minacce e peccare sarà considerato da Dio una mancanza di fede perché si dimostra di non avere fiducia nella potenza di Dio se si persevera nella giustizia. Come sta scritto: Non temere, perché io sono con te; ti rendo forte e ti vengo in aiuto e ti sostengo con la destra della mia giustizia (Isaia 41,10). Fare la volontà del Signore non è sempre facile e non significa non avere problemi e difficoltà ma Dio provvederà a un modo da poter compiere la sua volontà senza dover per forza peccare. Quando sai che è giusto fare una certa cosa ma non hai la forza per farla chiedi a Dio di darti la forza o toglierti quell’ostacolo spirituale che t’impedisce di farlo e Dio ti darà la forza di obbedire alla sua parola. In questi casi stare dalla parte della giustizia può essere pericoloso e il rischio persecuzioni è alto. Un esempio è chi si mette contro a dei criminali che minacciano di morte, se si fa o non fa una certa cosa. Le persecuzioni ci saranno ma il giusto non sarà mai senza speranza perché sa che il Signore è con lui, inoltre Gesù nel discorso della montagna disse: beati i perseguitati per la giustizia perché di essi è il regno dei cieli, Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e mentendo diranno ogni sorta di male per causa mia. Rallegratevi ed esultate perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti perseguitarono i profeti che furono prima di voi. (Matteo 5,10-12). Chi è perseguitato avrà una grande ricompensa e che sarà addirittura simile a quella di un profeta. Se andiamo a leggere nell’antico testamento, vedremo che al tempo del regno di Israele c’erano anche molti falsi profeti. E come si distinguevano da quelli veri? Semplice: Il falso profeta diceva cose che la gente voleva sentirsi dire, e sostenevano che il Signore aveva detto a loro che avrebbero sconfitto l’avanzata dei Babilonesi, e dicevano di predire solo cose buone, e facendo ciò erano onorati dalle folle. S’improvvisavano profeti per ottenere una posizione di prestigio nella società. Il vero profeta, quello mandato da Dio aveva come scopo principale quello di mettere in guardia dal peccato di Israele e se non lo abbandonavano, sarebbe avanzata la rovina. Questo messaggio però non piaceva alle genti per questo erano perseguitati, ma loro spinti da quella forza interiore donata da Dio, continuavano a proferire i messaggi del Signore, anche se non erano graditi alle folle, e i profeti non avevano alcun interesse nel farlo, visto che ci rimettevano soltanto, ma loro temevano più Dio che gli uomini e sempre le profezie si sono realizzate. Il profeta Geremia non si sarebbe mai aspettato una così grande persecuzione e arrivò sul punto di mollare; un giorno disse: <<Basta! Non penserò più a Lui, non parlerò più nel Suo nome!>>. Ma nel mio cuore c’era come un fuoco ardente, trattenuto nelle mie ossa; mi sforzavo di contenerlo, ma non potevo (Geremia 20,9). Il Signore non ti abbandona mai, soprattutto nelle persecuzioni. I profeti ora hanno un posto speciale in cielo, così anche chi sarà perseguitato e non avrà mai mollato gli spetterà una grande ricompensa. Se dunque ti odiano e ti disprezzano per il fatto che sei credente e ti comporti secondo giustizia continua a sorridere sapendo che Dio ti ama e guarirà la tue ferite. Guai invece chi tocca quelle persone; sarà come toccare l’occhio di Dio. Egli renderà giustizia per ogni male che avranno subito e ogni persecuzione che riceveranno per il solo fatto di essere credenti e aver operato secondo giustizia. Se dunque qualcuno ti insulta o ti deride a causa del Vangelo, non amareggiarti, sappi che in realtà sta insultando e deridendo Dio e Lui agirà a loro secondo le loro opere, Infatti sta scritto: Gli insulti di chi insulta ricadranno su di me (Salmo 69,10). I persecutori attaccheranno in ogni maniera, potranno toglierti qualche bene materiale, ma non potranno fare nulla al tuo spirito e alla tua fede, o chi potrà mai far separare dall’amore di Dio? Forse la tribolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada? Ma in tutte queste cose noi siamo più che vincitori per virtù di colui che ci ha amati. (Romani 8,37). In realtà chi perseguita, chi critica, chi ridicolizza o rifiuta un credente non sa che si sta mettendo contro Dio, e chi si mette contro di Lui non potrà spuntarla liscia e il rischio di una condanna eterna si avvicinerà a loro e tutte quelle risate e beffe contro Dio saranno trasformate in pianti eterni. Il Signore infatti dice di pregare per i persecutori e benedirli affinché si convertano e passino dalla parte di Dio in modo che non sia costretto a giudicarli per la loro malvagità, ma con la loro conversione sperimentano la misericordia di Dio. Gesù disse infatti che vi sarà più gioia in cielo per un solo peccatore che si converte, più che per 99 giusti i quelli non hanno bisogno di conversione (Luca 15,7), questo lo si vede nella famosa parabola della pecorella smarrita, indicando che ognuno di noi, compresi i malvagi sono un tesoro prezioso agli occhi di Dio, c’è quindi una grande gioia se un malvagio si ravvede e passa dalla sua parte. Così anche i giusti dovranno vedere così le persone che criticano e perseguitano i credenti. Un esempio invece nel Vangelo dove è messo in risalto il timore di Dio più grande che il timore degli uomini si trova nel libro degli atti dove Pietro e altri discepoli avendo già iniziato a predicare il Vangelo contro la volontà dei farisei e i dottori della legge. Furono arrestati e condotti nel sinedrio per essere processati. Qui i farisei gli dissero che erano già stati avvertiti del fatto che non dovevano predicare il Vangelo alle genti, e Pietro rispose che bisogna obbedire a Dio e non agli uomini e qualunque punizione avrebbero subito loro avrebbero continuato a farlo (Atti 5,29). Per arrivare a dire questo Pietro aveva sviluppato una fede eccezionale, sappiamo che in passato Gesù lo aveva rimproverato per mancanza di fede, ma qui è ormai arrivato a un livello di fede che non teme più nulla anche perché è rafforzato dalla presenza dello Spirito Santo. Questo ci insegna che l’unico modo di eliminare la paura è proprio la fede. E come lo fermi uno che risponde così? Semplice, non lo fermi. Ora, nel sinedrio c’era anche un fariseo di nome Gamaliele. Era considerato un fariseo pieno di conoscenza e di una condotta morale eccellente e per questo godeva di una certa autorità. Non aveva partecipato al processo contro Gesù, poiché fu condotto in maniera illegale, nelle ore notturne quando gran parte delle persone non erano presenti. C’erano solo i farisei ostili a Gesù in quel momento. Più avanti è detto che Gamaliele fu anche il maestro di Paolo durante la sua giovinezza. Questo fariseo fu usato da Dio per salvare Pietro e i suoi compagni temporaneamente. Disse ai presenti che se quello che predicano non proviene da Dio allora la cosa morirà da sola, facendo degli esempi di altri predicatori che anni addietro fecero un piccolo numero dei discepoli ma vennero dispersi una volta tolto di mezzo il loro leader. Ma se invece viene da Dio; Beh, forse è meglio non trovarsi a combattere contro Dio. Il fatto che dopo più di 2000 anni ci sono ancora persone che hanno dato il cuore a Cristo significa che quello che Pietro e i discepoli predicavano proveniva veramente da Dio. Così li liberarono, ma solo dopo aver ricevuto delle frustate. Tuttavia i discepoli non furono arrabbiati con Dio per il fatto che furono percossi per causa sua. Si rallegrarono ed esultarono perché sapevano che erano stati degni di essere percossi a causa di Gesù e per questo avrebbero ricevuto una grande ricompensa in cielo.

I PROGETTI DELL’UOMO E I PROGETTI DI DIO

  • All’uomo appartengono i progetti del cuore, ma dal Signore viene la risposta della lingua (PR 16,1)

Noi tutti abbiamo delle ambizioni nella nostra vita; sogniamo e ci battiamo per realizzarle, per sentirci soddisfatti di noi stessi, come ad esempio finire degli studi, cercare un certo tipo di lavoro, trovare una moglie o un marito o andare a vivere in un determinato posto. Tutto questo lo vogliamo perché pensiamo che sia il meglio per noi e di per se tutte queste cose non sono negative, anzi, penso che tutti aspirano a sogni e spesso sono anche legittimi, ma non dobbiamo neanche dimenticarci del Signore, e continuare a confidare in lui. Non è detto che Dio ci ha destinati agli stessi nostri progetti che desideriamo noi, forse vuole che tu faccia qualcos’altro in modo da servire meglio il regno di Dio, come può essere la predicazione e l’insegnamento della parola di Dio o fare un determinato servizio in un determinato luogo, ma ha bisogno della nostra volontà nel compiere la sua parola. Il Signore non fa nulla nella nostra vita se non lo vogliamo, ma se facciamo ciò che vuole ci sentiremo pienamente realizzati anche se dovremo affrontare delle difficoltà Lui non ci abbandonerà mai. Il piano di Dio è sempre migliore del nostro e sarà quello che ci potrà rendere più felici. Ognuno di noi ha un destino da compiere nella vita, come si può leggere nel salmo 139,16, il nostro destino è scritto nei cieli ancora prima che nascessimo e se confidiamo in Dio, potrà realizzarlo nella nostra vita realizzando anche grandi cose essendo grandemente benedetti. Il diavolo però non vuole che adempiamo quel destino e farà di tutto per metterci il bastone tra le ruote. Ma non dobbiamo scoraggiarci, ma camminare con decisione verso il nostro destino e il Signore sarà dalla nostra parte. Nella Bibbia ci sono alcuni esempi di come i progetti dell’uomo non sempre corrispondono con i progetti di Dio; uno di questi è la vita di Giuseppe, marito di Maria, madre di Gesù. Di certo Giuseppe voleva sposare Maria e pensava di formare una famiglia normalissima, infatti, non c’è niente di male in tutto questo; ma il Signore aveva altri progetti per lui: Una missione speciale, proteggere Maria e Gesù bambino. Si è dovuto ritrovare a scappare in Egitto, con tutte le difficoltà del caso, anche se Giuseppe non capiva fino in fondo tutto il disegno complessivo, e quanto fosse importante il suo ruolo. Giuseppe si è fidato del Signore, e non è mai stato abbandonato da lui, e ora occupa un posto speciale in cielo. Ora; Dio parla raramente con voce udibile come ha fatto con Giuseppe quindi bisogna chiedere al Signore qual è il suo progetto per noi e cosa bisogna fare per realizzarlo. È possibile che quello che stiamo facendo sia già il progetto di Dio nella nostra vita ed è stato tutto predisposto; seminandoci nel nostro cuore quello che vuole che noi facciamo. Se è così, riusciremo a superare tutte le difficoltà con l’aiuto di Dio e saremo felici e appagati, se invece ci troviamo impossibilitati nel farlo allora bisogna pregare per capire cosa dobbiamo fare, se insistere con quello che si sta già facendo oppure cambiare strada, se non riusciamo a farlo può essere che sbagliamo qualcosa nella nostra vita e se è così allora con l’aiuto di Dio, bisogna cambiare quegli atteggiamenti sbagliati per sboccare la situazione. Se le nostre ambizioni sono buone, allora è possibile che Dio voglia farle insieme a te, e non lasciare che invece il tuo sogno sia così importante da coprire Dio, perché è possibile che è per quel motivo che non riusciamo ad ottenere quello che vogliamo. Dio potrebbe invece avere un piano diverso per noi, in quel caso bisogna chiedere a Dio che ci guidi in ciò che siamo destinati a fare perché non riusciamo a ottenere nulla dalla vita è possibile che non stai facendo la sua volontà, anche se quello che vuoi fare è buono. Sta scritto infatti: Se il Signore non costruisce la casa, invano si affaticano i costruttori. Se il Signore non vigila sulla città, invano veglia la sentinella (Salmo 127,1). La preghiera in questo caso è fondamentale per capire qual è la chiamata di Dio sulla nostra vita. Se nei nostri progetti ci affidiamo completamente a lui allora quello che faremo sarà benedetto e riusciremo nei nostri progetti. Io penso che spesso le persone anche se sono credenti hanno paura di affidare completamente la propria vita a Cristo. Magari pensano che si troveranno a fare cose che non piace a loro; questo però non è fidarsi di Lui, perché se ti fidi di Lui sai che ha in mente il meglio per noi. Sapete, servire il Signore può essere la cosa più piacevole del mondo. Gesù dice: “Il Mio giogo è dolce, il Mio carico è leggero”. Dio non ci mette addosso un terribile peso, e poi dice: “A posto così, ora prova a portare questo!”. Lui prende piacere nel fare cose buone per i suoi figli. Dio prende piacere nel fare cose buone per te. Ora, a immaginatevi un attimo di essere una mamma che ha una figlia che ama e che vuole molto bene. Un giorno vostra figlia viene da te e dice “Sai mamma, stamattina stavo pensando a quanto è bello vivere qui a casa. Tu paghi tutte le bollette; mi dai i soldi per comprarmi i vestiti. Pensi sempre a tutti i miei bisogni ed è così bello vivere qui con te. Apprezzo davvero molto tutto quello che fai per me. E stavo pensando che, così, per mostrare la mia gratitudine, oggi voglio fare tutto quello che desideri che faccia. Voglio dimostrarti quanto sono grata per tutto questo!”. Ora, a questo punto dopo che vostra figlia che amate tanto dice una cosa del genere, prima di tutto svieni. Ma quando ti buttano addosso l’acqua, e ti riprendi, cosa pensi che diresti a tua figlia, che è venuta esprimendo un tale sentimento, mettendosi a tua completa disposizione per qualsiasi cosa? Penseresti forse al lavoro più brutto e antipatico che magari hai rimandato per mesi? “Perfetto, finalmente ti ho in pugno! Prima di tutto, inizia con quei secchioni della spazzatura puzzolenti, e puliscili perbene”. E lo carichi con tutti i lavori più brutti. Non penso che faresti questo. Se foste una mamma credente e ricca di sapienza, saresti così contenta di vedere questo atteggiamento in tua figlia, che vorresti che questo fosse un fantastico giorno per lei. E per il fatto che ora vuole mostrare il suo apprezzamento, ora voglio fare qualcosa di buono per lei. E diresti: “Perché non dimentichiamo tutto e non ce ne andiamo a fare shopping in centro?”. Oppure: “Ho sentito che c’è un bel film al cinema, perché non andiamo a vederlo insieme?”. Vorresti fare queste cose che le piacerebbe fare.  Così anche il Signore non è tanto diverso. Quando tu vieni a Dio e dici: “Oh, Signore, sono così contento di essere un Tuo figlio. Ti stai prendendo cura di me in modo fantastico, e io apprezzo davvero molto tutto quello che hai fatto. Non devo preoccuparmi, perché Tu vegli su di me. E voglio dare tutto me stesso a te completamente. Qualunque cosa vuoi che io faccia. A questo punto Dio non pensa alla cosa più brutta, disgustosa, e antipatica. Fa’ questo, fa’ quello”. E ti fa rimpiangere il giorno in cui hai dedicato completamente la tua vita a Lui. Dio ti lascia fare le cose che ti piace fare. Lui ama dare buoni doni ai Suoi figli. Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se voi dunque, che siete peccatori, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono! (Luca 11,11-13). Non bisogna avere paura da affidare la vita a lui; confida in lui e un giorno scoprirai che servire il regno di Dio, non è così difficile come poteva sembrare. Useremo le nostre migliori capacità e le nostre passioni per servire il regno di Dio.