LA VISIONE DI EZECHIELE 4/4

Completiamo la lettura del capitolo …

Al di sopra delle teste degli esseri viventi era disteso una specie di firmamento8), simile a un cristallo splendente, e sotto il firmamento erano le loro ali distese, l’una verso l’altra; ciascuno ne aveva due che gli coprivano il corpo9). Quando essi si muovevano, io udivo il rombo delle ali, simile al rumore di grandi acque, come il tuono dell’Onnipotente, come il fragore della tempesta, come il tumulto d’un accampamento. Quando poi si fermavano, ripiegavano le ali. Ci fu un rumore al di sopra del firmamento che era sulle loro teste. Sopra il firmamento che era sulle loro teste apparve qualcosa come una pietra di zaffìro in forma di trono10) e su questa specie di trono, in alto, una figura dalle sembianze umane. Da ciò che sembravano i suoi fianchi in su, mi apparve splendido come metallo incandescente e, dai suoi fianchi in giù, mi apparve come di fuoco. Era circondato da uno splendore simile a quello dell’arcobaleno fra le nubi in un giorno di pioggia. Così percepii in visione la gloria del Signore. 11)  Quando la vidi, caddi con la faccia a terra e udii la voce di uno che parlava. V.22 – V.28

In questa parte vediamo comparire altri elementi interessanti: Sopra i quattro KERUVIM troviamo la RAQIA רָקִיעַ che in italiano viene reso “firmamento”. Viene descritto come una enorme piattaforma trasparente e sopra di essa qualcosa che ricorda la forma di un trono e una figura con una sembianza umana che irradia una luce fortissima. Questa è la presenza di Dio ripieno della sua gloria (KAVOD). Questa è la visione della gloria di Dio al completo che esprime tutta la sua regalità davanti al mondo. Da qui nasce l’espressione “che siedi sui cherubini”, molto usata nella Bibbia all’interno delle invocazioni o nei salmi regali.

Un esempio di invocazione la troviamo del Salmo 18,11

Signore, Dio d’Israele, che siedi sui cherubini, tu solo sei Dio per tutti i regni della terra; tu hai fatto il cielo e la terra.

Questa espressione non si riferisce al fatto che Dio si siede sui KERUVIM come ci si siede su un cavallo,  come vuole far credere Biglino. Dalla visione si può notare il distacco tra Dio e i KERUVIM, si riferisce al fatto che i KERUVIM, che già loro sono creature potenti e gloriose stanno sotto Dio. Questa espressione quindi serve per enfatizzare la regalità di Dio non solo limitato alla terra e al popolo di Israele, ma in tutto l’universo e per indicare che chi tocca Israele, tocca l’occhio di Dio. Biglino insiste sulla tesi che i KERUVIM sono mezzi di trasporto citando anche In 2Samuele 22,11

Cavalcava un cherubino e volava, si librava sulle ali del vento.

Prendendo questo versetto alla lettera dice che YHWH cavalca un Cherubino e questo indica come la Bibbia lo descriva come un mezzo di trasporto. Quello che non tiene conto è che il Salmo 22 è un cantico scritto da Davide per esultare una vittoria contro i filistei. Essendo un cantico, quindi una poesia non va preso assolutamente alla lettera, ma va analizzato tenendo conto del genere letterario e all’interno del contesto storico e culturale. Infatti sempre nello stesso cantico troviamo altri versetti che non avrebbero senso presi alla lettera: Allora la terra fu scossa e tremò, le fondamenta dei cieli furono smosse e scrollate, perché egli era colmo di sdegno. (V.8). Il Versetto 11 indica che Dio è l’Essere Supremo. Gli son sottoposte tutte le cose, ed egli dunque le “cavalca” nel senso che le domina e le impiega secondo il suo proposito. Infatti l’atto di cavalcare indica il fatto che sottometti al tuo volere, appunto come un cavaliere sottomette un cavallo per portarlo dove vuole lui. In conclusione Dio, l’onnipotente è intervenuto rapidamente grazie ad un angelo cherubino. Un altro versetto simile lo troviamo nel Salmo 68,5:

Appianate la strada a colui che cavalca le nubi

Anche qua troviamo un versetto poetico e nessuno può dire che le nuvole siano le astronavi. In questo caso si esalta Dio come Signore degli elementi naturali. In conclusione se la Bibbia scrive che YHWH cavalca qualcosa, dire che guida un mezzo di trasporto è di una banalità frutto di una ignoranza della cultura ebraica.

8) Biglino traduce il termine che in Ezechiele viene reso con “firmamento”  (RAQIA) con “cupola”, in riferimento al parabrezza trasparente dell’astronave. Ora andiamo a vedere cosa dice il dizionario riguarda il termine RAQIA:

Da come si può vedere questo termine è usato anche in Genesi per definire la volta celeste e in Ezechiele si po’ tradurre anche “piattaforma”. Non ci sono elementi che fanno pensare a un oggetto a forma di cupola, infatti tutte le rappresentazioni  grafiche della RAQIA è costituita da una sorta di grande pavimento piatto trasparente. Qualcosa di veramente immenso. Dove possiamo trovare un’ulteriore conferma? Nell’ebraico moderno, attualmente in uso in Israele il termine “cupola” si traduce KIPA כִפָּה nell’ebraico biblico corrisponde all’albero della palma, questo perchè l’insieme delle foglie, dei rami ricorda vagamente la forma di una cupola.a  Possiamo constatare che nel tradurre “cupola” in ebraico modero, la parola RAQIA non è stata presa minimamente in considerazione, questo perchè  gli ebrei sapevano che non aveva niente a che vedere con la forma di una cupola. Le teste che sono sotto la RAQIA non sono i piloti dell’astronave come vorrebbe far credere Biglino, ma si riferisce sempre alle teste degli esseri viventi ovvero i KERUVM. Anche se è scontato come cosa, Ezechiele lo precisa nel versetto 22: Al di sopra delle teste degli esseri viventi … Ma Biglino pur di non attribuire una forma antropomorfa ai KERUVIM si è dovuto inventare la storia dei piloti. La visione della RAQIA come una relativamente piccola cupola trasparente è una speculazione molto lontana dal testo ebraico; che la descrive come qualcosa di immenso, piatto e non trasparente.  Se Ezechiele avesse visto una cupola trasparente che termine avrebbe usato per descriverlo? In ebraico biblico non esiste un vocabolo per indicare la forma geometrica di una cupola o semisfera, ma possiamo stare certi che non può essere la RAQIA. Quello che più probabile se fosse stato qualcosa paragonabile a un parabrezza trasparente, Ezechiele avrebbe riconosciuta o comunque scambiata per vetro, un materiale conosciuto all’epoca. Quindi avrebbe detto che è fatta di ZEKOKIT זְכוֹכִית ,il termine che si traduce “vetro” o il suo sinonimo GAVISH גָּבׅישׁ che può indicare anche un materiale di struttura cristallina.

La scena celeste di Ezechiele la troviamo anche nell’Apocalisse di San Giovanni apostolo  capitolo 4-6,9. Vediamo il confronto:

Davanti al trono vi era come un mare trasparente simile a cristallo. In mezzo al trono e attorno al trono vi erano quattro esseri viventi, pieni d’occhi davanti e dietro. Il primo vivente era simile a un leone; il secondo vivente era simile a un vitello; il terzo vivente aveva l’aspetto come di uomo; il quarto vivente era simile a un’aquila che vola.  I quattro esseri viventi hanno ciascuno sei ali, intorno e dentro sono costellati di occhi; giorno e notte non cessano di ripetere: “Santo, santo, santo il Signore Dio, l’Onnipotente, Colui che era, che è e che viene!” E ogni volta che questi esseri viventi rendono gloria, onore e grazie a Colui che è seduto sul trono e che vive nei secoli dei secoli.

San Giovanni, come Ezechiele ha anch’esso avuto delle visioni al tempo della sua vecchiaia in esilio all’isola di Patmos, in Grecia. Una di queste sembra coincidere con la visione di Ezechiele. Troviamo che anche San Giovanni vede un “trono” e il firmamento che lo descrive come un mare trasparente simile a cristallo. È interessante notare che lo descrive in maniera leggermente diversa ma si tratta della stessa cosa, questo è il punto di vista di Giovanni; il fatto che non ha usato le stesse parole indica che non ha copiato da Ezechiele ma ha visto la stessa cosa e lo descrive a parole sue. In entrambi i casi una distesa piana immensa. Sono presenti anche qui, i quattro esseri viventi e li descrive in maniera simile rispetto ad Ezechiele con la differenza che ogni essere vivente ha un solo volto. A differenza di Ezechiele, Giovanni scrive che questi esseri viventi non smettono mai di lodare e glorificare il Signore e dal momento che siamo nel contesto della scena celeste, la stessa di Ezechiele possiamo intuire che questi esseri viventi sono proprio i KERUVIM e il fatto che parlano indica che non possono essere delle navicelle spaziali. Questa scrittura infatti non compare in nessun libro di Biglino perché qui è troppo evidente che si trattano di esseri senzienti e la sua teoria crollerebbe.

9) La parola GHEWIAH גְּוִיָּה significa “corpo” e non struttura. Un’ulteriore prova che attesta che i KERUVIM hanno una forma antropomorfa, dunque si sta parlando di corpi di esseri viventi e non strutture di congegni meccanici.

10) Per Biglino la parola ”trono” (CHISSE כִּסֵּא) corrisponde al sedile della cabina di pilotaggio. È presente anche una figura con sembianze umane, ma non da nessuna spiegazione del perché questa figura emana una forte luce.

11) Biglino nel suo libro “non c’è creazione nella Bibbia” inserisce un commento su una frase del versetto 28: Così percepii in visione la gloria (KAVOD) del Signore. Questa frase contiene la parola KAVOD e non poteva ignorarla: Ciò che fino a ora era stato definito RUACH improvvisamente viene definito come il KAVOD. Sono dunque la stessa cosa? Sono due modi per definire caratteristiche compresenti nello stesso oggetto volante non meglio identificato. Nel capitolo 1 di Ezechiele i protagonisti sono gli esseri viventi, ovvero i KERUVIM e gli OFANIM, non è certamente la RUACH che è presente solo in maniera sporadica e ogni volta che compare questa parola in Ezechiele 1, Biglino la traduce con “vento”. Ma arrivanti a questo punto si <<dimentica> si aver sempre tradotto questa parola come vento e d’un tratto e inspiegabilmente diventa un astronave aliena. Tutto questo per mostrare falsamente una comparazione con KAVOD per poi collegarlo a un brano già analizzato precedentemente. Questo è un esempio come le spiegazioni di Biglino si contraddicono da sole e presentano numerose falle.

ULTIME OSSERVAZIONI:

  • Se volessimo vedere la visione di Ezechiele come un navicella volante dovremo prendere atto della carenza di molti particolari: Che cosa sostiene quella “cupola” piattaforma al di sopra delle ruote? E come fanno a girare le ruote senza un asse che le colleghi? Vediamo che non ci sono elementi sufficienti per vedere in questa visione quello che Biglino vorrebbe vedere. Persino anche l’ebraista laico Cuscito è convinto che leggendo il testo è impossibile vederci un astronave aliena, solamente forzando la traduzione di alcune parole e lavorando molto di fantasia puoi vedere qualcosa del genere, ma non è assolutamente niente di tutto ciò.
  • Nella visione Ezechiele descrive non solo quello che vede, ma anche quello che sente, come il rumore delle ali dei KERUVIM. Secondo Biglino e gli altri “liberi pensatori” il fatto che si sentono dei rumori indica che non si tratta di fenomeni soprannaturali, ma di fatti concreti. Come se loro fossero esperti di fenomeni soprannaturali. È ovvio che delle visioni è presente sicuramente una parte visiva, ma è presente eventualmente anche la parte uditiva; non ci sono mai visione mute. Quindi accreditare questa come prova per confutare la teologia è alquanto ridicolo.
  • Ezechiele descrive nella visione lo strano movimento degli OFANIM e  i KERUVIM. Anche in Ezechiele 10 dove si ripropone una visione simile ad Ezechiele 1 vengono descritti vari movimenti. In quella scena la presenza di Dio, rappresentata dalla nube, esce dal tempio di Gerusalemme a causa dei peccati degli Israeliti. Il fatto che le visioni presentano movimenti significa che la gloria di Dio si muove liberamente e non da nessuna prova che si tratta di un astronave aliena.
  • Descrivendo la sua visione, Ezechiele usa spesso espressioni come “avere l’aspetto”, “sembrare” e “qualcosa di simile”. Ma in questi versetti lo fa ancora più spesso, come se cercasse le parole per descrivere qualcosa di praticamente indescrivibile. Descrivere le cose celesti con il limitato linguaggio umano, in particolare in una lingua antica come l’ebraico, povera di vocaboli in confronto con le lingue moderne è un’impresa assai ardua. Nel nuovo testamento Paolo dichiara di aver avuto un’esperienza mistica, ma si rifiutò di descrivere ciò che vide perché ritenne un crimine anche solo provarci a descrivere con linguaggio umano le cose straordinarie che vide. Ezechiele invece ci provò, ma dal suo modo poco preciso di descrivere indica che non è possibile che la visione sia un qualcosa di inventato. Altrimenti non ci sarebbe avuto bisogno di usare tutte queste similitudini.
  • La famosa arca dell’alleanza costruita dagli israeliti durante l’esodo dall’Egitto sotto le dettagliate indicazioni di Dio tramite Mosè, è un modellino della scena celeste di Ezechiele. Anche nell’arca erano presenti i KERUVIM. Nelle varie ricostruzioni grafiche dell’arca i KERUVIM anche se molto diversi da una versione all’altra sono comunque tutte ricostruite in modo antropomorfo. Il propiziatorio, la  lastra d’oro che copriva l’arca era considerata il luogo della presenza di Dio. Il termine dà rilievo al fatto che tale presenza si realizza come gratuita benevolenza di Dio verso il suo popolo. Nella visione, corrisponde al firmamento e il trono. Gli OFANIM corrispondono alle ruote del carro costruito appositamente per il trasporto.
  • Alla fine della visione Ezechiele vede sul trono un esempio di teofania, un’apparizione di Gesù Cristo nel vecchio testamento. Mettiamo a confronto altre due teofanie descritte da personaggi diversi vissuti in tempi diversi e noteremo che stanno descrivendo la stessa cosa pur utilizzando parole differenti. Queste sono le comparazioni:

una figura dalle sembianze umane. Da ciò che sembravano i suoi fianchi in su, mi apparve splendido come metallo incandescente e, dai suoi fianchi in giù, mi apparve come di fuoco. (Ezechiele 1,26-27)

uno simile a un Figlio d’uomo, con un abito lungo fino ai piedi e cinto al petto con una fascia d’oro.  I capelli del suo capo erano candidi, simili a lana candida come neve. I suoi occhi erano come fiamma di fuoco.  I piedi avevano l’aspetto del bronzo splendente, purificato nel crogiuolo. La sua voce era simile al fragore di grandi acque … e il suo volto era come il sole quando splende in tutta la sua forza. (Apocalisse 1,13-16)

ed ecco un uomo vestito di lino, con ai fianchi una cintura d’oro di Ufaz; il suo corpo somigliava a topazio, la sua faccia aveva l’aspetto della folgore, i suoi occhi erano come fiamme di fuoco, le sue braccia e le sue gambe somigliavano a bronzo lucente e il suono delle sue parole pareva il clamore di una moltitudine. (Daniele 10,5-6)

FINE

LA VISIONE DI EZECHIELE 3/4

Continuiamo la lettura del capitolo …

Io guardavo quegli esseri, ed ecco sul terreno una ruota al fianco di tutti e quattro. Le ruote avevano l’aspetto e la struttura come di topazio e tutte e quattro la medesima forma; il loro aspetto e la loro struttura erano come 6) di ruota in mezzo a un’altra ruota. Potevano muoversi in quattro direzioni; procedendo non si voltavano. Avevano dei cerchioni7) (VEGABEHEM וְגַבֵּיהֶן) molto grandi e i cerchioni di tutt’e quattro erano pieni di occhi. Quando quegli esseri viventi si muovevano, anche le ruote si muovevano accanto a loro e, quando gli esseri si alzavano da terra, anche le ruote si alzavano. Dovunque lo spirito le avesse sospinte, le ruote andavano e ugualmente si alzavano, perché lo spirito degli esseri viventi era nelle ruote. Quando essi si muovevano, anch’esse si muovevano; quando essi si fermavano, si fermavano anch’esse e, quando essi si alzavano da terra, anch’esse ugualmente si alzavano, perché nelle ruote vi era lo spirito degli esseri viventi. (V.15 – V.21)

A questo punto compaiono gli OFANIM di cui abbiamo precedentemente analizzato. In questa parte della visione vengono descritti i movimenti dei KERUVIM e degli OFANIM in modo da rievocare l’immagine di uno stormo di uccelli quando, in maniera del tutto sincronizzata, varia direzione in volo, cambiando rotta drasticamente senza che ognuno i loro perda il proprio posto. Questa, probabilmente, fu la visione che ebbe Ezechiele riguardo i KERUVIM e gli OFANIM in movimento. Il testo è chiaro sul fatto che i KERUVIM  e  gli OFANIM sono due elementi ben distinti e non un’unica entità e questo è un altro elemento che esclude a priori la possibilità che sia una navicella aliena.

6)   e   7)  Secondo Biglino l’espressione:  ruota in mezzo a un’altra ruota, combinato con la parola VEGABECHEM (e i loro cerchioni) tradotta con il termine “curvatura” è un chiaro riferimento alla descrizione di una navicella a forma di disco volante, così come appare nell’immaginario collettivo. Iniziamo con l’esaminare la parola VEGABECHEM di cui deriva la radice GAV גַּב: Secondo il dizionario significa: Un oggetto curvo, sporgente, prominente, concavo, convesso. A seconda del sostantivo di riferimento può assumere diversi significati: Se riferito al corpo umano significa “spalla” (Salmo 129,3), se riferito allo scudo significa “bombatura” (Giobbe 15,26), se riferito agli occhi corrisponde alle “sopracciglia” (Levitico 19,4). Nel brano ora in esame il termine GAV è riferito agli OFANIM, che vengono tradotte come “ruote”. in questo caso la traduzione adeguata corrisponde a “cerchioni” e non a un semplice “curvatura”. Come detto in precedenza gli OFANIM da come sono descritti nel libro di Enoch non sono gli oggetti meccanici; approfondendo il versetto 16 troviamo:

Il loro aspetto e la loro struttura erano come di ruota in mezzo a un’altra ruota.

La parola tradotta nella Bibbia come “aspetto” più precisamente significa “le loro apparenze” e la parola tradotta come “struttura” significa “la loro azione”. Dunque Ezechiele non ha visto delle ruote, ma ha visto un qualcosa che dall’aspetto e dal movimento ricorda vagamente delle ruote. Se volessimo avere una rappresentazione grafica per come vengono descritti da Ezechiele in maniera letterale vedremo due ruote intersecate a 90 gradi. Niente a che vedere rispetto a una visione di un disco volante. Se invece Ezechiele avesse veramente visto, con i proprio occhi delle navicelle a forma di dischi volanti come gli avrebbe potuti descrivere? In ebraico biblico non esiste una vocabolo che corrisponde alle descrizione di un disco. Avrebbe potuto usare la parola GAV ma in maniera diversa da come appare nel testo ebraico in quando con questo vocabolo si intende un oggetto con una bombatura unidirezionale quando invece la forma di un disco non è propriamente curvo in questo modo ma ha una doppia bombatura disposta in maniera simmetrica. Si sarebbe anche potuto usare il duale applicato alla parola GAV per indicare un plurale limitato a due elementi: Quindi per descrivere una forma di una disco in ebraico biblico avrebbe dovuto essere:

Da precisare che anche in questo caso, parlare di dischi volanti alieni sarebbe stato comunque una fantasiosa speculazione, ma almeno dal punto di vista lessicale sarebbe stato coincidente. Per ultima cosa Biglino identifica nella parola “occhi” nel versetto 18: i cerchioni di tutt’e quattro erano pieni di occhi, gli oblò dei dischi volanti partendo sempre dalla errata traduzione di “occhi” come luminescenza smentita in precedenza.

CONTINUA…

LA VISIONE DI EZECHIELE 2/4

Continuiamo la lettura del capitolo …

Al centro, una figura composta di quattro esseri viventi, di sembianza umana con quattro volti e quattro ali ciascuno. Le loro gambe erano diritte e i loro piedi come gli zoccoli d’un vitello, splendenti come lucido bronzo. Sotto le ali, ai quattro lati, avevano mani d’uomo; tutti e quattro avevano le proprie sembianze e le proprie ali, e queste ali erano unite l’una all’altra. Quando avanzavano, ciascuno andava (YELEKU) 2) diritto davanti a sé, senza voltarsi indietro. (V.5  –  V.9).

A un certo punto il profeta vede comparire i quattro “esseri  viventi” con il termine HAYOT analizzata precedentemente e precisa che hanno l’aspetto d’uomo, citando diversi elementi quali volti, mani, gambe e piedi che richiamano una forma antropomorfa anche se diversa dall’uomo. Questi vocaboli non avrebbero dovuto esserci se avesse voluto descrivere un mezzo di trasporto volante.

2) La parola YELEKU יֵלֵכוּ grammaticalmente l’imperfetto del verbo HALAK הָלַךְ la troviamo tradotta nella Bibbia come “andarono”; il significato più comune è “camminare”. Questo vocabolo può riferirsi unicamente a un essere animano come appunto i KERUVIM effettivamente sono. Può essere usato anche riferito a entità inanimate, ma solo se utilizzate come metafore in generi letterali poetici, ma nel brano in esame non è questo il caso. Questo verbo sicuramente non potrebbe mai riferirsi a una navicella volante e questo è un altro elemento che confuta la tesi di Biglino.

Continuiamo la lettura del capitolo …

Quanto alle loro fattezze (DEMUT) 3), avevano facce d’uomo; poi tutti e quattro facce di leone a destra, tutti e quattro facce di toro a sinistra e tutti e quattro facce d’aquila. Le loro ali erano spiegate verso l’alto; ciascuno aveva due ali che si toccavano e due che coprivano il corpo. Ciascuno andava diritto davanti a sé; andavano là dove lo spirito (RUACH)4) li sospingeva e, avanzando, non si voltavano indietro. Tra quegli esseri si vedevano come dei carboni ardenti simili a torce, che si muovevano in mezzo a loro. Il fuoco risplendeva e dal fuoco si sprigionavano bagliori. Gli esseri andavano e venivano (RATSO)5) come una saetta. (V.10 – V.14).

Quindi ciascuno di loro aveva quattro facce. La faccia frontale aveva l’aspetto di uomo, il lato destro aveva l’aspetto di un leone, il lato sinistro aveva l’aspetto di bue e dietro di aquila. La teologia cristiana ha visto in questa parte della visione di Ezechiele un’immagine profetica riguardo i quattro vangeli: Nel vangelo di Luca, Cristo viene presentato come il Figlio dell’uomo; nel vangelo di Marco, come il Leone della tribù di Giuda, nel vangelo di Matteo, è il servo, il bue, l’animale del servizio, e nel vangelo di Giovanni, la deità, l’aquila. In particolare il leone di san marco è il simbolo della città di Venezia dove raffigura un leone con le ali. Un altro punto di vista altrettanto valido è la visione dei quattro volti nelle fasi della vita di Gesù:  È venuto sulla terra come uomo; è stato sacrificato come un bue, animale usato anche nei sacrifici rituali; e risorto con potenza, come un leone; è asceso al cielo come un aquila. Gesù compare in tutto l’antico testamento in forma velata e questo caso è solo uno dei tanti esempi.

Secondo Biglino invece Ezechiele ha assegnato i nomi di questi quattro volti o come gli chiama lui, “i quattro lati” non in base alla forma, ma in base alla funzionalità: La faccia d’uomo doveva essere la parte dove era posizionata la cabina di pilotaggio; l’aquila le ali dei mezzo volante; il leone, la  sua aggressività, il lato dove c’erano le armi; i bue, animale simbolo della sua potenza composta. Precisa che si tratta solo di un’ipotesi assolutamente privo di ulteriori prove che possano confermare questa chiave di lettura. Questa interpretazione oltre a non avere prove fa un po’ acqua da tutte le parti: La cabina di pilotaggio di un veicolo è sempre nello stesso lato delle ali perché chi pilota deve poter vedere dove va, se invece si trova a 90 gradi non è nella direzione giusta, nessuna intelligenza progetterebbe un veicolo del genere. In secondo luogo da nessuna parte si dice che i KERUVIM sparino e vengano usate come armi quindi è completamente fuori luogo un “lato dove sono presenti delle armi” che qualora ci fosse sarebbe sempre lo stesso lato della cabina di pilotaggio e delle ali perché che pilota il veicolo deve poter vedere dove sta sparando, da tener presente che all’epoca le uniche armi conosciute erano la spada e l’arco, se quindi anche avesse visto dei lancia missili o cannoni laser non li avrebbe riconosciute come armi in quanto erano elementi completamente sconosciuti. Il leone infine nella cultura ebraica non ha una connotazione negativa, come aggressività, ma esprime potenza, l’aggressività come animale è più dato dal serpente. Non si comprende il ruolo del lato del bue, in un contesto di navicella spaziale. Oltre a questi ragionamenti c’è un elemento che più di tutti confuta questa interpretazione; si tratta della parola DEMUT דְמוּת. Dal dizionario si comprende che significa aspetto, fisionomia, forma, somiglianza, immagine, copia, modello, può essere tradotto con espressioni tipo: una sorta di, una specie di … Fa sempre riferimento a una somiglianza fisica e mai a una somiglianza funzionale. In questo caso Biglino sconfina nel suo metodo di tradurre tutto alla lettera e altera il significato del termine per cercare di farlo rientrare nel contesto di un astronave aliena. In ebraico ci sono diversi termini che indicano il concetto di funzionalità, azione, agire. Ezechiele avrebbe potuto usare uno di questi riferito a quello che Biglino chiama “lati”:

Quindi prendendo solo il primo termine come esempio, il testo biblico perché coincida con l’interpretazione ufologica avrebbe dovuto essere:

Al posto di:                                                                       Avrebbe dovuto essere:

Nella Bibbia avrebbe potuto essere tradotto: Le loro facce operavano similmente a … Questa espressione indica inequivocabilmente il concetto di operabilità e funzionalità, in questo caso applicato alle facce dei KERUVIM.

4) In questo caso Biglino traduce il termine RUACH come vento. In conclusione ritiene che questi “oggetti” sarebbero spinti dal vento in base alla sua direzione, come se non avessero nemmeno la possibilità di essere autonomi. Che non sia il vento a spingerli lo vede nel versetto 14 dove dice che questi esseri viaggiano avanti e indietro veloci come fulmini e il semplice vento non potrebbe mai dare questo effetto. Se invece lo traduciamo come spirito, dandogli una caratteristica senziente tutto quadra.

5) La parola RATSO רָצוֹא, voce del verbo RAZA רָצָא, la troviamo tradotta nella Bibbia come “andarono”,  più precisamente significa “correvano”

Anche questo vocabolo può riferirsi unicamente a un essere vivente dotato di gambe e non a una navicella volante.

CONTINUA….

LA VISIONE DI EZECHIELE 1/4

LE VISIONI:

Il brano della visione di Ezechiele nel capito 1 dell’anonimo libro è sicuramente il più completo e significativo riguardo la descrizione della scena celeste del trono di Dio con i suoi inseparabili KERUVIM, ma prima di iniziare ad esaminare il brano è necessario fare una premessa per capire che cosa erano queste visioni che Ezechiele descrive. Secondo Biglino, essendo agnostico, dà per scontato che il soprannaturale non esista e quindi quello che Ezechiele descrive, non è altro che un qualcosa di concreto, precisamente una sorta di velivolo volante. Tuttavia questo assunto a priori lo imposta in totale mancanza prove, diciamo che bisogna crederci sulla parola. Per la teologia invece si trattano di visioni soprannaturali che Dio permette di proiettare nella mente di Ezechiele per mostrare la sua regalità e onnipotenza oppure per dargli delle rivelazioni profetiche. Come facciamo a sapere chi ha ragione? Il passo biblico di Ezechiele 37,1-14 ci dà la risposta: Si tratta di una visione profetica, Ezechiele vide una pianura piene di ossa inaridite; Dio invita Ezechiele a profetizzare su queste ossa perché possano rivivere, riporto una parte di questo brano:

Io profetizzai come mi era stato ordinato; mentre io profetizzavo, sentii un rumore e vidi un movimento fra le ossa, che si accostavano l’uno all’altro, ciascuno al suo corrispondente. Guardai ed ecco sopra di esse i nervi, la carne cresceva e la pelle le ricopriva, ma non c’era spirito in loro. Egli aggiunse: “Profetizza allo spirito, profetizza figlio dell’uomo e annunzia allo spirito: Dice il Signore Dio: Spirito, vieni dai quattro venti e soffia su questi morti, perché rivivano”. Io profetizzai come mi aveva comandato e lo spirito entrò in essi e ritornarono in vita e si alzarono in piedi; erano un esercito grande, sterminato. (Ezechiele 37,7-10)

Si riferisce alla restaurazione del popolo e della nazione di Israele dopo quella che è stata la tragedia dell’esilio in Babilonia. Se volessimo applicare il metodo Biglino in questo brano, nel leggere tutto alla lettera e supporre che quello che il protagonista descrive siano entità materialmente concrete, troveremo un grosso problema. Risulta pressoché impossibile che Ezechiele vide concretamente delle ossa secche gradualmente trasformarsi in uomini vivi con tutta la carne e la palle completamente rigenerata e le ossa perfettamente ricomposte. Tutto questo messo in un contesto di visione soprannaturale profetica allora tutto quadra e così vale per tutte le volte che compare la parola “visioni divine” o straordinarie, compreso la visione che ora analizzeremo.

CONTESTO:

Ezechiele di cui il nome significa “Dio dà la forza” fu un sacerdote che Dio chiamò come profeta durante il travagliato periodo dell’esilio in Babilonia (593 – 571 a.c.) Il piccolo regno di Giuda fu continuamente martoriato dall’impero babilonese la potenza geopolitica dominate dell’epoca, a contrastarlo fu il re Ioiachìn che morì nel 598 a.c. Dopo a una prima ondata di deportazioni, i babilonesi misero al posto di Ioiachìn un re fantoccio di nome Sedecìa  come ruolo di co-reggente in terra di Giuda. Ma anche questo un giorno si ribellò e i babilonesi assediarono Gerusalemme per due lunghi anni finchè nel 587 a.c. cadde miseramente con la deportazione completa dei sopravvissuti. La causa di tutto ciò fu spirituale, I Giudei avevano abbandonato il Signore e confidarono solamente sulle loro forze per questo persero tutto. Ezechiele ribadì continuamente la necessità del popolo di Giuda di tornare al Signore con tutto il cuore, ma il popolo non lo ascoltò. Non fu quindi un buon periodo per Ezechiele e il suo popolo al momento della visione. Ezechiele si trovò in mezzo agli esuli sulle rive del fiume Chebar, un canale di irrigazione laterale sul fiume Eufrate che bagna Babilonia, quando a un certo punto iniziò a vedere una strana visione. Nel primo versetto dice espressamente che i cieli furono aperti, indicando che quello che stava vedendo non proviene dal mondo naturale. Se questo brano descrivesse qualcosa di concreto, visibile a tutti, a motivo delle sue straordinarie dimensione sarebbe stato visto da molti e si sarebbe radunata molta gente attorno ad Ezechiele, cosa che del brano non risulta. Il fatto che vide la scena celeste del trono indica che Dio nonostante tutto non ha abbandonato il suo popolo ed può essere presente anche lontano dalla terra di Giuda, indicando la sua regalità universale e non solamente limitato in un piccolo territorio.

L’ANALISI:

Iniziamo quindi a prendere d’esame tutto il primo capitolo del libro di Ezechiele. Dal momento che il brano è molto lungo lo esamineremo poco alla volta. Ci sarà un commento con la spiegazione dei versetti, l’analisi di alcune parole (sottolineate) che Biglino traduce in maniera errata; per far ciò sarà talvolta necessario una traduzione letterale che verrà inserita tra parentesi.

Io guardavo, ed ecco un vento tempestoso avanzare dal settentrione, una grande nube e un turbinìo di fuoco, che splendeva tutto intorno, e in mezzo si scorgeva come un balenare di metallo incandescente. (V.4) 

La visione inizia quando Ezechiele vede da lontano una tempesta avvicinarsi. Ma non si tratta di una tempesta come tutte le altre, si tratta di una grande nube di fuoco che risplende tutto attorno. In precedenza abbiamo già analizzato la relazione tra la Gloria e l’irraggiamento, siamo dunque in linea con quello che sappiamo della Gloria di Dio. Secondo Biglino il forte irraggiamento potrebbe essere provocato dai sistemi di propulsione del veicolo volante. Inserisce questa nota con il punto interrogativo in quanto non ci sono assolutamente elementi che possano confermare questa ipotesi, anzi se ci immaginiamo un veicolo a propulsione, le fiammate che spuntano dai reattori si vedono solo dietro al veicolo e non sono in grado di illuminare una intera nube, la luce che emette è molto limitata quindi questa ipotesi oltre a non avere conferme è completamente da escludere. Al centro di questa grande nube splendente compare un balenare di metallo incandescente. Questa espressione non è una traduzione letterale. Biglino traduce questa parte così:

Riguardo questa traduzione letterale, come occhio di scintilla: La parola AIN עַיִן che significa “occhio” può avere anche il significato di “luminescenza” in riferimento ai presunti fari luminosi dell’astronave aliena. La parola “scintilla” può significare anche“elettro”, una parola di origine greca che corrisponde all’oro bianco. Potrebbe essere un riferimento al colore dei fari o alle proprietà elettromagnetiche di questo minerale.  Vediamo se sul dizionario si possono riscontrare queste traduzione e di conseguenza queste interpretazioni:

1) Ora andiamo a verificare se nel dizionario alla voce AIN troviamo tra i significati anche “luminescenza”

Da come si può vedere la parola AIN ha quattro significati principali ma non compare il significato che Biglino attribuisce. Nei significati alternativi troviamo:

Quando il termine AIN si trova in una determinata struttura idiomatica esprime il concetto di lucentezza, scintillio o bagliore. Per quanto riguardo invece il termine CHASHMAL, da come risulta dal dizionario:

Non significa “scintilla” ma solamente ELETTRO, un minerale composto per lo più di oro e argento e usato nell’antichità per le decorazione o per coniare monete. Visualizziamo ora la struttura grammaticale per poter esprimere il concetto di lucentezza, scintillio o bagliore:

Preposizione KE (Come)   +   occhio AIN   +   Metallo/pietra preziosa

Questa struttura è presente anche nel versetto 7 dove al posto di ELETTRO abbiamo “rame splendente” anche se nella bibbia è tradotto con “lucido bronzo”. È presente anche in Numeri 11,7 per indicare la brillantezza della manna dal cielo. Il metallo o la pietra preziosa utilizzata in questo tipo di struttura grammaticale è indicativo di paragone in riferimento alla lucentezza e non alle proprietà fisiche del materiale, quindi il riferimento all’elettromagnetismo è fuori luogo, tra l’altro era un fenomeno che in passato non era conosciuto. La traduzione “luminescenza” della parola AIN in questa frase, alla luce di ciò che si trova nel dizionario non trova riscontro. Luminescenza e lucentezza non sono proprio la stessa cosa, anzi, il significato cambia dal giorno alla notte. Luminescenza significa che brilla di luce propria, come una lampadina; lucentezza significa che non emette luce, ma la riflette quella che arriva dell’esterno. Il testo biblico non dice che quello che Ezechiele vede è un oggetto con dei fari luminosi, come vorrebbe far immaginare Biglino. Dice che il KERUVIM è illuminato dalla nube della gloria di Dio ed Ezechiele vede la lucentezza del KERUVIM illuminato da essa che viene paragonata alla lucentezza dell’elettro, l’oro bianco. Questo è un problema per una possibile visione ufologica. Come fa la nube essere così illuminata? Da dove arriva questa luce così immensa? In un contesto di visione soprannaturale, dove la nube è la gloria di Dio tutto si spiega. Se Ezechiele avesse voluto dire che erano i KERUVIM a emettere luminescenza non avrebbe usato la struttura grammaticale analizzata in precedenza, ma sarebbe stato molto più semplice usare la parola “OR” אוֹר che significa luce.

CONTINUA…

KERUVIM IN EZECHIELE 3,13

In questa parte andremo ad analizzare i termini che compaiono nella Bibbia quando si parla dei KERUVIM che puntualmente Biglino e gli altri “liberi pensatori” impegnati in tutti i modi di annientare le scritture, affrontano dando una interpretazione in chiave ufologica. uno dei versetti più significativi lo troviamo in Ezechiele 3,13:

Era il rumore delle ali degli esseri viventi che le battevano l’una contro l’altra e contemporaneamente il rumore delle ruote e il rumore di un grande frastuono ( Ezechiele 3,13).

GLI ESSERI VIVENTI   –  CHAYOT  חַיּוֹת :

Questo termine viene usato come pseudonimo per indicare i KERUVIM, questo lo sappiamo anche perché è la stesso Ezechiele a dirlo: Erano i medesimi esseri che io avevo visto sotto il Dio d’Israele lungo il fiume Chebar e riconobbi che erano cherubini. (Ezechiele 10,20). Riguardo questo termine Biglino nel libro “Il dio alieno della Bibbiascrive: i “viventi” su cui si sono esercitati secoli di esegeti nel tentativo di definirne forma e sostanza allegorica, metaforica, mitica, esoterica… sono appunto i cherubini. Come se fosse solo lui a sapere che i cosiddetti “esseri viventi” sono i cherubini e i teologi fossero ancora li a cercare di capire cosa siano, e questo non è onesto da parte sua. Secondo Biglino la parola CHAYOT  indica una radice che esprime l’dea di movimento autonomo che farebbe pensare alle eliche o a delle turbine di un oggetto volante. Quindi Ezechiele osservando le eliche di quest’astronave, vedendo che si muovevano da sole, le chiama usando il termine CHAYOT. Una spiegazione che è stata ritenuta esaustiva dai suoi fan, ma ci sarebbe una domanda semplice da fare: È così difficile notare quanto sia paradossale che Ezechiele usi il termine che significa “essere vivente” per indicare un oggetto che non è per nulla un essere vivente? Il termine CHAYOT grammaticalmente è un sostantivo plurale femminile a motivo della sua desinenza OT. La versione al singolare è CHAYAH; questa è la parola di cui andremo a vedere cosa ci dice il dizionario:

Alla luce del dizionario possiamo affermare che viene usato esclusivamente in riferimento ad esseri viventi tipo animali o uomini in un contesto di gruppi come un distaccamento militare. Può avere anche un significato astratto come vita, vitalità, ecc.… Non c’è nessun riferimento a un generico movimento autonomo usato anche per descrivere entità non viventi, ma che hanno una sorta di movimento autonomo provocato da elementi meccanici. Se facciamo un esempio classico come il mulino che possiede un movimento autonomo pur non essendo un essere vivente troveremo che in ebraico si dice: TACHANAH oppure TECHON.

In entrambi i casi non hanno nulla a che fare con il termine o con la radice di  CHAYACH anche se stando alla definizione generale che darebbe Biglino  sarebbe un esempio che cascherebbe a pennello. Quindi interpretare il termine CHAYOT come un oggetto meccanico che muove si autonomamente è del tutto fuorviante. Se Ezechiele avesse veramente visto ciò che Biglino afferma; che termine avrebbe potuto usare? Nell’ebraico contemporaneo, attualmente in uso in Israele come lingua ufficiale, per dire “automa” si dice GOLEM. Solitamente i termini che descrivono concetti moderni che nell’ebraico biblico non è presente nessun termine corrispettivo, vengono usate altre lingue come l’Yiddish, usate con il ruolo di tappabuchi, ma nel caso del termine GOLEM, troviamo questo vocabolo anche nella Bibbia, in un solo versetto:

Salmo 139,16  Ancora informe (GOLEM גֹּלֶם ) mi hanno visto i tuoi occhi erano tutti scritti nel tuo libro i giorni che furono fissati.

Nella Bibbia è tradotto come “informe” e nel dizionario lo troviamo come “embrione?”, ma nel momento in cui compare una sola volta nella Bibbia non è facile stabilire un significato adeguato. Eppure è stato scelto questo termine per indicare un “movimento autonomo” in quanto il versetto fa riferimento a un bambino nel grembo materno che inizia a muoversi autonomamente, quindi  il termine GOLEM è quello che si avvicinerebbe di più al concetto di “movimento autonomo” e se fosse stato presente questo termine allora la teoria di Biglino sarebbe stata più fattibile, ma dal momento che troviamo invece il termine CHAYOT possiamo essere più che certi che non ha nulla a che fare con ciò che descrive Biglino. Nelle pagine successive vedremo tutte le caratteristiche di questi “viventi”.

LE ALI   –  KANAF  כָּנָף:

Secondo Biglino l’etimologia della parola KANAF indica un qualcosa che copre, quindi si tratta di un oggetto con lo scopo di coprire qualcosa. Biglino ricorre spesso all’etimologia per far allontanare il lettore dal significato reale del termine. Saper l’etimologia di una parola può essere interessante e curioso, ma non aiuta affatto a comprendere il significato della parola, infatti come accade spesso dall’etimologia al significato reale spesso non hanno molto a che fare. Biglino afferma che KANAF non si riferisce ad ali come possono essere quelle di un uccello o a quelle che per la visione teologica sono ali degli angeli, ma di semplicemente delle generiche estremità. Nel versetto che stiamo analizzando (Ezechiele 3,12-13), in riferimento alle ali troviamo: le battevano l’una contro l’altra. Letteralmente: ”univano verso sua sorella”. Questo dettaglio esclude a priori che il termine KANAF si riferisca a pale d’elica oppure a una turbina o a qualche altro congegno meccanico, ma è chiaro che quelle “estremità” sono delle ali con un’apertura talmente ambia da toccarsi l’una con l’altra alla massima apertura. Le estremità delle pale di un elicottero ruotano attorno a un asse mantenendo sempre la stessa distanza, senza mai toccarsi, una descrizione che non coincide affatto con quello che dice il versetto, eppure Biglino nel suo libro inserisce una raffigurazione di come secondo lui appariva  il KERUVIM, disegnando un veicolo con le eliche, un immagine totalmente fuorviante. Un altro dettaglio interessante lo troviamo nel capitolo 10 di Ezechiele:

Nei cherubini appariva la forma di una mano d’uomo sotto le loro ali. (Ezechiele 10,8)

Questo versetto dice chiaramente che sotto al KANAF sono presenti delle mani d’uomo; questo indica che i KERUVIM hanno forma antropomorfa con l’aggiunta di ali similmente a come vengono abitualmente raffigurati. Da notare che non troviamo solamente scritto “mano”, ma troviamo “mano d’uomo”, così Biglino non ha potuto inventarsi che quest’mano era in realtà un attrezzo meccanico che ricordava la forma della mano ma aggiungendo “d’uomo” questo indica una forma antropomorfa e preclude da ogni speculazione. Andiamo ora nel libro di Isaia al capitolo 6, dove è presente una visione della scena celeste simile a quella di Ezechiele con la diversità che Isaia vede dei Serafini al posto dei Cherubini:

Nell’anno in cui morì il re Ozia, io vidi il Signore seduto su un trono alto ed elevato; i lembi del suo manto riempivano il tempio.  Sopra di lui stavano dei serafini; ognuno aveva sei ali: con due si copriva la faccia, con due si copriva i piedi e con due volava.  Proclamavano l’uno all’altro, dicendo:
“Santo, santo, santo il Signore degli eserciti! Tutta la terra è piena della sua gloria”.
(Isaia 6,1-3)

Allora uno dei serafini volò verso di me; teneva in mano un carbone ardente …  (6)

La parola serafini (SERAFIM שְׂרָפִים) richiama una radice ebraica che significa “bruciare”; il fuoco è simbolo abituale della manifestazione divina. Questo brano non è citato da Biglino nei suoi libri, in quanto non c’è modo di identificare i serafini come mezzi meccanici volanti. Vengono chiaramente citati elementi antropomorfi quali, il viso, i piedi e la mano e non possono essere travisati, ma la prova che si trattano di esseri senzienti si vede dal fatto possono parlare, in questo caso proclamano la gloria del Signore. Troviamo infine che hanno addirittura 6 ali (KANAF) e trovandoci di fronte a una figura antropomorfa non possono essere identificati come semplici “estremità” di un veicolo. La stessa cosa vale anche per i KERUVIM con la differenza che le descrizioni di questi esseri celesti sono sparse in vari versetti ed è meno chiara rispetto ai SERAFIM per questo motivo Biglino ha trovato modo di specularci sopra tentando di identificare la parla KANAF come semplici “estremità”.

LE RUOTE   –  OFANYM  אוֹפַנִּים:

La prima domanda che verrebbe in mente: Cosa ci fanno delle ruote accanto ai cherubini e che caso sono? Secondo Biglino erano dei congegni su cui poggiavano i velivoli chiamati KERUVIM. Nel dizionario alla parola OFANYM  troviamo il significato di ruote, ma questo non significa che ciò che vide Ezechiele furono delle ruote come quelle di un carro. Ezechiele le descrive come due cerchi uno dentro l’altro e aveva un aspetto splendente come se fossero fatte di crisolito, una pietra preziosa che può essere trasparente o traslucida, di colore giallo o verde-giallastro. Per sapere meglio cosa siano questi strani soggetti dobbiamo addentrarci nel libro apocrifo di Enoch. In questo libro, ritenuto sacro per alcune confessioni cristiane come i copti d’Egitto compaiono anche qui gli OFANYM. Enoch, uno dei patriarchi citati in Genesi, intraprende un viaggio mistico insieme a due angeli per visitare i cieli. Esistono una totalità di sette cieli ed è proprio il settimo cielo che compaiono i KERUVIM insieme agli OFANYM che stanno attorno al trono o meglio alla presenza di Dio e non si allontanano mai. In particolare gli OFANYM vengono classificati nel libro di Enoch come angeli incorporei, cioè senza corpo fisico, esseri spirituali fatti da una sostanza non materiale sempre a stretto contatto come i KERUVIM o il KAVOD di YHWH. Secondo la testimonianza di Enoch possiamo dire che gli OFANYM non sono affatto un oggetto materiale,  ma qualcosa di immateriale e incorporeo strettamente legato ai KERUVIM e non qualcosa di terreno come le ruote di una carrozza o un avanzato mezzo di trasporto; per cui risulta assai improbabile che un quid di immateriale possa servire da appoggio a un quid di materiale.